PeaceLink ha recentemente promosso una petizione, il Manifesto Nonviolento

Una politica di pace per uscire dalla crisi

L'unico settore della spesa pubblica che non è soggetto a restrizioni dovute al clima di rigore e austerità è quello dell'industria bellica. Da due anni è in atto una campagna, condotta dalla Rete Disarmo, per chiedere al governo di bloccare l'acquisto degli aerei da guerra F-35
23 gennaio 2012
Lorenzo Galbiati e Rossana De Simone

In un periodo di grave crisi economica, che viene affrontato dal governo La bandiera della nonviolenza


Monti con una finanziaria all'insegna di una presunta equità che prevede
nuove (vecchie) tasse sulla casa e una vasta gamma di imposte indirette che
colpiscono allo stesso modo cittadini con ogni tipo di reddito, l'unico
settore della spesa pubblica che non è soggetto a restrizioni dovute al
clima di rigore e austerità è quello dell'industria bellica.
Il governo Monti infatti si appresta a perfezionare l'acquisto di 131
cacciabombardieri F-35 per un costo totale di circa 15 miliardi di euro per
i velivoli, 700 milioni per il centro operativo realizzato presso la base
dell’Aeronautica Militare di Cameri (Novara) e, negli anni a venire,
qualcosa come 45 miliardi di euro per mantenimento, gestione e addestramento
del personale (stime della difesa americana).
Le trattative per l'affare riguardante l'acquisto degli F-35, aerei in grado
di lanciare anche ordigni nucleari, sono iniziate con il governo Prodi nel
1996, continuate con i governi di centrosinistra, e concluse dal governo
Berlusconi nel 2009. Da due anni è in atto una campagna, condotta dalla Rete
Disarmo, per chiedere al governo di bloccare questo programma di armamenti,
che ha già raccolto più di 27 000 firme (si veda qui
http://www.peacelink.it/campagne/index.php?id=82&id_topic=37 )
Nelle ultime 3 settimane, quasi tutti i principali quotidiani nazionali e
giornali settimanali ne hanno parlato, alcuni di loro chiedendo di bloccare
o ridimensionare il programma; tra essi, Il Manifesto, Avvenire, Repubblica,
Il Fatto, L'Espresso, Panorama, Famiglia Cristiana. Non solo, a inizio
dicembre l’Italia Dei Valori ha chiesto al governo di non attuare il
programma di acquisto dei cacciabombardieri F-35, e Sinistra e Libertà ha
indetto una petizione sul suo sito, con varie migliaia di firme, per
chiedere il taglio alle spese militari. Di recente la campagna dell'opinione
pubblica per la revisione dell’affare F-35 ha varcato finalmente il confine
della tivù, prima con l’intervista di Rai News a Francesco Vignarca,
coordinatore della Rete Disarmo, molto sintetica, chiara ed illuminante
sulla questione, (la trovate quihttp://www.youtube.com/watch?v=b69Tw9n5f8I )
e poi con l'intervista di Lucia Annunziata al generale al ministro della
Difesa, l'Ammiraglio Giampaolo Di Paola. In quest'ultima occasione, il
ministro, che nelle settimane precedenti si era già distinto per aver
dichiarato due cose inesatte, ossia che l'acquisto dei caccia F-35 non
poteva essere bloccato se non con il pagamento di una grossa penale, e che
l'affare consentiva di fornire lavoro a varie migliaia di persone, ha
dichiarato che (parafrasando) una nazione seria compie missioni militari
all'estero, e per farlo occorre avere i mezzi militari, quindi anche i
cacciabombardieri F-35. Per il ministro, la mobilitazione trasversale, sia
nell'opinione pubblica, sia nei partiti e nei governi locali, che sta
avvenendo per chiedere di bloccare o ridimensionare il programma d’acquisto
di questi velivoli (Vincenzo Vita e altri parlamentari del PD hanno fatto
una interrogazione parlamentare sulla questione, il comune di Palermo ha
chiesto al governo il blocco dell’acquisto degli F35), non è in alcun modo
significativa: a farla sarebbero solo i soliti pacifisti, più altri che si
uniscono per motivi contingenti a causa del clima di austerità.
In questo mese il ministro ha detto ai parlamentari che sarà lo Stato
Maggiore della Difesa a elaborare il nuovo modello di difesa, come a dire:
sono i militari a decidere come sarà il nostro apparato militare, a voi
parlamentari spetta solo l'onore di dire di sì. E presto, a inizio febbraio,
si darà il via libera al programma F-35. Qualche giorno prima, in Parlamento
si voterà per il rifinanziamento delle missioni militari all'estero.
Dopo l’Afghanistan, l’Iraq, la Libia, verrà il turno di Siria o Iran?
Assistiamo oggi a guerre sempre più diffuse e consentite dall’ONU, a
terrorismo diffuso in modo capillare e globale, a ondate migratorie, a
ribellioni in tutti i paesi, compresi quelli occidentali. questione
occupazionale.
Quali sono i fatti che determinano oggi i conflitti armati?
Sono finanziari: l’interesse all’espansione del mercato da parte di banche e
multinazionali; sono  socio-economici: il mantenere un certo tenore di vita
di un paese e nello stesso tempo un certo divario socio-economico tra i ceti
sociali di un paese; sono eco-logici (ma in ultima analisi ancora
eco-nomici) ossia legati al possesso e alla gestione delle risorse naturali,
energetiche e strategiche; sono tecnologici: il diffondersi delle tecnologie
militari; sono infine ideologici e/o religiosi, spesso però più che altro a
copertura di fatti di una delle categorie suddette.
Evitare le guerre non può essere fatto semplicemente facendo diventare un
problema di bilancio l’acquisto di tecnologia militare. Evitare le guerre è
possibile solo come effetto di un’azione politica volta all’abbandono del
paradigma del mercato globale, del finanzcapitalismo che sta attualmente
decidendo i destini di tutti i cittadini, di fatto privati dal poter
scegliere una politica con la delega del voto poiché i politici sono
diventati semplici esecutori dei diktat della grande finanza. È possibile se
si procede al ripristino della giustizia sociale all’interno di un paese e
tra i paesi occidentali e i paesi in via di sviluppo. È possibile se si
investe nella ricerca ambientale e sanitaria a partire dal miglioramento
della condizione igienica e della disponibilità delle risorse naturali
essenziali, come l’acqua,  nei paesi più poveri: è su questi programmi che
l’alta tecnologia (satellitare, elettronica, dei materiali, ecc.) può e
dovrebbe dare di più, non nella fabbricazione delle bombe!
Cos’è l’F-35? E’ il simbolo della tecnologia avanzata e sofisticata
(distruttiva), ciò che unisce l’umano e il tecnologico, il caccia di quinta
generazione, non è ancora concluso, e stanno già pensando al suo successore
e alla prossima guerra.
Non possiamo contare sull'opposizione di molti parlamentari a questo
scellerato programma di nuovo impegno militare e di acquisto di
cacciabombardieri F-35, dobbiamo agire noi cittadini.
Peacelink ha recentemente finalizzato l'esigenza di una presa di posizione
politica di molti ambienti pacifisti e nonviolenti promuovendo una
petizione, il Manifesto Nonviolento, i cui firmatari dichiarano di non
votare i partiti che sostengono missioni militari di guerra e l'acquisto dei
cacciabombardieri F-35. Si tratta di una campagna di pressione su tutti i
parlamentari, e in particolar modo su quelli di centrosinistra, cui
l'universo pacifista/nonviolento sta mandando un messaggio chiaro: se non
agirete, con i fatti, per evitare nuove missioni militari di guerra, e se
non vi opporrete all'acquisto dei cacciabombardieri F-35, alle prossime
elezioni non vi voteremo.
La petizione è sottoscrivibile da tutti i cittadini che sentono questi
problemi come cruciali per la loro coscienza, ed è possibile firmarla, come
adesione ideale, anche da parte delle associazioni.
Al momento hanno già aderito più di 1100 persone, tra cui ex parlamentari
come Luisa Morgantini, Vittorio Agnoletto, Katia Bellillo; giornalisti come
Alessandro Robecchi e Giuliana Sgrena; artisti come Moni Ovadia; preti come
Alex Zanotelli e Andrea Gallo; associazioni come Emergency, Movimento
Nonviolento, Assopace; redazioni di riviste o siti web come Nigrizia e
Peacereporter; partiti come Movimento per il Bene Comune e Partito Umanista;
movimenti politici come il Movimento Radicalsocialista.

