Cos'e' successo veramente ad Ustica?

1 febbraio 2002
Umanità Nova
Fonte: Umanità Nova
Fonte: "Umanità Nova" n. 3 - 27 gennaio 2002

Ricordate la tragedia di Ustica?

Quella dove un velivolo dell'Itavia, compagnia dell'Alitalia, esplose in fase di avvicinamento all'aeroporto di Palermo, e ci furono 81 morti?

Ricorderete, quindi, che dopo 20 anni stanno ancora dibattendo tra bomba all'interno del velivolo oppure missile sparato da fuori. Le Commissioni governative non hanno ancora emesso un parere definitivo e la Commissione dei parenti delle vittime è ancora lì a chiedere giustizia.

Ad oggi non abbiamo una risposta, ma se giriamo per il web possiamo imbatterci in un sito molto interessante. E' il sito ufficiale americano dei disastri aerei nel mondo e qui metto il suo indirizzo, per coloro che volessero divertirsi a verificare:

http://www.airdisaster.com/cgi_bin/database.cgi

Collegatevi, digitate la parola di ricerca "Ustica" e date il GO.

Troverete questa esatta frase alle cause del disastro: "The aircraft was accidentally shot down by United States Forces who were targeting two Lybian MIG fighter jets" e, per quelli che non conoscono l'inglese, riporto la traduzione: "L'aereo fu accidentalmente abbattuto dalle Forze Statunitensi che stavano mirando a due caccia MIG libici".


11 febbraio 2002. Aggiornamenti

Pochi giorni dopo la pubblicazione di questo editorale, la pagina che abbiamo segnalato e' stata modificata. Al posto della scritta "The aircraft was accidentally shot down by United States Forces who were targeting two Lybian MIG fighter jets" e' stata sostituita la seguente frase: "The aircraft crashed into the Tyrrhenian Sea near Ustica, Italy at about 1900hrs GMT while on a flight from Bologna to Palermo. Many theories as to the cause of the accident have been entertained, including the possible involvement of Italian and Libyan fighter jets, which were operating in the area around the time of the accident. Another theory hypothesizes that United States forces, while targeting the Lybian fighter jets in the area, may have accidently downed the DC-9". Quello che prima era dato per certo adesso e' curiosamente diventato solo una "teoria".

Per favore, non scriveteci accusandoci di aver detto cose false. Quella frase era esattamente come l'abbiamo riportata, e per dimostrarlo abbiamo salvato una "fotografia" di quel sito, cosi' come si presentava ai nostri occhi il primo febbraio 2002. Per leggere la vecchia versione di quella pagina, precedente alle modifiche, basta cliccare qui. La nuova pagina modificata, invece, si trova all'indirizzo
http://www.airdisaster.com/cgi_bin/view_details.cgi?date=06271980&airline=Itavia

Articoli correlati

  • Museo per la memoria di Ustica
    Schede
    Virtual tour

    Museo per la memoria di Ustica

    Il progetto del Museo per la Memoria di Ustica è stato realizzato grazie alla determinazione dell’Associazione dei Parenti delle Vittime della Strage di Ustica presieduta da Daria Bonfietti.
    27 giugno 2020 - Redazione PeaceLink
  • Ustica, quaranta anni di muro di gomma
    MediaWatch
    Il coraggio di chi vuole la verità, parla Andrea Purgatori

    Ustica, quaranta anni di muro di gomma

    La Cassazione ha condannato due ministeri (Difesa e Trasporti) a risarcire le vittime sostenendo pertanto la tesi del missile. A distanza di quaranta anni, vi riproponiamo il film "Il muro di gomma"
    27 giugno 2020 - Redazione PeaceLink
  • Piazza della Loggia, la strage neofascista del 28 maggio 1974
    Schede
    L'attentato provocò la morte di 8 persone e il ferimento di altre 102

    Piazza della Loggia, la strage neofascista del 28 maggio 1974

    Fu fatta esplodere una bomba nascosta in un cestino portarifiuti mentre era in corso una manifestazione antifascista e mentre dal palco si condannava, con parole dure, l'azione del Movimento Sociale Italiano
    28 maggio 2020 - Redazione PeaceLink
  • Schede
    Il testimone di piazza Fontana, Guido Lorenzon

    "Questa omertà pesa e offende"

    "Sono rimasto in piedi, non sono arretrato, non per il sostegno dello Stato ma per la stima di chi mi ha conosciuto e chi mi conosce. La mia testimonianza sta in piedi per energia propria. Le istituzioni quale cittadini preferiscono?"
    Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)