21 settembre, Giornata Internazionale per la Pace

"Non aspettare che le cose succedano, falle accadere"

La grande mobilitazione per la pace può e anzi "deve" proseguire nelle scuole, con gli strumenti della cultura. Occorre subito prendere l'iniziativa. Per questo PeaceLink sta diffondendo sue libri elettronici per l'educazione alla pace.
18 settembre 2003

Il 21 settembre è la Giornata Internazionale della Pace. Disegno realizzato nella Scuola media Anna Frank di Guanzate (Como) - Anno scolastico 2002-2003
Con un’apposita circolare (1) il Ministero della Pubblica Istruzione - “tenuto conto del significato e del valore educativo, umano e civile dell'iniziativa” - ha invitato le scuole a “valutare e deliberare gli interventi e le attività più idonee a sostegno dell'importante ricorrenza”. Per contribuire concretamente a questa iniziativa PeaceLink ha deciso di diffondere due libri elettronici per l’educazione alla pace. Essi sono

- “Storia della pace e dei diritti umani” (per le scuole medie superiori)
scaricabile da http://italy.peacelink.org/pace/articles/art_1331.html
e
- “Con il mondo a scuola. Percorsi di educazione alla pace e all’intercultura” (per le scuole elementari e medie)
scaricabile da http://italy.peacelink.org/pace/articles/art_1604.html

Questi libri elettronici sono scaricabili da subito e possono entrare in rete nelle scuole.

Ricordiamo che la Giornata Internazionale della Pace è stata indetta dall'Assemblea Generale delle Nazioni Unite che ha invitato con la Risoluzione 551/282 - “i Paesi Membri, le organizzazioni governative e non, e quanti intendano, con il proprio impegno e contributo, dare rilievo e significato alla particolare ricorrenza, ad adoperarsi attivamente, coinvolgere e sensibilizzare sul tema della Pace tutti i settori della società civile e, in particolare, quelli educativi e formativi”. La citata risoluzione prevede per il 21 settembre un giorno di cessate il fuoco e di non violenza e un invito a rispettare la cessazione di tutte le ostilità.

Poiché la risoluzione dell’ONU invita al coinvolgimento di tutta la società civile, compreso le associazioni, facciamo un invito a tutte le scuole e le associazioni locali - al fine di promuovere, a partire dalla Giornata Internazionale della pace, progetti in tutte le scuole che costruiscano percorsi educativi di educazione alla nonviolenza.

Un punto di riferimento importante è a tal fine la campagna "La mia scuola per la pace" (http://www.tavoladellapace.it/iniz.asp?codice=29) che la Tavola della pace ha da tempo lanciato e che PeaceLink intende sostenere.

La grande mobilitazione per la pace può e anzi "deve" proseguire nelle scuole, con gli strumenti della cultura. Occorre subito prendere l'iniziativa. Senza aspettare nulla dal cielo, senza attendere un giorno migliore. Una scuola che cambia da sola? Non la vederemo mai. Ma è nelle nostre mani il potere di cambiarla.

Disse Albert Schweitzer: "Non aspettare che le cose succedano, falle accadere".

Note: (1) Circolare del 27 giugno 2003 prot. n. 1775-DIP-Segr (oggetto: Celebrazione Annuale della Giornata Internazionale della Pace) http://www.edscuola.it/archivio/norme/circolari/nm270603.htm

Articoli correlati

  • Ai miei studenti
    Laboratorio di scrittura
    Ultimo giorno degli esami di Stato

    Ai miei studenti

    Adesso che ci salutiamo, rimarrete nei miei ricordi così, come un gruppo di ragazzi speciali, ognuno per quello che di meglio poteva dare. Siatelo anche per il vostro futuro che vi auguro pieno di soddisfazioni. La vita non vi deluda.
    22 giugno 2020 - Alessandro Marescotti
  • L’expérience de la légalité commence par l’école
    Peacelink en français

    L’expérience de la légalité commence par l’école

    La culture de l’Antimafia, une réalité qui doit commencer dans l’école
    26 maggio 2020 - Tonio Dell'Olio
  • Nuove scelte nell'ambito della didattica digitale
    CyberCultura
    Dal modello trasmissivo alla scuola partecipativa

    Nuove scelte nell'ambito della didattica digitale

    Le ICT (Information and Communications Technology) offrono strumenti di condivisione e cooperazione per progettare un apprendimento attivo. Il dibattito sulla didattica a distanza ha fatto emergere un interesse attorno al "Manifesto delle Avanguardie Educative". Vediamone i punti fondamentali.
    24 maggio 2020 - Redazione PeaceLink
  • La mia esperienza con la didattica a distanza
    CyberCultura
    In condizioni proibitive, mai sperimentate e mai immaginate prima

    La mia esperienza con la didattica a distanza

    Dopo la prima settimana ero diventato afono. Sembrava tutto finito. E invece no. Allora sono stati i miei studenti a sostituirmi, hanno fatto loro lezione. E' stato bellissimo. Alla fine i risultati sono arrivati: li ho recuperati tutti. Collaboravano fra loro, si aiutavano per imparare assieme.
    15 maggio 2020 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)