Editoriale

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Il volto del neo ministro della Difesa Elisabetta Trenta: dalla guerra per esportare la democrazia agli affari privati nelle zone occupate

    Il volto del neo ministro della Difesa Elisabetta Trenta: dalla guerra per esportare la democrazia agli affari privati nelle zone occupate

    vista la sua lunga esperienza nei paesi in cui abbiamo “esportato la democrazia” con la guerra, il riferimento alla democrazia partecipata assomiglia più ad un suo uso strumentale per ottenere una legittimazione puramente esteriore o ad un consenso artificiale
    6 giugno 2018 - Rossana De Simone
  • Siria, cercasi un nuovo Stanislav Petrov

    Siria, cercasi un nuovo Stanislav Petrov

    “Sono convinto che oggi il settore R&S (ricerca e sviluppo) della nonviolenza debba fare grandi passi avanti” (Alexander Langer 1991)
    13 aprile 2018 - Alessio Di Florio
  • Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace
    Jalal Talabani non è stato soltanto, fino al 2014, il Presidente della Repubblica dell’Iraq. E’ stato il garante istituzionale di un Paese nato esattamente un secolo fa.

    Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace

    E’ trascorsa una settimana dal Referendum - così a lungo atteso - per l’indipendenza del Kurdistan Iracheno. Oggi la notizia della morte di Jalal Talabani. I due eventi, casualmente così ravvicinati, sembrano concatenarsi in una sequenza simbolica di passaggio di testimone.
    4 ottobre 2017 - Andrea Misuri
  • Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Ma si riuscirà mai, per dirla con don Lorenzo Milani, a far strada agli impoveriti senza farsi strada? Portare al centro della politica gli ultimi, gli emarginati, gli impoveriti, i lavoratori, chi lotta contro le ingiustizie, le mafie, la disumanità e la barbarie delle guerre, facendo quanti più passi indietro perché siano loro a farne almeno una volta, almeno uno, avanti? Ma non sarebbe quasi ora di domandarsi, anche se non so quanti hanno fratelli che sono figli unici, se siamo ancora convinti che esistono gli sfruttati, i malpagati, i frustati, i calpestati e gli odiati e la vicinanza/distanza da loro?
    2 giugno 2017 - Alessio Di Florio

La Fuga Vigliacca

Non ci può far certo gioire la constatazione che quanto avevamo previsto, al termine della vergognosa operazione militare compiuta in Iraq, ha trovato ormai da mesi forma compiuta nel desolante stillicidio quotidiano di vittime militari.
16 novembre 2003 - Vittorio Moccia

Non ci può far certo gioire la constatazione che quanto avevamo previsto, al termine della vergognosa operazione militare compiuta in Iraq, ha trovato ormai da mesi forma compiuta nel desolante stillicidio quotidiano di vittime militari.
Un intervento d'occupazione tanto rozzo, quanto a logica e forma attuativa, ormai neppure più sostenuto delle motivazioni che avevano tentato di forzarne mediaticamente il consenso, non avrebbe portato altro che al caos civile ed alla totale ingovernabilità del paese "occupato".

I fatti mostrano come il drammatico precipitare della situazione di queste ultime ore, nelle quali riesce perfino ostico comprendere con esattezza finalità e natura degli attentati, spinga ad accelerare decisioni e strategie per il futuro dell'Iraq. E' comunque molto difficile credere che lo slogan del "tutto terrorismo" possa reggere ancora a lungo e spiegare le ragioni di una guerra che non è ancora terminata e troverà difficile soluzione, se continuerà ad essere interpretata come la semplice ed isolata iniziativa di sparuti gruppi di "terroristi".

Va aggiunto che, qui in Italia, si intravede il pericolo che i sentimenti, suscitati dalla spaventosa carneficina di militari italiani, possano da un lato produrre posizioni di estremismo acritico ed ottuso, perfino nell'ambito del pacifismo; possano dall'altro essere sfruttatati per ennesime manovre mediatiche funzionali a nauseanti beghe di politica interna.

Crediamo piuttosto che sarebbe molto più utile far affidamento sulla ragione e sul valore del rispetto del prossimo, che dovrebbe nascere dalla nostra sensibilità di esseri umani.

E' un dato di fatto che l'Iraq, dopo l'intervento militare USA, rappresenti un magma ribollente, nel quale sono confluiti ed ormai si catalizzano, pronti a propagarsi, mille ingredienti esplosivi.

Viene da giudicare d'altra parte come vigliacca e inumana verso cittadini doppiamente violentati, da un dittatore sanguinario e da una guerra infame e priva di senso logico (o meglio con un senso dettato esclusivamente da interessi economici) qualsiasi posizione di irrigidimento ideologico che si traduca nella follia dell' "abbandoniamo a tutti i costi il campo".

A nostro avviso sarebbe opportuno che, sotto la regia dell'ONU, forze di occupazione militare si traducessero al più presto in forze civili e multinazionali di pace e difesa; che venissero ripristinate le strutture internazionali di assistenza sanitaria funzionali almeno al recupero dei requisiti minimi di vivibilità; che si consentisse infine di condurre con i fatti la nazione a forme di reale autogoverno .

Questa volta è una strada obbligata...

Vittorio Moccia
Associazione PeaceLink

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.13 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)