La pagina web in cui potete leggere e firmare il Manifesto Nonviolento è la
seguente:http://www.peacelink.it/campagne/index.php?id=90&id_topic=4

Firma anche tu!

Lorenzo Galbiati
Rossana De Simone

Articoli correlati

  • Grati a Mikhail Gorbaciov
    Editoriale
    Ricevette il Nobel per la Pace nel 1990, la sua eredità è più che mai attuale

    Grati a Mikhail Gorbaciov

    E' morto l'uomo che seppe fare il primo passo verso il disarmo nucleare interpretando lo spirito di dialogo e distensione che aveva animato il movimento pacifista degli anni Ottanta. Il mondo nel 1983 era arrivato sull'orlo della guerra nucleare con l'esercitazione Able Arcer
    31 agosto 2022 - Alessandro Marescotti
  • Non esiste nessuna direttiva UE che obbliga a versare il 2% del proprio PIL alla Nato
    MediaWatch
    Lettera a Repubblica

    Non esiste nessuna direttiva UE che obbliga a versare il 2% del proprio PIL alla Nato

    Fact-checking su un articolo di Furio Colombo dal titolo "Incoerenza dei nuovi pacifisti" in cui si legge: "Il governo italiano, per una direttiva dell’Unione Europea, ha deciso un aumento di spesa militare italiana del 2 per cento".
    10 agosto 2022 - Carlo Gubitosa
  • Nobel e intellettuali partigiani della pace, ieri e oggi
    Disarmo
    Rivista.eco rilancia l'appello dei 50 Premi Nobel per la riduzione delle spese militari nel mondo

    Nobel e intellettuali partigiani della pace, ieri e oggi

    Un appello di oltre 50 premi Nobel e diversi presidenti di accademie della scienza nazionali per la riduzione della spesa militare che, a livello globale, è quasi raddoppiata dal 2000 ad oggi, arrivando a sfiorare i duemila miliardi di dollari statunitensi l’anno
    21 dicembre 2021 - Laura Tussi
  • Il diritto alla pace e al disarmo
    Disarmo
    In Italia e Germania: bombe nucleari B61-12 Nato nelle basi militari di Ghedi, Aviano e Buchel

    Il diritto alla pace e al disarmo

    Verso un coordinamento antinucleare europeo. L'obiettivo è di inserire la valutazione delle attività militari e belliche - e quindi il disarmo come soluzione al grave inquinamento da esse prodotte - negli accordi di Parigi sul clima.
    10 dicembre 2021 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)