Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Il 22 maggio manifestazione in piazza contro il dissequestro degli impianti siderurgici

ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini

Le quattro condanne di oggi verso l'Italia sono la plastica evidenziazione di tutte le inadempienze dei governi che si sono succeduti. Le quattro condanne di oggi della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo (CEDU) confermano Taranto come "zona di sacrificio" dei diritti umani.
5 maggio 2022
Associazione PeaceLink
Ilva, camino E-312 Nell'agosto del 2012 la magistratura sequestrò gli impianti siderurgici dell'Ilva di Taranto perché pericolosi.
Sono passati quasi dieci anni da quell'intervento della magistratura e la salute dei cittadini di Taranto è ancora a rischio. Parliamo di un rischio sanitario considerato inaccettabile da tutti gli studi epidemiologici fino a ora realizzati.
Nonostante il tempo trascorso, i governi hanno dimostrato una pervicace negligenza che ricorda il comportamento dei cosiddetti "stati canaglia". Ossia di quegli stati che continuano a violare i diritti umani nonostante i richiami degli organismi internazionali. 
Siamo di fronte a una vergogna nazionale. 
E queste quattro condanne di oggi verso l'Italia sono la plastica evidenziazione di tutte le inadempienze dei governi che si sono succeduti. Le quattro condanne di oggi della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo (CEDU) confermano Taranto come "zona di sacrificio" dei diritti umani, come l'ONU l'ha definita nel Rapporto del Consiglio dei Diritti Umani del 15 febbraio 2022 (relatore David R. Boyd). Ciò che attende la popolazione di Taranto è uno stillicidio di morti premature evitabili, quantificate predittivamente dall'OMS fra le 50 e le 80 unità in dieci anni. Il rapporto OMS è stato presentato il 21 gennaio scorso su richiesta della Regione Puglia. E, cosa preoccupante, tutto questo avverrà, secondo l'OMS, anche in presenza dell'attuazione di quelle prescrizioni ambientali che ancora non sono state completamente attuate.
Nonostante ciò Acciaierie d'Italia ha chiesto il dissequestro degli impianti.
Noi ci opporremo al dissequestro. 
Possiamo parlare di Taranto come di un caso di razzismo ambientale in quanto la violazione dei diritti fondamentali avviene in una zona del Sud considerata area sacrificabile su cui scaricare ciò che altrove non sarebbe accettabile. 
Non solo: diversi inquinanti a Taranto ritornano a salire, e questo ci preoccupa. 
Il governo non ha fatto pace con i cittadini che continuano a vivere sotto un assedio mortale.
Per questo motivo saremo domenica 22 maggio a Taranto in piazza Garibaldi alle ore 17 per riaffermare il diritto alla vita e alla dignità dei cittadini esposti a rischi sanitari inaccettabili.
Alessandro Marescotti 
Presidente PeaceLink 
Note: Alle ore 17 del 22 maggio 2022 (domenica), in piazza Garibaldi a Taranto, si terrà una manifestazione collegata alle quattro condanne odierne delle Corte europea dei diritti umani (Cedu) nei confronti dello Stato italiano a causa delle emissioni dell'Ilva, responsabili di mettere a rischio la salute dei cittadini.

La manifestazione è promossa dal Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto.

Altre informazioni su https://lists.peacelink.it/taranto/2022/05/maillist.html

Articoli correlati

  • Domenico Iannacone: "Stop al sacrificio di Taranto"
    Ecologia
    Gli è stato appena assegnato un premio giornalistico per la libertà di stampa

    Domenico Iannacone: "Stop al sacrificio di Taranto"

    In questo videomessaggio l'autore della puntata "La polvere negli occhi" su Raitre ha dichiarato: "Voglio manifestare la mia vicinanza ai cittadini che soffrono. Sono qui a dare il mio pieno appoggio alla manifestazione che si terrà il 22 maggio a Taranto alle ore 17 in piazza Garibaldi"
    18 maggio 2022 - Alessandro Marescotti
  • Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute
    Ecologia
    Dichiarazioni forti in materia di diritti

    Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute

    Il Presidente del Tar di Lecce, Antonia Pasca, ha parlato dell'Ilva all'inaugurazione dell’anno giudiziario. Nel 2021 il Tar confermò invece l’ordinanza di chiusura dell'area a caldo del sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci.
  • Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale
    Citizen science
    Raffronto fra la mortalità dei quartieri più inquinanti di Taranto e la mortalità regionale

    Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale

    Dal 2011 al 2019 in totale vi sono 1075 morti in eccesso di cui 803 statisticamente significativi.
    L'eccesso di mortalità medio annuo è di 119 morti di cui 89 statisticamente significativi.
    L'intervallo di confidenza considerato è del 90%.
    13 maggio 2021 - Redazione PeaceLink
  • Pace
    Ci costituiamo in base all'art. 11 della nostra Carta Costituzionale: "L'Italia ripudia la guerra"

    Documento del Comitato per la Pace di Taranto

    Sabato 26 febbraio saremo in presidio a Taranto esprimendo la nostra preoccupazione per l'escalation militare. Chiediamo all'Italia e all’Europa di adoperarsi diplomaticamente per evitare il conflitto. Diciamo no all'estensione della Nato all'Ucraina e a nuove armi nucleari Usa in Europa.
    21 febbraio 2022 - Comitato per la Pace di Taranto
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)