Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Forniti all'attenzione della Procura i risultati dei recenti carotaggi

"Si indaghi per avvelenamento delle acque e per disastro ambientale nella falda"

Contaminazione del terreno, della falda superficiale e profonda. Sotto l'ILVA emergono i dati di una catastrofe, con sforamenti di metalli pesanti e altre sostanze neurotossiche, cancerogene e genotossiche.
31 ottobre 2016
Associazione PeaceLink

 

Stamattina un gruppo di cittadini di Taranto ha portato una considerevole mole di dati ambientali ai Carabinieri di Taranto. Caratterizzazione Parchi Minerali Ilva

Oltre a noi hanno firmato l'esposto Giuseppe D'Aloia e Giuseppe Roberto come cittadini interessati.

I dati sono stati consegnati all'attenzione della Procura affinché si individuino tutte le responsabilità del disastro ambientale che ha compromesso il suolo, la falda superficiale e la falda profonda di Taranto, in corrispondenza dei parchi minerali Ilva.

Una miniera di sostanze cancerogene, genotossiche e neurotossiche emerge dai recenti carotaggi nell'area di stoccaggio ILVA.

Si tratta di aree che per anni - in assenza di una copertura - sono state bagnate senza considerare le conseguenze sulla falda, senza che ci fosse una effettiva impermeabilizzazione del suolo e senza un efficace sistema di raccolta globale delle acque piovane.

PeaceLink ritiene improcrastinabile la messa in sicurezza d'emergenza delle aree interessate per evitare il protrarsi e l'aggravarsi della contaminazione. 

Tutti i dati della contaminazione sono consultabili sul sito di PeaceLink all'indirizzo web http://www.peacelink.it/ecologia/a/43706.html

E' urgente che la magistratura si occupi direttamente di quanto è accaduto al suolo profondo e al sottosuolo supplendo alle lungaggini delle procedure amministrative, individuando le responsabilità della contaminazione e interrompendo i tatticismi che hanno consentito in questi anni agli avvocati dell'ILVA di procrastinare sine die la messa in sicurezza d'emergenza della falda.

E' il momento di bloccare la catastrofe e di individuarne gli artefici. I cittadini chiedono alla Procura che si indaghi in base alle seguenti ipotesi di reato: avvelenamento di acque e disastro ambientale.

Vogliamo inoltre sapere se l'acqua avvelenata dai metalli pesanti è stata usata per irrigare la terra e se vi è il rischio di contaminazione dei prodotti agricoli. Vogliamo sapere se vi è tracciabilità degli stessi, se i consumatori possono esercitare un controllo informato e il diritto di non acquistare i prodotti che provengono dalle aree interessate dalla contaminazione.

Vogliamo sapere se vi sono controlli sui metalli pesanti nella frutta e nella verdura e dove si possono scaricare i rapporti di prova di tutte le analisi relative alla sicurezza alimentare. La ASL deve trasformare in proprio sito in una vetrina dove poter consultare tutte le analisi degli alimenti con la georeferenziazione dei punti di prelievo. Occorre dotare gli organi di controllo di analizzatori portatili di metalli XRF per individuare in real time sul suolo i metalli pesanti alla presenza dei cittadini che vogliano collaborare, segnalare e controllare.

Va interrotto un sistema di delega al buio che priva il consumatore del diritto di esercitare una libera scelta. Tutti devono poter scegliere liberamente se acquistare o no prodotti provenienti dalle aree vicine all'ILVA al di là che essi vengano dichiarati "a norma di legge" oppure no. Ognuno ha il diritto ad acquistare prodotti "ILVA free".

Vogliamo la verità su chi ha provocato il disastro ambientale nelle viscere della terra e vogliamo che si intervenga subito senza aspettare la vendita dell'ILVA o il suo fallimento. Non si può aspettare oltre. Quello che è accaduto in questi anni è moralmente una vergogna nazionale oltre che un'offesa alla giustizia e alla legalità. 

Per PeaceLink

Antonia Battaglia
Fulvia Gravame
Carlo Gubitosa
Luciano Manna

 

Alessandro Marescotti

Piero Mottolese

 

 

Articoli correlati

  • Vince la cittadinanza attiva
    Editoriale
    La batteria 12 della cokeria dell'ILVA di Taranto va fermata

    Vince la cittadinanza attiva

    Vince contro le pretese dell'azienda di continuare a produrre nonostante tutto, nonostante la grave situazione sanitaria dovuta all'inquinamento. Impianti fuori norma, come la cokeria 12, non possono continuare a produrre.
    21 luglio 2021 - Associazione PeaceLink
  • Ordinanza del TAR Lazio sulla batteria 12 della cokeria ILVA: occorre fermarla entro il 30 agosto
    Ecologia
    Il TAR Lazio scrive che occorre "operare per la messa fuori produzione della batteria 12"

    Ordinanza del TAR Lazio sulla batteria 12 della cokeria ILVA: occorre fermarla entro il 30 agosto

    Rigettate le motivazioni anti-covid alla base dei ritardi della messa norma della più grande batteria della cokeria ILVA. PeaceLink si era costituita "ad opponendum" rispetto all'istanza di Acciaierie d'Italia che richiedeva lo slittamento al gennaio 2022 dell'adempimento ambientale.
    21 luglio 2021 - Redazione PeaceLink
  • ILVA, la perizia epidemiologica richiesta dal gip Patrizia Todisco e il decreto di sequestro
    Processo Ilva
    Autori: Forastiere, Biggeri, Triassi

    ILVA, la perizia epidemiologica richiesta dal gip Patrizia Todisco e il decreto di sequestro

    Conclusioni: "L’esposizione continuata agli inquinanti dell’atmosfera emessi dall’impianto siderurgico ha causato e causa nella popolazione fenomeni degenerativi di apparati diversi dell’organismo umano che si traducono in eventi di malattia e di morte".
    Redazione PeaceLink
  • "Stop batteria 12 della cokeria"
    Taranto Sociale
    Acciaierie d’Italia, nonostante il decreto ministeriale, non ha fermato l'impianto a Taranto

    "Stop batteria 12 della cokeria"

    “Ce la mettiamo tutta per fermare la batteria 12 della cokeria - dice il portavoce di Peacelink, Alessandro Marescotti - abbiamo già depositato l'atto e martedì con il nostro avvocato siamo inviatati a partecipare alla discussione. Abbiamo fatto ricorso ad opponendum contro Acciaierie d'Italia".
    18 luglio 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)