Referendum costituzionale

Non ci servono leggi rapide ma buone leggi

Sull'Ilva sono stati rapidissimi a promulgare leggi per far ripartire gli impianti
2 ottobre 2016
Agostino Di Ciaula (ISDE Medici per l'Ambiente)

Renzi a Taranto

Vorrebbero cambiare la Costituzione per essere più rapidi nell’attività legislativa.

8 giugno 2015: Alessandro Morricella muore di ILVA, investito da un getto di ghisa.

29 giugno 2015: il magistrato convalida il sequestro dell’altoforno.

4 luglio 2015: viene pubblicato in gazzetta ufficiale l’ottavo decreto salva-ILVA, che decide per legge il no al blocco dell’altoforno e decreta, come gli altri 9 decreti, che produrre acciaio è più importante che tutelare vite umane.

Meno di un mese per scrivere, approvare e pubblicare sulla gazzetta ufficiale.

Meno di 4 anni per promulgare 10 leggi salva-ILVA.

Non ci servono leggi rapide ma buone leggi.

Non ci serve chi comanda ma chi governa.

Per questi e per molti altri motivi il mio sarà un NO convinto.

 

 

---

 

Clicca qui per il video "Di sana e robusta Costituzione" (Le3corde)

Articoli correlati

  • ArcelorMittal: Peacelink, dopo sentenza nuova fase per Taranto
    Taranto Sociale
    Dopo la sentenza del TAR di Lecce

    ArcelorMittal: Peacelink, dopo sentenza nuova fase per Taranto

    "Un'intera comunità deve richiedere che il Recovery Plan finanzi la riconversione dei lavoratori Ilva impiegandoli in attività di bonifica, di utilità sociale e di riqualificazione territoriale. Occorre chiudere definitivamente l'area a caldo così come è avvenuto a Genova e a Trieste”.
    13 febbraio 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • Per il Tar di Lecce ILVA impone un tributo inaccettabile "in termini di vite e di salute"
    Editoriale
    Ordinato lo spegnimento dell'area a caldo del siderurgico di Taranto

    Per il Tar di Lecce ILVA impone un tributo inaccettabile "in termini di vite e di salute"

    Chiediamo che il nuovo ministro della Transizione Ecologica, Roberto Cingolani, non faccia ricorso contro questa sentenza ma la accolga come una opportunità. La chiusura dell'area a caldo deve essere l'occasione per riprogettare lo sviluppo e porre fine a decenni di sofferenze.
    13 febbraio 2021 - Alessandro Marescotti
  • Tar Lecce ordina lo spegnimento dell'area caldo dell'ILVA
    Ecologia
    Il danno sanitario va oltre i “ragionevoli limiti” fissati dalla Corte Costituzione nel 2013

    Tar Lecce ordina lo spegnimento dell'area caldo dell'ILVA

    Il Tribunale Amministrativo Regionale di Lecce ordina lo spegnimento degli impianti dell'area a caldo. "Il bilanciamento degli interessi antagonisti, così come delineati dal Giudice delle leggi nella Sent. C. Cost.85/2013, risulta macroscopicamente violato", si legge nella sentenza.
    13 febbraio 2021 - Redazione PeaceLink
  • "Non ci sarà un'altra volta"
    Cultura
    Sarà la nostra colonna sonora in attesa della sentenza del processo ILVA

    "Non ci sarà un'altra volta"

    Giulia Pasquini e Giulia Clementi hanno realizzato una meravigliosa interpretazione de ‘Il gigante d’acciaio’ nella lingua dei segni. Un regalo prezioso che ha la forza di farci commuovere.
    12 febbraio 2021 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)