Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Famiglie senz'auto...si può fare!

All'estero è una scelta diffusa, da noi sembra follia. Eppure è l'unica strada possibile per un futuro più umano: abbandonare l'auto di proprietà, a favore della bici, dei mezzi pubblici, delle auto (elettriche) condivise. Il 9 giugno le famiglie senz'auto si riuniscono a Bologna!
12 maggio 2018
Linda Maggiori

 

Dall'esperienza del gruppo FB Famiglie senz'auto, il 9 giugno 2018  a Bologna nasce il primo raduno nazionale di tutte le persone (single, famiglie, coppie...) che hanno deciso o si sono trovati a gestire i propri spostamenti quotidiani senza possedere un'automobile di proprietà: uomini, donne, bambini, giovani e anziani che ogni giorno usano i piedi, il trasporto pubblico e la bicicletta, normale o assistita, e quando necessario guidano auto prestate, noleggiate o del car sharing.
Una scelta normale nei paesi nordeuropei, ma rivoluzionaria in Italia, dove l'auto di proprietà viene utilizzata dall'86% dei cittadini maggiorenni e circolano 50 milioni di veicoli, tra auto, moto, scooter, autocarri, autotreni (dati Legambiente). In Italia la stragrande maggioranza degli spostamenti compiuti in auto si potevano fare in bici o mezzi pubblici, e si concentrano nel raggio di 10 km.
La scelta di abbandonare l'auto può nascere da tanti desideri: diminuire al massimo il proprio impatto ambientale, condurre un'esistenza quotidiana più serena, fare movimento fisico e soprattutto risparmiare tanti soldi. Una ricerca di federconsumatori calcola fino a 4.623 euro all'anno per mantenere la propra auto, cifra che arriva a 7000 se si considera bollo, costo acquisto e ammortamento.
Una scelta contro il riscaldamento globale, visto che i trasporti sono la causa del 27% delle emissioni clima alteranti e stanno continuando a crescere.
Una scelta a favore del bene comune e della democrazia, visto che ogni auto implica posti auto, terreno cementificato e sottratto all'uso pubblico, al verde, all'arte, alla cultura, al gioco dei bambini. 
Una scelta di pace, perchè la nostra dipendenza dai carburanti (diesel, benzina, metano, gpl) e quindi dal petrolio e dal gas, sono alla base del traffico di armi verso i paesi dittatoriali (Arabia Saudita...).
Una scelta non violenta visto che ogni anno muoiono su strada almeno 3200 persone...(cifre sconvolgenti, equivalgono a un piccolo comune sterminato ogni anno, a causa dell'auto!)
L'auto elettrica può essere una soluzione a livello ambientale (a patto che l'enrgia usata sia rinnovabile) ma non può essere una soluzione al traffico e agli incidenti: la condivisione e la conseguente riduzione del numero delle auto è l'unica strada percorribile. Quindi più mezzi pubblici, più bici e pedoni, e meno auto. Meno della metà di quelle esistenti. Basterebbe 1 auto ogni 3-4 famiglie. Questo il nosto sogno e il nostro impegno quotidiano.

C'è chi non ha rimpianti, chi trova più difficoltà per la mancanza di servizi adeguati e di condivisione con vicini e parenti, chi non ha ancora fatto questa scelta ma lo vorrebbe.
Ci incontriamo quindi per condividere le nostre esperienze, conoscerci, imparare cose nuove utili alla nostra vita quotidiana.
L'evento è gratuto, aperto a tutti, anche a chi ha l'auto di proprietà, ma è curioso verso questa scelta e ha bisogno di consigli e supporto!!

Per vedere il programma clicca qui

Per informazioni scrivi a simona@dynamo.bo.it o lindamaggiori@hotmail.com

 

L'evento è gratuito, aperto a tutti, per partecipare è consigliata la preiscrizione: clicca qui e compila questo form (il modulo va compilato per ogni singolo membro della famiglia, ma se avete problemi non esitate a scriverci)!!!
Note: http://famigliesenzauto.blogspot.it/2018/05/raduno-nazionale-famiglie-senzauto.html#more
https://benzinazero.wordpress.com/2014/12/16/il-mito-del-parcheggio-ogni-auto-ha-bisogno-di-almeno-3-5-posti-auto-ecco-perche-non-ce-mai-posto/

Articoli correlati

  • Sono i ciclisti a essere esposti a un minore inquinamento atmosferico
    Ecologia
    L'impatto inquinante è quasi la metà, la ricerca è dell'Università di Leeds

    Sono i ciclisti a essere esposti a un minore inquinamento atmosferico

    Lo studio dimostra che le persone in auto e sugli autobus passano più tempo all’aria inquinata di coloro che camminano sulle strade principali
    28 dicembre 2018 - Damian Carrington
    Traduzione a cura di PeaceLink
  • Consumo Critico

    Le famiglie senz'auto chiedono di aprire i porti ai migranti!

    Le famiglie senz'auto sono anche famiglie solidali, per la pace, per i diritti umani. Non c'è rispetto per l'ambiente senza pace e solidarietà.
    25 agosto 2018 - Linda Maggiori
  • Stop alle auto nelle nostre città (partendo da quelle diesel)
    Consumo Critico
    Città car free e mobilità sostenibile

    Stop alle auto nelle nostre città (partendo da quelle diesel)

    Sull'esempio della Germania, anche le nostre città dovrebbero vietare la circolazione alle auto diesel. Ma non basta. Bisognerebbe puntare sul trasporto pubblico e sulla mobilità ciclistica per ridurre l'inquinamento, il traffico e rendere le città più a misura d'uomo e non di auto!
    3 marzo 2018 - Linda Maggiori
  • Gli IPA cancerogeni nell'abitacolo dell'auto
    Consumo Critico
    PeaceLink ha effettuato misurazioni sulla scorta di un analogo studio canadese effettuato su scuolabus

    Gli IPA cancerogeni nell'abitacolo dell'auto

    La misurazione degli IPA (idrocarburi policiclici aromatici) evidenzia una notevole concentrazione di queste sostanze pericolose in particolare per i bambini. Molto probabilmente la cattiva tenuta dell'abitacolo è alla base dell'infiltrazione di gas di scarico.
    19 giugno 2011 - Associazione PeaceLink

Prossimi appuntamenti

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.9 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)