Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

In memoria di Stefano Delli Ponti

Il 30 dicembre di tre anni fa moriva Stefano Delli Ponti operaio dell’Ilva ucciso da un tumore
1 gennaio 2017
Fulvio Colucci

Stefano Delli Ponti Il 30 dicembre di tre anni fa moriva Stefano Delli Ponti operaio dell’Ilva ucciso da un tumore. Il suo nome è ricordato per la battaglia che condusse contro l’azienda; l’Ilva infatti bloccò la colletta organizzata dai suoi compagni di lavoro per permettergli cure all’estero.
Ripubblichiamo l’articolo apparso il primo gennaio 2014 sulla Gazzetta del Mezzogiorno e scritto il giorno prima: i funerali di Stefano Delli Ponti si celebrarono il 31 dicembre 2013.

Le agenzie di stampa contano chi c’è e chi no. Come se al funerale di un operaio dell’Ilva, il funerale di Stefano Delli Ponti, martedì 31 dicembre, vigilia di Capodanno, facesse differenza un gonfalone in più o in meno, un sindaco, un vescovo, un ambientalista (sempre assenti gli ambientalisti quando c’è da piangere un operaio) o un dirigente aziendale in più o in meno, per elevarlo al rango di cerimonia dei solenni addii
A salutare Stefano, morto dopo una lunga battaglia nella trincea dei tumori di fabbrica, quattrocento uomini e donne. Chi rivestiva una carica istituzionale (pochi, pochissimi, quasi nessuno) ha preferito mescolarsi tra quegli uomini e quelle donne della generazione perduta, la generazione Ilva: 35enni in bilico tra pane e veleno. Era il silenzio l’unica cifra da serbare per rispetto verso la bara di legno chiaro e il suo tragitto inesorabile come la pioggia dell’ultimo dell’anno.

Il sacerdote celebra le esequie alla chiesa di Sant’Egidio al Tramontone. Sant’Egidio, il santo dei poveri: “Dalla morte non si guarisce. Solo Dio guarisce”. Ma dal male di un lavoro che uccide guarire si può rispettando l’uomo. Altrimenti non avrebbe senso appellarsi a Dio: “Dio è gioia, è vita. Il male, la morte vengono dal nemico di Dio. Dio è con noi e vuol spezzare le catene della morte”. Piangeva sommessamente Doriana, la moglie di Stefano. E con lei i compagni di lavoro, gli occhi rossi delle albe e delle notti insonni d’acciaieria.

Raccontare il saluto a Stefano Delli Ponti è guardare non a una catena, ma a una corda; di quelle intrecciate dal cordaio Egidio, santo dei poveri. Ai due estremi del filo teso con violenza dal dramma, da un lato, le parole del compagno di lavoro dell’operaio morto, come lui ammalatosi di tumore e come lui costretto a rimanere in fabbrica per non subire decurtazioni dello stipendio, ché “col mutuo non si scherza, come diceva Stefano e io ora rivivo il suo dramma”. Dall’altro capo il dispensare tutti dalle condoglianze. Lo annuncia il sacerdote in chiesa. Finale asciutto com’era asciutto nel suo dire Stefano, nel suo agire, nel suo vivere. Non nel suo amare: “Chi penserà ai miei figli?”.

E’ una generazione perduta, la generazione Ilva. Consuma anche otto funerali in un anno, tra caduti in fabbrica e malati. L’abbiamo persa senza comprenderne il disperato bisogno di aiuto, il grido ingoiato dai rumori sordi dei piani di carico alle cokerie.

Polemizzare adesso sull’aiuto economico dato a Stefano pare delirante, di fronte a quella bara in legno chiaro pronta per il cimitero della terra rosso ruggine. Scrivono gli operai Slai Cobas su un volantino: “Siamo stufi di recarci ogni giorno al lavoro sapendo di non vivere in questo ambiente serenamente. Siamo stufi di avere paura e di piangere i nostri morti, i vostri morti. Siamo sicuri di volere questo? Essere testimoni impassibili di nefandezze? Riflettete: nessuno è immune dalla malattia e dall’infortunio. O no? E perdonate questo continuo porre domande”.

Articoli correlati

  • Ecologia

    Siti più inquinati d'Italia: da Sentieri e Inail i numeri di drammatiche bombe sanitarie

    Taranto, Terra dei Fuochi, Brescia, Livorno, Sicilia, Bussi e tanti altri. Il quinto rapporto Sentieri e quello dell'INAIL sulle malattie professionali nei siti di interesse nazionale documentano la mappa di un’Italia avvelenata e devastata in cui aumentano le malattie più gravi
    10 marzo 2020 - Alessio Di Florio
  • Il ministro Patuanelli parla di "dieci miliardi di tonnellate" di acciaio prodotte in Italia
    Ecologia
    Il pentastellato confonde milioni per miliardi

    Il ministro Patuanelli parla di "dieci miliardi di tonnellate" di acciaio prodotte in Italia

    A proposito dell'ILVA il ministro del MISE più volte pronuncia con convinzione numeri privi di senso davanti alla telecamera di Repubblica, confondendosi in un crescendo di amenità senza capo né coda
    5 marzo 2020 - Alessandro Marescotti
  • Retroscena ILVA, oggi la firma sul nuovo contratto di affitto e vendita
    Ecologia
    Viene prevista una nuova Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA)

    Retroscena ILVA, oggi la firma sul nuovo contratto di affitto e vendita

    Il governo sposta al 2025 il termine della messa a norma degli impianti. La Corte Costituzionale aveva di fatto "chiuso un occhio" sul primo decreto salva-ILVA contando sul fatto che il completamento dell'AIA sarebbe stato compiuto nel 2015. Oggi invece vengono tollerati ben dieci anni di ritardo.
    4 marzo 2020 - Associazione PeaceLink
  • Quando la decarbonizzazione nasconde la fregatura
    Editoriale
    Il Green New Deal per l'ILVA prevede di allungare i tempi di messa a norma degli impianti

    Quando la decarbonizzazione nasconde la fregatura

    Sentirete parlare di un nuovo stabilimento siderurgico "green" per Taranto, con un nuovo piano ambientale ambizioso e all'avanguardia. Non vi fate abbindolare. Il vero scopo del nuovo piano è quello di dare altri due anni di tempo per la messa a norma degli impianti. Intanto la gente muore.
    3 marzo 2020 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.34 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)