Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Servizio TG3

"La Mamma cattiva"

Nel frattempo il Consiglio comunale di Taranto vota contro l'Osservatorio Mortalità, un progetto di informazione in tempo reale che sarebbe stato a costo zero per il Comune. Meglio non conteggiare le vittime dell'inquinamento
Fonte: TG3 FuoriTG

Il servizio di Romolo Sticchi dura 15 minuti ed è andato in onda su Raitre ieri.

"Dodicimila cittadini esposti al rischio cancro; falde inquinate, polveri e metalli pesanti nell'aria; aiuole cariche di diossina vietate ai bambini di Tamburi, che statisticamente, a causa dell'inquinamento, hanno un quoziente intellettivo inferiore di 10 punti a chi abita lontano dall'acciaieria. Parte da questi numeri l'inchiesta di Romolo Sticchi sull'ILVA 'mamma cattiva' in onda venerdì 31 marzo alle 13.40 a 'FuoriTg', lo spazio di approfondimento del Tg3" riferiscono in un comunicato dalla Rai.

 

Poco prima il Consiglio comunale di Taranto aveva respinto l'"Osservatorio Mortalità in tempo reale" che avrebbe consentito a Taranto di avere giorno dopo giorno il conteggio ufficiale dei decessi, in particolare con un approfondimento nei giorni di picchi di polveri sottili provenienti dall'area industriale.

L'Osservatorio proposto da Lina Ambrogi Melle - consigliera di opposizione - riprendeva un'idea progettuale di PeaceLink che ha una sua validità scientifica in situazioni ad alto rischio.

E' stata già discussa in ambito ASL in un confronto con me, Fulvia Gravame e con il dott. Stefano Cervellera, esperto di statistica e demografia, appurandone la fattibilità e l'utilità, pun non sostituendo l'esigenza di approfondimenti epidemiologici, necessariamente più laboriosi e lunghi.

L'Osservatorio proposto non pesava sulle casse del Comune essendo a costo zero.

Perché allora la schiacciante maggioranza dei consiglieri comunali si è espressa contro l'Osservatorio?

Ovviamente perché i numeri dei decessi andrebbero a contraddire la loro tesi.

Infatti vogliono credere che la situazione si sia normalizzata. Non vogliono l'Osservatorio perché non vogliono fare il conteggio delle vittime, ne sono convinto. E' per me chiarissimo.

Del resto il servizio di Raitre è abbastanza chiaro: il territorio non è bonificato. E quei signori che hanno votato contro l'Osservatorio non hanno messo in campo nessun piano di bonifica di un territorio che continua a far ammalare le persone per il fatto semplicissimo che è contaminato, che è piano di polveri velenose con cui la gente ha a che fare nella vita quotidiana.

Qui c'è di mezzo il codice penale se si approva l'Osservatorio Mortalità in tempo reale. Accertare un eccesso di morti, averne contezza e non fare nulla è da codice penale. Meglio non sapere per non fare nulla. E questo lo sanno bene tutti quelli che preferiscono non fare il conteggio delle vittime.

Il quadro è chiarissimo, come chiarissimo è il servizio televisivo di Romolo Sticchi.

Un domani che uscisse la perizia Forastiere 2020 e si accertasse che nel 2017 persisteva un eccesso di mortalità, come si potrebbe difendere chi nel 2017 sapeva (grazie all'Osservatorio) e non agiva?

Ed ecco allora la soluzione: non approvare l'Osservatorio. Meglio non sapere.

Ma a parte gli aspetti legali, ci sono gli aspetti morali.

Quello che sta avvenendo è MOSTRUOSO da un punto di vista morale: si sceglie di non sapere e di non approvare uno strumento di informazione offerto a COSTO ZERO.

Non ho più parole di sdegno per esprimerlo.

 

Articoli correlati

  • Ecologia

    Siti più inquinati d'Italia: da Sentieri e Inail i numeri di drammatiche bombe sanitarie

    Taranto, Terra dei Fuochi, Brescia, Livorno, Sicilia, Bussi e tanti altri. Il quinto rapporto Sentieri e quello dell'INAIL sulle malattie professionali nei siti di interesse nazionale documentano la mappa di un’Italia avvelenata e devastata in cui aumentano le malattie più gravi
    10 marzo 2020 - Alessio Di Florio
  • Il ministro Patuanelli parla di "dieci miliardi di tonnellate" di acciaio prodotte in Italia
    Ecologia
    Il pentastellato confonde milioni per miliardi

    Il ministro Patuanelli parla di "dieci miliardi di tonnellate" di acciaio prodotte in Italia

    A proposito dell'ILVA il ministro del MISE più volte pronuncia con convinzione numeri privi di senso davanti alla telecamera di Repubblica, confondendosi in un crescendo di amenità senza capo né coda
    5 marzo 2020 - Alessandro Marescotti
  • Retroscena ILVA, oggi la firma sul nuovo contratto di affitto e vendita
    Ecologia
    Viene prevista una nuova Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA)

    Retroscena ILVA, oggi la firma sul nuovo contratto di affitto e vendita

    Il governo sposta al 2025 il termine della messa a norma degli impianti. La Corte Costituzionale aveva di fatto "chiuso un occhio" sul primo decreto salva-ILVA contando sul fatto che il completamento dell'AIA sarebbe stato compiuto nel 2015. Oggi invece vengono tollerati ben dieci anni di ritardo.
    4 marzo 2020 - Associazione PeaceLink
  • Quando la decarbonizzazione nasconde la fregatura
    Editoriale
    Il Green New Deal per l'ILVA prevede di allungare i tempi di messa a norma degli impianti

    Quando la decarbonizzazione nasconde la fregatura

    Sentirete parlare di un nuovo stabilimento siderurgico "green" per Taranto, con un nuovo piano ambientale ambizioso e all'avanguardia. Non vi fate abbindolare. Il vero scopo del nuovo piano è quello di dare altri due anni di tempo per la messa a norma degli impianti. Intanto la gente muore.
    3 marzo 2020 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.34 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)