Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Una ricerca comparata sulla speranza di vita in città

Anni di vita persi a Taranto

Ogni anno in città si perdono 1340 anni di vita rispetto alla speranza di vita della Puglia. PeaceLink nella conferenza stampa di oggi rinnova la richiesta di un Osservatorio della Mortalità in real time.
30 settembre 2016
Redazione Peacelink

conferenza stampa

Cliccare qui per la relazione che introduce e illustra i dati.


Cliccare qui per la tabella dei dati.

 

Cliccare qui per la spiegazione analitica dei dati in caso di difficoltà.

PeaceLink nella conferenza stampa di oggi rinnova la richiesta di un Osservatorio della Mortalità in real time. Tale Osservatorio non è stato approvato dal Sindaco di Taranto pur essendo arrivata in giunta la bozza di delibera.

A motivare una rinnovata richiesta dell'Osservatorio Mortalità in real time sono i dati di mortalità emersi in una indagine presentata oggi. 

Il dott. Stefano Cervellera ha infatti elaborato i dati di mortalità della città di Taranto calcolando gli anni di vita persi. E' una metodologia di analisi innovativa che consente di valutare lo stato di sofferenza sanitaria di Taranto attraverso il raffronto fra la "speranza di vita" della città con la provincia e la regione.

I dati che oggi presentiamo sono frutto di questa ricerca e non erano mai stati elaborati con una simile metodologia, utile sia per studi statistico-demografici sia per studi epidemiologici.

Quello che il dott. Stefano Cervellera ha fatto è cercare di misurare la divergenza di potenzialità di vita tra i territori. In questo la differenza tra le "speranze di vita" assolve molto bene, senza grosse distorsioni, al compito di comprendere le differenze fra la durata della vita a Taranto e quella nella provincia di Taranto e nella regione.

Scendendo nel dettaglio è stata confrontata la speranza di vita di Taranto con:
- la speranza di vita della provincia, dato medio dei comuni della provincia (colonne "provincia di Taranto", sfondo giallo)
- la speranza di vita della regione, dato medio del territorio regionale (colonne "media Puglia", sfondo verde);
- la speranza di vita della regione, dato migliore (colonne "best Puglia") riferito alla provincia della Regione con migliore speranza di vita.

Qui c'è la spiegazione dettagliata.

Questo è l'audio della conferenza stampa con la presentazione e la spiegazione a voce dei dati: 0/6.55 introduzione di Fulvia Gravame, da 6.56 spiegazione dati di Alessandro Marescotti

I risultati ottenuti sono schematicamente questi

- RIGA 4 (totale 2003-2013 - 11 anni): la sommatoria delle differenze fra le speranze di vita nei tredici anni fra il 2003 e il 2013
- RIGA 5 (media annua): la media annua disaggregata maschi/femmine
- RIGA 7 (media annua maschi + femmine): la media annua maschi+femmine

Conclusioni
Lo studio mette in evidenza, attraverso il confronto fra le speranze di vita, alcuni dati drammatici e inequivocabili:

a) a Taranto si perdono 937 anni di vita in media ogni anno facendo un raffronto con la provincia;

b) a Taranto si perdono 1340 anni di vita in media ogni anno facendo un raffronto con la regione;

c) a Taranto si perdono 2665 anni di vita in media ogni anno facendo un raffronto con la provincia della Regione che ha la più alta speranza di vita (in genere è Bari la provincia con la migliore speranza di vita);

Disaggregando per maschi e femmine emerge che a Taranto sono gli uomini che perdono più anni di vita.

In particolare ogni anno gli uomini a Taranto

d) perdono 657 anni di vita rispetto alla media provinciale, 912 anni di vita rispetto alla media regionale e 1419 anni di vita rispetto alla provincia con più elevata speranza di vita.

 

Per quanto riguarda le donne

e) perdono ogni anno 280 anni di vita rispetto alla provincia di Taranto, 428 rispetto alla media regionale e 1246 anni rispetto alla speranza di vita della migliore provincia.

 

Alcuni elementi per valutare meglio

A Taranto città ci sono circa 2000 decessi ogni anno e la durata della vita risulta mediamente inferiore a quella della provincia e della regione. Questa ricerca ha puntato a contare quanti anni di vita vengono mediamente “sottratti” alle persone anche a causa delle note situazioni di inquinamento ambientale che generano situazioni di criticità sanitaria a volte palesi e a volte invisibili.

Associazione PeaceLink
www.peacelink.it
Conferenza stampa 30 settembre 2016

Articoli correlati

  • Danni neurotossici causati da piombo e arsenico nei bambini di Taranto
    Taranto Sociale
    Nuovo studio italiano pubblicato sullo Scientific Report di Nature

    Danni neurotossici causati da piombo e arsenico nei bambini di Taranto

    Disturbi da deficit di attenzione, autismo e iperattività, sarebbero riscontrati in numero maggiore, nei quartieri più vicini al siderurgico: Tamburi e Paolo VI. Siamo stanchi di prestare le nostre vite e quelle dei nostri figli, come se fossimo cavie da laboratorio.
    19 giugno 2021 - Giustizia per Taranto
  • Ex Ilva: Peacelink, rischio cancerogeno inaccettabile
    Taranto Sociale
    I dati relativi alle polveri sottili (PM2,5 e PM10) e al biossido di azoto (NO2)

    Ex Ilva: Peacelink, rischio cancerogeno inaccettabile

    “L’aria di Taranto non rispetta i limiti dell'Organizzazione mondiale della sanità” dice Peacelink, per la quale “a fronte di una situazione sanitaria fortemente compromessa, la popolazione di Taranto dovrebbe godere di una protezione particolare".
    18 giugno 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • Richiesta di fermo batteria 12 cokeria ILVA per mancata messa a norma
    Taranto Sociale
    Lettera al Ministro della Transizione Ecologica Roberto Cingolani

    Richiesta di fermo batteria 12 cokeria ILVA per mancata messa a norma

    E' stato autorizzato uno scenario emissivo (6 milioni di tonnellate annue di acciaio) a cui corrisponde un rischio cancerogeno inaccettabile. Tutto ciò è acclarato dalla nuova VDS (Valutazione Danno Sanitario) sarà segnalato alla Procura della Repubblica
    15 giugno 2021 - Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto
  • Anche 6 milioni di tonnellate di acciaio sono troppe
    Ecologia
    Produzione ILVA a Taranto

    Anche 6 milioni di tonnellate di acciaio sono troppe

    E adesso come faranno ad autorizzare 8 milioni di tonnellate/anno se già 6 mettono a rischio la salute della popolazione? Arpa Puglia, Aress e Asl fanno i calcoli ed emerge ciò che era ovvio. La VIIAS del 2019 aveva dato rischio sanitario inaccettabile a 4,7 milioni di tonnellate/anno di acciaio.
    20 maggio 2021 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)