Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

A Brescia serve una bonifica subito

Una petizione per Brescia, una città straziata dall'inquinamento chimico
1 novembre 2016


M. Ruzzenenti (secondo da destra) presenta Antonio ai partecipanti al convegno "Puliamo l'Italia", sul piccolo fondo che coltivava vicino alla Caffaro (2013 L.Giannotti)

 PETIZIONE PER UNA BONIFICA

"Ogni nome che si aggiunge rafforza la campagna e ci avvicina al cambiamento che vorremmo vedere". 

http://www.fare.progressi.org/petitions/bonifichiamo-subito-il-sito-contaminato-di-caffaro-brescia

Sono le parole con cui Marino Ruzzenenti chiede ai cittadini di sostenere attivamente la richiesta di attuare una bonifica prevista da tempo.

Brescia e' una città straziata dall'inquinamento chimico, che ha contaminato campi, acqua e persino il sangue dei suoi abitanti. 

Marino Ruzzenenti ha portato alla luce i danni provocati dagli impianti chimici della Caffaro, da studioso e attivista di valore e di eccezionale sensibilità. La sua battaglia e' stata lunga, paziente ed efficace, con un impegno e risultati a favore di tutti, come sempre quando c'e' inquinamento. 

La puntata di Presa Diretta sul caso Caffaro di Brescia https://www.youtube.com/watch?v=-7S8XIqBBog

Il suo lavoro e la gravissima situazione ambientale e di Brescia e dei quartieri intorno alla fabbrica, i cui abitanti hanno percentuali di PCB nel sangue anche 100 volte oltre i limiti di sicurezza,  sono descritti nel suo libro:"Un secolo di cloro ... e PCB", che ha finalmente richiamato l'attenzione delle istituzioni. 

Dal libro ha preso le mosse l'inchiesta di Riccardo Iacona oggetto di una puntata di "Presa Diretta"in cui già si evidenziavano i ritardi degli interventi di bonifica. L'inchiesta riassume con efficacia la situazione sanitaria degli abitanti di Brescia, confrontandola con altre nel mondo: quella degli abitanti delle isole Faroe, che si cibavano di carne di balena (in cima alla catena alimentare e quindi a maggiore rischio) e dei cittadini della città americana di Anninton, in Alabama, abitata ormai solo da neri e bianchi di condizioni modeste. Qui la multinazionale MONSANTO produceva appunto PCB. Nel 1932 fu proprio dalla Monsanto che la Caffaro di Brescia acquisì il brevetto per produrre PCB.

MATERIALI SU BRESCIA E ALTRI SIN

Dal Convegno "Puliamo l'Italia", 14 - 15 Ottobre 2013: 

 http://www.industriaeambiente.it/convegno_sin/default.asp

http://www.cittadinireattivi.it/place/e-nato-il-coordinamento-nazionale-siti-contaminati/

Il Duomo Vecchio di Brescia (2013 L.Giannotti)

La contaminazione da diossine e PCB (policlorobifenili), oltre che da cromo esavalente e altre sostanze fortemente tossiche, è purtroppo una realtà nota in altre zone d'Italia, tra cui l'area di Taranto.

Brescia, Taranto e altre località sono state dichiarate SIN. Si tratta di 56 "siti d'interesse nazionale" in cui è indispensabile una bonifica ambientale, come già accertato e scritto in una legge. Nel convegno tenutosi a Brescia nell'autunno del 2013 “Puliamo L'Italia – Dall'Archeologia Industriale alla Rigenerazione del Territorio”, sono stati raccolti importanti contributi e testimonianze di studiosi, giornalisti e cittadini anche  su esperienze virtuose di bonfica ambientale. In quell'occasione Associazioni e comitati provenienti dai territori più inquinati d'Italia hanno fondato il "Coordinamento Nazionale Siti Contaminati". In seguito vi hanno aderito numerosi altri comitati; è da ricordare infatti che i siti inquinati sono circa 15.000 e coinvolgono milioni di abitanti.  

Note: "PRESA DIRETTA" puntata del 31.03.2013 sul caso Caffaro:
http://www.rai.it/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-5921b0a3-a639-45d3-a383-c9dc655bfdb4.html
https://www.youtube.com/watch?v=-7S8XIqBBog

Per saperne di più sui veleni di Brescia e del Lago di Garda:
- http://brescia.corriere.it/notizie/cronaca/15_ottobre_21/brescia-caffaro-continua-diffondere-veleni-nuovo-allarme-cromo-mercurio-f6faea7c-77ca-11e5-95d8-a1e2a86e0e17.shtml
- http://www.bresciatoday.it/cronaca/anguille-vietate-garda-diossine-pcb.html

I 56 SIN e le leggi di riferimento:
http://www.isprambiente.gov.it/it/temi/suolo-e-territorio/siti-contaminati/riferimenti_normativi_sin_aprile_2014.pdf

Siti di informazione e documentazione ambientale curati da M. Ruzzenenti:
www.ambientebrescia.it
www.industriaeambiente.it (per la Fondazione Luigi Micheletti)

Articoli correlati

  • Troppi decessi in nove anni nelle zone vicine all'industria
    Taranto Sociale
    Taranto, l'analisi dei dati presentata da PeaceLink

    Troppi decessi in nove anni nelle zone vicine all'industria

    Nei quartieri Tamburi, Paolo VI e Borgo dal 2010 al 2012 la media annua è 82 morti in più, dal 2013 al 2015 l'eccesso di mortalità scende a 74 per poi risalire a quota 78 nel triennio 2016-2018
    Paola Casella
  • A Taranto 600 bambini sono nati malformati: ma l'informazione non diventa notizia
    MediaWatch
    A proposito di notiziabilità dell'informazione

    A Taranto 600 bambini sono nati malformati: ma l'informazione non diventa notizia

    Sul Rapporto di Valutazione del Danno Sanitario dell'ILVA di Taranto c'era questo dato, assieme a uno stralcio dei dati dello Studio Sentieri. Il governo ha voluto evitare di dare in pasto ai giornalisti questa ricerca, rinviandone al 4 luglio la presentazione pubblica.
    31 maggio 2019 - Alessandro Marescotti
  • Progetto EzMi - Elettrizza Milano!
    Ecologia
    Una soluzione all'inquinamento

    Progetto EzMi - Elettrizza Milano!

    Il progetto trae spunto dalla constatazione che molti cittadini farebbero uso dei mezzi elettrici in sharing ma faticano a superare semplici difficoltà legate all’uso di nuove tecnologie
    21 aprile 2019 - Laura Tussi
  • Convegno a Taranto:
"Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro e di vita"
    Taranto Sociale
    Comunicato di Medicina democratica

    Convegno a Taranto: "Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro e di vita"

    "I cittadini e i lavoratori di Taranto hanno ragioni “da vendere”- ha aggiunto Caldiroli- per pretendere la chiusura o almeno una drastica riduzione dell'impatto dei processi produttivi maggiormente inquinanti (in particolare dell’area a caldo) degli impianti ex ILVA di Taranto.
    12 aprile 2019 - Medicina democratica
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.24 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)