Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Oggi la commemoriazione

Per ricordate il gruista ILVA Cosimo Massaro

Il 10 luglio 2019 una tromba d'aria a 110 chilometri orari si abbatteva a Taranto sulle grandi gru del quarto sporgente dell’Ilva. Rimase intrappolato Cosimo Massaro
10 luglio 2020
AGI (Agenzia Giornalistica Italia)

ArcelorMittal: famiglia ricorda gruista morto in incidente lavoro Operaio ILVA

(AGI) - Taranto, 9 lug. - Il lavoratore di ArcelorMittal Cosimo Massaro, morto il 10 luglio 2019 in un incidente sul lavoro accaduto agli sporgenti portuali del siderurgico di Taranto, sarà ricordato domani alle 9.30 dalla famiglia con una preghiera presso il molo  Sant’Eligio nel porto di Taranto. Il “Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto”, presentatosi ieri, “invita tutti coloro che potranno partecipare a unirsi alla famiglia Massaro. La tragedia di questa famiglia - si afferma - si accomuna alla tragedia delle tante famiglie vittime dell'Ilva. Ora più che mai sentiamo urgente l'impegno di porre termine all'inutile strage”. Alessandro Marescotti, a nome del Comitato, ricorda che “il 10 luglio 2019 una tromba d'aria a 110 chilometri orari si abbatteva a Tarantosulle grandi gru del quarto sporgente dell’Ilva. Rimase intrappolato Cosimo Massaro, gruista di grande esperienza, nonostante avesse solo quarant'anni. I sistemi che avrebbero dovuto porlo in salvo non funzionarono” rammenta Marescotti. Per il quale, “la gru Dm5, bloccata sui binari, finì in mare e Cosimo Massaro rimase per tre giorni a sette metri di profondità. Fu ritrovato privo di vita. Cosimo Massaro - si sottolinea - è morto nell'Ilva sulla stessa identica gru in cui era morto il suo collega Francesco Zaccaria, in un incidente molto simile anni prima”. Quest’ultimo incidente avvenne nel novembre 2012 a causa di un tornado che fece schiantare la gru e l’operatore precipitò in mare. Il corpo fu trovato alcuni giorni dopo. Per la morte di Massaro, la Magustratura, ricorda Marescotti, “è intervenuta con otto avvisi di garanzia. L’ipotesi di reato di omicidio colposo”. (AGI) 
TA1/ETT

Articoli correlati

  • Vince la cittadinanza attiva
    Editoriale
    La batteria 12 della cokeria dell'ILVA di Taranto va fermata

    Vince la cittadinanza attiva

    Vince contro le pretese dell'azienda di continuare a produrre nonostante tutto, nonostante la grave situazione sanitaria dovuta all'inquinamento. Impianti fuori norma, come la cokeria 12, non possono continuare a produrre.
    21 luglio 2021 - Associazione PeaceLink
  • Ordinanza del TAR Lazio sulla batteria 12 della cokeria ILVA: occorre fermarla entro il 30 agosto
    Ecologia
    Il TAR Lazio scrive che occorre "operare per la messa fuori produzione della batteria 12"

    Ordinanza del TAR Lazio sulla batteria 12 della cokeria ILVA: occorre fermarla entro il 30 agosto

    Rigettate le motivazioni anti-covid alla base dei ritardi della messa norma della più grande batteria della cokeria ILVA. PeaceLink si era costituita "ad opponendum" rispetto all'istanza di Acciaierie d'Italia che richiedeva lo slittamento al gennaio 2022 dell'adempimento ambientale.
    21 luglio 2021 - Redazione PeaceLink
  • ILVA, la perizia epidemiologica richiesta dal gip Patrizia Todisco e il decreto di sequestro
    Processo Ilva
    Autori: Forastiere, Biggeri, Triassi

    ILVA, la perizia epidemiologica richiesta dal gip Patrizia Todisco e il decreto di sequestro

    Conclusioni: "L’esposizione continuata agli inquinanti dell’atmosfera emessi dall’impianto siderurgico ha causato e causa nella popolazione fenomeni degenerativi di apparati diversi dell’organismo umano che si traducono in eventi di malattia e di morte".
    Redazione PeaceLink
  • "Stop batteria 12 della cokeria"
    Taranto Sociale
    Acciaierie d’Italia, nonostante il decreto ministeriale, non ha fermato l'impianto a Taranto

    "Stop batteria 12 della cokeria"

    “Ce la mettiamo tutta per fermare la batteria 12 della cokeria - dice il portavoce di Peacelink, Alessandro Marescotti - abbiamo già depositato l'atto e martedì con il nostro avvocato siamo inviatati a partecipare alla discussione. Abbiamo fatto ricorso ad opponendum contro Acciaierie d'Italia".
    18 luglio 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)