La pace si fa camminandosi a fianco

Impressioni disordinate sulla marcia Perugia Assisi

Ho imparato ad accompagnare, ho imparato a farmi condurre, ho dato fiducia. Ci siamo persi e ritrovati in quel popolo sgargiante in quei sorrisi da ragazzi, nelle rughe dei visi più maturi ci siamo ritrovati senza nemmeno metterci d'accordo: ma io dico che ci stavamo cercando.
Teresa Manuzzi

Cielo coperto e si va a camminare.

Ci immettiamo nel sentiero di campagna

scavalcando una rete. 

Passiamo dall’altro lato come fossimo fuggiaschi,

come profughi,

come clandestini

che si affrettano a voler attraversare il confine.

 

La pace si fa camminandosi a fianco

passo dopo passo,

conquistando ogni metro,

guadando fiumi,

offrendo il cibo.

Si impara la pace imparando ad aspettarsi,

 imparando a fermarsi,

si impara la pace.

Ho imparato ad accompagnare,

ho imparato a farmi condurre,

ho dato fiducia,

ho sorriso scoprendo i miei piedi

infraciditi dall’acqua di una pozzanghera.

 

Ci siamo riconosciuti e sorrisi,

non ci eravamo mai visti.

Ci siamo riconosciuti e ci siamo salutati e

lungo il cammino ci siamo lasciati… andare.

E mi sembra già pace il raggio prezioso di luce dorata 

arrivato per caso, appoggiato e silente tra i tuoi capelli.

 

Ci siamo detti tutto quello che pensavamo perché

non è pace l’assenso, non è pace il consenso.

Ci siamo persi e ritrovati in quel popolo sgargiante

in quei sorrisi da ragazzi, nelle rughe dei visi più maturi

ci siamo ritrovati senza nemmeno metterci d'accordo...

 

…ma io dico che ci stavamo cercando.

 

Marcia Perugia Assisi del 16 maggio 2010

Articoli correlati

  • Il ruolo profetico mondiale di papa Francesco
    Pace
    Estratto dal saggio "Coronavirus: dove porta la sua Arca papa Francesco-Noé?"

    Il ruolo profetico mondiale di papa Francesco

    Allegato a questa pagina web vi è il saggio completo centrato su un nuovo rapporto fra etica e politica nella prospettiva di costruire una nuova coscienza storica in relazione ai drammatici problemi della nostra epoca.
    8 gennaio 2022 - Antonino Drago
  • Mai più l’arma nucleare
    Pace
    Per l’Appello di Stoccolma si realizzò la campagna più estesa dei partigiani della pace nel mondo

    Mai più l’arma nucleare

    Nell’Appello di Stoccolma i partigiani della pace proclamano: “Noi esigiamo l’assoluto divieto dell’arma atomica. Noi consideriamo che il governo il quale utilizzasse contro qualsiasi paese l’arma atomica, commetterebbe un crimine contro l’umanità e dovrà essere considerato come criminale di guerra"
    7 gennaio 2022 - Laura Tussi
  • Nobel e intellettuali partigiani della pace, ieri e oggi
    Disarmo
    Rivista.eco rilancia l'appello dei 50 Premi Nobel per la riduzione delle spese militari nel mondo

    Nobel e intellettuali partigiani della pace, ieri e oggi

    Un appello di oltre 50 premi Nobel e diversi presidenti di accademie della scienza nazionali per la riduzione della spesa militare che, a livello globale, è quasi raddoppiata dal 2000 ad oggi, arrivando a sfiorare i duemila miliardi di dollari statunitensi l’anno
    21 dicembre 2021 - Laura Tussi
  • Premio speciale per la Pace e i diritti dell'infanzia
    Sociale
    La cerimonia si è svolta presso l'auditorium "De Franchis" nella sede di Alife - Caserta

    Premio speciale per la Pace e i diritti dell'infanzia

    I figli di Stefania Formicola, vittima di femminicidio, ricevono il "Premio speciale per la Pace e i diritti dell'infanzia". Agnese Ginocchio, ha presentato un proprio brano dal titolo "E' tempo di pensare...", dedicato alla prima “Giornata Internazionale delle coscienze” indetta dall’ONU
    17 dicembre 2021 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)