Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Torino: non solo smog. Arriva anche la diossina dell'Ilva

Il rifiuto è Teratogeno: nocivo per la funzione sessuale e fertilità
17 novembre 2017

Documento di trasporto polveri elettrofiltri MEEP ILva

"La situazione dell'inquinamento a Torino è estremamente seria" scriveva qualche giorno fa su twitter Chiara Appendino, sindaca di Torino. Alla fine di ottobre Torino affrontava la seria problematica dei valori elevati di pm10 tanto a seguito della quale, oltre a consigliare ai cittadini di tenere le finestre chiuse, si adottò anche la decisione del blocco dei veicoli più inquinanti. 

Nella stessa città, più precisamente ad Orbassano, giungono anche i rifiuti speciali pericolosi con codice Cer 100207 e con caratteristica pericolo HP10, cioè teratogeno: pericoloso per la riproduzione, e quindi che ha effetti nocivi sulla funzione sessuale e sulla fertilità degli uomini e delle donne adulti, nonché sullo sviluppo della progenie.

Si tratta delle polveri degli elettrofiltri MEEP dell'Ilva di Taranto, "rifiuti solidi prodotti dal trattamento dei fumi contenenti sistanze pericolose", fumi che contengono diossine. Vengono conferiti presso l'impianto della società  AMBIENTHESIS SPA, con sede ad Orbassano in provincia di Torino per mezzo della società di trasporto ECOLOGICA SUD SERVIZI SRL. Proprio in occasione delle opere logistiche messe in opera nel siderurgito tarantino per il conferimento presso la società piemontese alcuni sacconi che contenevano questi rifiuti speciali pericolosi furono posti in attesa di spedizione su un mezzo che a sua volta fu posto in sosta nell'area parcheggio denominata La Rotonda. Il 2 luglio, alle ore 17.00, gli addetti dell'area parcheggio notarono che si sprigionava un principio di incendio che interessava questi big bags e fu necessario l'intervento dei Vigili del Fuoco del Comando Provinciale di Taranto.

A seguito di questo episodio solo il giorno dopo Ilva fece intervenire la ditta Castiglia srl per le operazioni di pulizia e il riconfezionamento dei materiali in nuovi big bags e successivamente fece rientrare in stabilimento l'intero carico. Nella stessa documentazione fornita da Ilva si legge che il carico è rientrato in stabilimento "causa ignizione", cioè una combustione che per alcuni materiali avviene senza nessun innesco e soltanto per il raggiungimento di una determinata temperatura.

La stessa documentazione attesta che il 30 giugno sono state conferite da Ilva ad AMBIENTHESIS 25.120 kg, il 12 luglio 20.900 kg e il 26 luglio 27.280 kg (polveri degli elettrofiltri MEEP rifiuti speciali pericolosi codice Cer 100207).

 

Documenti di trasporto in allegato.

Allegati

Articoli correlati

  • Festival della Nonviolenza e della Resistenza civile - Torino
    Pace
    Centro Studi Sereno Regis, PeaceLink, Disarmisti Esigenti:

    Festival della Nonviolenza e della Resistenza civile - Torino

    La nonviolenza è il filo conduttore sia per il caso Ilva di Taranto sia per il modello Riace: razzismo ambientale, razzismo verso i migranti
    16 agosto 2019 - Laura Tussi
  • "Di Maio ha realizzato cose che noi umani non immaginavamo"
    Laboratorio di scrittura
    Botta e risposta online

    "Di Maio ha realizzato cose che noi umani non immaginavamo"

    "Marescotti! Che figura barbina per tre minuti di celebrità sulle spalle dei tarantini e del PIÙ giovane, bravo, preparato, onesto e capace Ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico!"
    6 agosto 2019 - Alessandro Marescotti
  • Polmoni d'acciaio
    Legami di ferro
    Un documentario sul ciclo internazionale dell'acciaio

    Polmoni d'acciaio

    "Polmoni d'acciaio" è un video su tre impianti siderurgici collegati fra loro da problematiche molto simili. Racconta la devastazione ambientale che accomuna la Foresta Amazzonica e gli impianti siderurgici alimentati dalla multinazionale Vale, fra cui l'ILVA di Taranto
    26 maggio 2018 - Redazione PeaceLink
  • Una figlia racconta l'amore per la terra di suo padre che poi ha dovuto combattere la diossina
    Taranto Sociale
    Per qualcuno l'amore per la terra è una vocazione

    Una figlia racconta l'amore per la terra di suo padre che poi ha dovuto combattere la diossina

    Don Angelo Fornaro è il proprietario della Masseria Carmine, una delle sette danneggiate dalla diossina. E' presente a tutte le udienze del processo "Ambiente svenduto" che deriva anche da un suo esposto. Il 13 luglio 2019 ha compiuto 85 anni e sua figlia ha voluto raccontare la sua storia.
    21 luglio 2019 - Rosanna Fornaro
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.25 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)