Perché trattiamo male la scuola?

L'Italia spende per gli F35 dieci volte più che per l'emergenza scolastica

Nell’ultimo Decreto Rilancio alla scuola italiana sono stati destinati un miliardo e 400 milioni. Per gli F35 si prevede invece uno stanziamento pluriennale di 13 miliardi di euro.
23 giugno 2020
Redazione PeaceLink

Questo editoriale rilancia alcune cose scritte in un bell'articolo di Pasquale Di Paola e altre recitate nel recente show di Maurizio Crozza. Li ringraziamo entrambi per aver messo al centro del loro "messaggio" la scuola e gli F35.


Che venga dedicata all'emergenza educativa una quantità di risorse dieci volte inferiore rispetto alla non emergenza militare è una contraddizione talmente stridente che riteniamo utile mettere a disposizione questo spazio web nella speranza di amplificarne ulteriormente la diffusione.

Crozza: "Per la scuola dieci volte in meno che agli F-35"

E veniamo ai dati dell'articolo di Pasquale Di Paola.

  1. "Secondo i dati ufficiali dell’Ocse la nostra scuola occupa, tra tutti i Paesi europei, un mortificante e vergognoso ultimo posto per quanto riguarda la spesa pubblica destinata all’istruzione".
  2. "Occupiamo il non invidiabile ultimo posto per quanto riguarda il numero di laureati in Europa".
  3. "In compenso siamo al primo posto, con largo distacco, per quanto riguarda il tasso di abbandono scolastico".
  4. "Abbiamo il record negativo nel capitolo stipendio dei docenti che, sempre secondo l’Ocse, sono i più insodisfatti, i più anziani e con la peggiore retribuzione a livello europeo".
  5. "Un recente studio, sempre commissionato dall’OCSE tra gli studenti del vecchio continente di età compresa tra i 12 e i 26 anni, ci relega all’ultimo posto per quanto concerne le capacità di lettura considerate minime".

La risposta a questa emergenza scuola?

Nell’ultimo Decreto Rilancio alla scuola italiana sono stati destinati un miliardo e 400 milioni.

Facciamo un confronto con gli F35?

"Un decimo di quanto stanziato, oltre 13 miliardi, per i bombardieri F35", sottolinea Di Paola, che aggiunge: "Cifre che portano a dedurre che per i nostri lungimiranti governanti questi bombardieri hanno importanza e priorità dieci volte superiore a quelle della scuola".

E adesso guardatevi Crozza: buona visione.

Note: E' del tutto evidente che quell'investimento sugli F-35 è un investimento pluriennale, ma anche quello sulla scuola doveva essere un investimeno pluriennale, di fronte a un'emergenza, per rimettere a posto strutture che cadono a pezzi, per garantire livelli di sicurezza e per fornire a tutti gli studenti gli strumenti e le connessioni per passare alla digitalizzazione della didattica. I soldi per digitalizzare i militari ci sono, quelli per digitalizzare i nostri studenti li dobbiamo ancora vedere.

Articoli correlati

  • Che fine hanno fatto gli F-35?
    Editoriale
    Un assurdo spreco di denaro pubblico

    Che fine hanno fatto gli F-35?

    Su Sociale.network potete seguire gli aggiornamenti sugli F-35 e collaborare voi stessi alla condivisione dell'informazione. Perché, mai come ora, dobbiamo passare mediaticamente all'attacco. Spendere soldi in armamenti mentre dilaga la pandemia è un'insensata follia.
    18 ottobre 2020 - Alessandro Marescotti
  • Schede
    Presa Diretta

    L'analfabetismo funzionale

    L'Italia è fra i primi paesi per analfabetismo funzionale
  • Le fabbriche di armi continuano a lavorare senza sosta
    Editoriale
    PeaceLink aderisce alla richiesta di riconversione civile avanzata da molte associazioni

    Le fabbriche di armi continuano a lavorare senza sosta

    Nel "Decreto Nuove misure per l’emergenza coronavirus" sono "consentite le attività dell’industria dell’aerospazio e della difesa, nonché le altre attività di rilevanza strategica per l’economia nazionale". Il governo potrebbe riconvertire e far produrre respiratori invece di armi.
    24 marzo 2020 - Redazione PeaceLink
  • Il virus Covid-19 non si ferma con le armi: “Questa non è un’esercitazione"
    Disarmo
    Le fabbriche degli F35 al tempo della quarantena

    Il virus Covid-19 non si ferma con le armi: “Questa non è un’esercitazione"

    E’ stata privilegiata la protezione dell’attività economica rispetto alla tutela della salute
    23 marzo 2020 - Rossana De Simone
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)