Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Accordo anche con Cgil, Cisl, Uil e Associazione degli industriali

La rivoluzione di Emilio Riva: dà soldi alla squadra del Taranto e compra la pace con le istituzioni

Dal cilindro dell'Ilva sono sbucati 600mila euro per il Comune di Taranto che il sindaco Di Bello ha, prontamente, dirottato sulle casse rossoblu del Taranto Sport di Blasi. Un'autentica strenna natalizia! Il presidente della Provincia Florido e il sindaco Di Bello si ritirano dal procedimento penale e rinunciavano alle costituzioni di parte civile nei processi ambientali a carico dell'Ilva.
24 dicembre 2004
Michele Tursi
Fonte: Corriere del Giorno 23/12/04 (La titolazione è a cura di PeaceLink)

Non saranno stati i sette giorni che sconvolsero il mondo (quelli della rivoluzione russa del '17), ma sicuramente una settimana di quelle che capitano raramente nella vita.

Dopo aver marciato per quattro anni su fusi orari diversi, a volte opposti, come il giorno e la notte, il sindaco di Taranto ed il presidente dell'Ilva, hanno sincronizzato gli orologi. L'ora X è scattata a Bari, nella presidenza della Regione Puglia, al cospetto di Raffaele Fitto, nei panni dell'orologiaio. E' suo il merito di aver regolato i bilancieri. Un lavoro certosino. Di precisione. Ma che, alla fine, ha prodotto i risultati auspicati.

Era il 15 dicembre e tra un'intervista al tg delle 14 ed una stretta di mano, Rossana Di Bello e Gianni Florido hanno annunciato: è scoppiata la pace.

Sia chiaro, insieme a Comune e Provincia, hanno firmato tutti: Cgil, Cisl, Uil e Associazione degli industriali. Nero su bianco, Riva ha ribadito quanto ripetutamente affermato in questi anni e Fitto, in parallelo, ha elargito 60 milioni di euro per la riqualificazione di Tamburi e Statte. Tutto come da copione: se ne parlava da due anni di questi soldi e, finalmente, qualcosa ha cominciato a materializzarsi.

Ma a cambiare il corso della storia, come spesso accade, è sempre l'ultima postilla. Quella piccola, scritta a fondo pagina, con la quale Palazzo di Città e Palazzo del Governo, rinunciavano alle costituzioni di parte civile nei processi ambientali a carico dell'Ilva. Un gesto di coerenza molto apprezzato dall'ingegner Emilio Riva.

Perfetto! Così, Fitto è riuscito a sincronizzare le lancette delle ore. Per quelle dei minuti, non c'è stato bisogno del suo intervento. Riva e Di Bello, hanno fatto tutto da soli (o quasi) ed in quattro e quattr'otto, dal cilindro del patron sono sbucati 600mila euro per il Comune di Taranto che il sindaco Di Bello ha, prontamente, dirottato sulle casse rossoblu del Taranto Sport di Blasi. Un'autentica strenna natalizia! Tutto è bene quel che finisce bene. Un lieto fine degno del miglior Frank Capra che riscatta anche il burbero ingegner Riva.

Ma cosa accadrà ora che i titoli di coda sono scivolati via insieme al rullo ed alla colonna sonora?

La cokeria ed i parchi minerali, oltre ad essere due tra i reparti più inquinanti del centro siderurgico, erano due simboli della lotta all'inquinamento che si identificava in due atti altrettanto forti: la chiusura delle batterie 3/6 ad agosto del 2002 e la confisca dei parchi minerali confermata in appello appena qualche mese fa. A disinnescare la prima "bomba", quella delle cokerie, ci ha pensato il governatore Fitto, autorizzando, pur in assenza delle Bat, il rifacimento delle batterie spente. A staccare la seconda miccia, mano nella mano, sono stati Florido e Di Bello, rinunciando al maxi risarcimento al processo sui parchi minerali e mettendo la Cassazione, nelle condizioni di soprassedere sulla confisca, visto che persino le parti lese (ci perdoni l'imprecisione giudice Sebastio), si ritireranno dal procedimento penale.

Già, Sebastio. Tra l'indifferenza generale, il procuratore aggiunto, ha annunciato al "Corriere" (in un'intervista pubblicata lunedì scorso), di voler cambiare aria. Come dargli torto: dopo essersi occupato per tanti anni d'ambiente, forse, è stanco di tutti questi... veleni.

Articoli correlati

  • Vince la cittadinanza attiva
    Editoriale
    La batteria 12 della cokeria dell'ILVA di Taranto va fermata

    Vince la cittadinanza attiva

    Vince contro le pretese dell'azienda di continuare a produrre nonostante tutto, nonostante la grave situazione sanitaria dovuta all'inquinamento. Impianti fuori norma, come la cokeria 12, non possono continuare a produrre.
    21 luglio 2021 - Associazione PeaceLink
  • Ordinanza del TAR Lazio sulla batteria 12 della cokeria ILVA: occorre fermarla entro il 30 agosto
    Ecologia
    Il TAR Lazio scrive che occorre "operare per la messa fuori produzione della batteria 12"

    Ordinanza del TAR Lazio sulla batteria 12 della cokeria ILVA: occorre fermarla entro il 30 agosto

    Rigettate le motivazioni anti-covid alla base dei ritardi della messa norma della più grande batteria della cokeria ILVA. PeaceLink si era costituita "ad opponendum" rispetto all'istanza di Acciaierie d'Italia che richiedeva lo slittamento al gennaio 2022 dell'adempimento ambientale.
    21 luglio 2021 - Redazione PeaceLink
  • ILVA, la perizia epidemiologica richiesta dal gip Patrizia Todisco e il decreto di sequestro
    Processo Ilva
    Autori: Forastiere, Biggeri, Triassi

    ILVA, la perizia epidemiologica richiesta dal gip Patrizia Todisco e il decreto di sequestro

    Conclusioni: "L’esposizione continuata agli inquinanti dell’atmosfera emessi dall’impianto siderurgico ha causato e causa nella popolazione fenomeni degenerativi di apparati diversi dell’organismo umano che si traducono in eventi di malattia e di morte".
    Redazione PeaceLink
  • "Stop batteria 12 della cokeria"
    Taranto Sociale
    Acciaierie d’Italia, nonostante il decreto ministeriale, non ha fermato l'impianto a Taranto

    "Stop batteria 12 della cokeria"

    “Ce la mettiamo tutta per fermare la batteria 12 della cokeria - dice il portavoce di Peacelink, Alessandro Marescotti - abbiamo già depositato l'atto e martedì con il nostro avvocato siamo inviatati a partecipare alla discussione. Abbiamo fatto ricorso ad opponendum contro Acciaierie d'Italia".
    18 luglio 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)