Ecco il reato

Nella città più inquinata di Italia denunciati per aver scritto "ATTENZIONE CITTA' INQUINATA"

A Taranto sette writer sono stati fermati e denunciati per "imbrattamento aggravato". Intanto in via Alberto Sordi cinquanta pini vengono tagliati per allargare la strada.
27 aprile 2010

Il logo per cui i sette writer sono stati fermati e denunciati a Taranto

Note: Inquinamento industriale a Taranto rispetto al totale delle emissioni inventariate nel registro INES (Inventario Nazionale Emissioni e Loro Sorgenti, dati 2006)

Rispetto all'inquinamento globale nazionale a Taranto c'è il

95% degli IPA (idrocarburi policiclici aromatici) in aria - cancerogeni e genotossici
92% della diossina - cancerogena e genotossica
91% degli IPA (scarichi in acqua) - cancerogeni e genotossici
78% del piombo in aria - neurotossico e cancerogeno
57% del mercurio (emissioni in aria) - neurotossico
44% del benzene in aria - cancerogeno
34% del mercurio (scarichi in acqua) - neurotossico
13% dei PCB (policlorobifenili) - cancerogeni
15% dell'arsenico in acqua - cancerogeno

Questi sono dati di incidenza statistica rispetto al totale delle emissioni industriali nazionali; i dati risultano per lo più stime fornite dalle aziende che sono tenute a effettuare dichiarazioni dettagliate e veritiere delle proprie emissioni al registro Ines, presso il Ministero dell'Ambiente, quando viene superata una determinata soglia.

Fino al 2008 a Taranto l'Ilva ha emesso diossina dal camino E312 pari a 172 grammi/anno (dati Arpa 2008) quando sulla base dei dati del registro europeo Eper (dati 2004) quattro nazioni messe assieme (Austria+Spagna+Svezia+Regno Unito) avevano una somma emissioni complessive pari a 166 grammi/anno. Fra queste nazioni l'Austria (produttrice dei filtri antidiossina più efficienti del mondo) aveva emissioni di diossina inferiori a 2 grammi/anno.
Le emissioni di diossina del camino E312 equivalgono, secondo i calcoli del prof. Giorgio Assennatto (direttore generale Arpa Puglia), a quelle di 10 mila inceneritori messi assieme.

Nel quartiere Tamburi di Taranto l'anno scorso è stato superato del 30% il valore fissato dalla legge per il benzo(a)pirene (un potente cancerogeno). E' arrivato a 1,3 nanogrammi a metro cubo (contro il valore di 1 fissato dalla legge). Questo significa che i bambini in quel quartiere inalano benzo(a)pirene equivalente a 1000 sigarette.
Una donna in stato di gravidanza fa respirare al feto benzo(a)pirene equivalente a 700 sigarette. La legge in questi casi di violazione reiterata del divieto fissa una multa di 2000 euro che, moltiplicata per 700 sigarette, fa 1.400.000 euro. Ma nessuno è denunciato a Taranto per quest'attentato alla salute dei bambini e dei feti.
La chiesa del quartiere Tamburi di Taranto, su cui è stato piazzato dall'Arpa un deposimetro che ha fatto registrare un picco da diossina, è stata rifatta con una donazione dell'Ilva.
E attorno all'area industriale, per un raggio di 20 chilometri, è stato vietato il pascolo per contaminazione da diossina: 1200 pecore sono state abbattute e altre 400 verranno abbattute prossimamente perché contaminate.
In tutti questi anni sono stati consumati alimenti contaminati da diossina oltre i valori di legge senza che la popolazione venisse informata.
Nel 2007 PeaceLink ha fatto analizzare a proprie spese un campione di formaggio contaminato ed è partita l'analisi a tappeto della catena alimentare.

Articoli correlati

  • Veleno
    Cultura
    Metti una notte d'estate

    Veleno

    Ecco cosa accade qui, nella terra amata dai greci e dai romani, nella terra che giace su due mari, tesoro di meraviglie d'arte e natura. Qui, prendi confidenza con benzene, acido solfidrico e anidride solforosa più che con i delfini del Golfo.
    19 agosto 2020 - Viviana Sebastio
  • "L'onda nera nel Lambro"
    Cultura
    Recensione del libro di inchiesta di Marco Fraceti

    "L'onda nera nel Lambro"

    Il caso Lombarda Petroli e lo sversamento di idrocarburi del 2010 nel fiume Lambro. Prefazione di Vittorio Agnoletto. Mimesis Edizioni, collana Eterotopie.
    15 agosto 2020 - Laura Tussi
  • Sessanta anni fa nasceva lo stabilimento siderurgico di Taranto
    Ecologia
    Il 9 luglio 1960 veniva posta la prima pietra

    Sessanta anni fa nasceva lo stabilimento siderurgico di Taranto

    Pubblichiamo qui un'interessante ricerca del prof. Enzo Alliegro che ricostruisce la nascita della fabbrica, andando a focalizzare aspetti inediti della sua storia, con particolare riguardo alle problematiche ambientali e sanitarie
    9 luglio 2020 - Alessandro Marescotti
  • Nel Green New Deal c’è la chiave per porre definitivamente fine alle guerre
    Disarmo
    Oggi gli USA spendono settanta miliardi di dollari l’anno per guerre senza fine

    Nel Green New Deal c’è la chiave per porre definitivamente fine alle guerre

    Convertire l’intera rete energetica in energia rinnovabile costerebbe quasi duemila miliardi di dollari in meno delle guerre contro l’Iraq e l’Afganistan.
    13 maggio 2020 - Lindsay Koshgarian
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)