Editoriale

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Il volto del neo ministro della Difesa Elisabetta Trenta: dalla guerra per esportare la democrazia agli affari privati nelle zone occupate

    Il volto del neo ministro della Difesa Elisabetta Trenta: dalla guerra per esportare la democrazia agli affari privati nelle zone occupate

    vista la sua lunga esperienza nei paesi in cui abbiamo “esportato la democrazia” con la guerra, il riferimento alla democrazia partecipata assomiglia più ad un suo uso strumentale per ottenere una legittimazione puramente esteriore o ad un consenso artificiale
    6 giugno 2018 - Rossana De Simone
  • Siria, cercasi un nuovo Stanislav Petrov

    Siria, cercasi un nuovo Stanislav Petrov

    “Sono convinto che oggi il settore R&S (ricerca e sviluppo) della nonviolenza debba fare grandi passi avanti” (Alexander Langer 1991)
    13 aprile 2018 - Alessio Di Florio
  • Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace
    Jalal Talabani non è stato soltanto, fino al 2014, il Presidente della Repubblica dell’Iraq. E’ stato il garante istituzionale di un Paese nato esattamente un secolo fa.

    Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace

    E’ trascorsa una settimana dal Referendum - così a lungo atteso - per l’indipendenza del Kurdistan Iracheno. Oggi la notizia della morte di Jalal Talabani. I due eventi, casualmente così ravvicinati, sembrano concatenarsi in una sequenza simbolica di passaggio di testimone.
    4 ottobre 2017 - Andrea Misuri
  • Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Ma si riuscirà mai, per dirla con don Lorenzo Milani, a far strada agli impoveriti senza farsi strada? Portare al centro della politica gli ultimi, gli emarginati, gli impoveriti, i lavoratori, chi lotta contro le ingiustizie, le mafie, la disumanità e la barbarie delle guerre, facendo quanti più passi indietro perché siano loro a farne almeno una volta, almeno uno, avanti? Ma non sarebbe quasi ora di domandarsi, anche se non so quanti hanno fratelli che sono figli unici, se siamo ancora convinti che esistono gli sfruttati, i malpagati, i frustati, i calpestati e gli odiati e la vicinanza/distanza da loro?
    2 giugno 2017 - Alessio Di Florio

Contro la cultura della morte

Le centinaia di immagini relative alle torture in Iraq dovrebbero stimolare la nostra coscienza ad una profonda riflessione sul valore della vita umana e su quanto la sua misura riesca a costituire un elemento di condivisione culturale planetario.
23 maggio 2004 - Vittorio Moccia

Le centinaia di immagini relative alle torture, di cui militari americani ed inglesi in Iraq, in tutta la catena gerarchica, sono stati convinti protagonisti, dovrebbero stimolare la nostra coscienza ad una profonda riflessione sul valore della vita umana e su quanto la sua misura riesca a costituire un elemento di condivisione culturale planetario, che trascenda idee, ideologismi, religioni, ordodossie, integralismi o peggio fanatismi.

Ridere sul volto di un morto. L'immagine di una soldatessa che sorride in segno di vittoria, accanto al volto di un cadavere, la cui morte è stata per di più provocata dai bestiali pestaggi suoi e dei suoi commilitoni, segna un solco difficilmente colmabile tra la cultura della dignità umana e la cultura della morte.

Se da un lato ci risultava difficile credere che rappresentanze militari potessero essere latrici di messaggi di pace e fratellanza, tanto più in una situazione convulsa e critica come quella irachena, dall'altro riteniamo che scandalizzarsi oltre il dovuto, per questo narcisistico edonismo militare da tortura, nasconda una buona dose di ipocrisia.
Negli Stati Uniti, paese maggiormente coinvolto nel caso torture, esiste ancora il triste rito della pena di morte, puntualmente celebrato, in occasione di ogni esecuzione, da gruppi di festanti cittadini nei pressi della camera della morte. Lungi da noi l’idea di rozze generalizzazioni, è innegabile che con quella pena di morte c’è chi ha solidificato la propria carriera politica, confidando sul consenso da essa suscitato e contrapponendosi senza esitazione a qualsiasi appello della società civile, finanche a quelli del Papa.

Non stiamo parlando di pseudo-stati africani o del sud America, per i cui cittadini, abbandonati al proprio destino, la sopravvivenza si basa spesso sulla reciproca sopraffazione dell’uomo sull’uomo.
Né parliamo di regimi totalitari, la cui sussistenza si fonda su un sapiente miscuglio di rigore e terrore.
Stiamo parlando di cosiddette "democrazie compiute".

Su questa latente micro-cultura della morte, sapientemente gestita alimentando, come nel caso sopra citato, il meschino istinto della vendetta, si sorregge, a nostro avviso, la macro-cultura di certe teorie neo-conservatrici e guerrafondaie. Tali teorie non si curano del particolare (la vita umana), ma mirano dritte all'obiettivo, con la delicatezza di un elefante in un negozio di cristalli.
Parliamo della cultura della cinica convenienza, per la quale un dittatore sanguinario un giorno è un fedele alleato, anche quando elimina fisicamente milioni di cittadini, un altro diventa un perfido criminale. E' nello specifico quella cultura da far-west, per la quale le convenzioni di Ginevra sul diritto umanitario rappresentano un superfluo barocchismo da ignorare, per chi ritiene di esser l'unico a possedere il divino potere e dovere di muovere i pezzi sulla scacchiera del mondo.

Sulla base dello stesso atteggiamento culturale, la resistenza civile di intere popolazioni viene spesso romanzescamente definita "terrorismo internazionale", senza voler tener conto che il terrorismo rappresenta il più delle volte l’estrema folle degenerazione di situazioni incancrenite su sofferenze e prevaricazioni, per le quali non si è voluta cercare, con un minimo di determinazione, alcuna soluzione tramite la via politica.
Con l’arma di persuasione della "lotta al terrorismo", si giustificano dunque più facilmente le peggiori nefandezze: bombardamenti (possibilmente all’uranio impoverito) di civili inermi, uccisioni mirate, stragi e violenze, utilizzo di scudi umani, torture "preventive". Questa storia dell’anti-terrorismo è il meschino filo conduttore che lega i morti di Sabra e Chatila a quelli della guerra irachena, i morti della Cecenia a quelli della striscia di Gaza.
Ci ferisce ancor più l’animo assistere impotenti all'inarrestabile e sprezzante perseguimento della politica della morte, perfino da parte di un popolo, anch’esso rappresentato da una democrazia compiuta, che ha nei propri padri la testimonianza di uno dei più orrendi genocidi che la storia ricordi: è nel rispetto di quei padri e di quella tragedia, che si dovrebbe trovare il coraggio e la fierezza di seguire nuove strade, condotte dalla ragione e lastricate dal verbo del dialogo.

Non c’è dubbio che, per far fronte a questa terribile cultura della morte-che-chiama-morte, l’unica via oggi possibile è continuare a sostenere un’Europa più unita e più pacifista, che possa rappresentare un tentativo di ragione, pace e dialogo; un argine a certe preoccupanti degenerazioni che tanto accomunano gli uomini a bestie dissennate; una mano tesa a chi, in quelle democrazie della morte, invoca da tempo il cambiamento.
Le elezioni del prossimo Giugno sono un’occasione irrinunciabile per far sentire la propria voce.

Vittorio Moccia
Associazione Peacelink

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.13 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)