Editoriale

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • PeaceLink e Unimondo - Cinema e Resistenza: un nuovo sguardo, un nuovo linguaggio
    UNIMONDO Editoriale:

    PeaceLink e Unimondo - Cinema e Resistenza: un nuovo sguardo, un nuovo linguaggio

    9 marzo 2017 - Laura Tussi
  • Fino al 5 giugno

    Cinemambiente, a Torino per aprire gli occhi

    Diciassette anni di Film, iniziative per le scuole anche dopo il Festival e un ricchissimo archivio di documentari
    5 giugno 2014 - Lidia Giannotti
  • IRENEA: un Cinema per La Pace e la Nonviolenza
    Il Centro Studi Sereno Regis di Torino e il Cinema per la Pace e la Nonviolenza sono un "Bene Comune"

    IRENEA: un Cinema per La Pace e la Nonviolenza

    Il Centro Studi Sereno Regis di Torino promuove l'istituzione di un laboratorio didattico multimediale per lo sviluppo di una cultura cinematografica orientata a relazioni di pace, nonviolenza e profondo rispetto verso tutti gli esseri viventi dell'ecosistema terrestre.
    22 maggio 2014 - Laura Tussi
  • "La mafia uccide solo d'estate": una generazione sotto accusa
    Pif, esordisce come regista con “La mafia uccide solo d’estate” e si aggiudica il premio del pubblico della 31° edizione del “Torino Film Festival”

    "La mafia uccide solo d'estate": una generazione sotto accusa

    Pierfrancesco Diliberto accusa un'intera generazione, quella che durante gli anni '60 e '70 è diventata madre e padre. Genitori che hanno sempre cercato di proteggere i propri figli dalla mafia, ma così facendo non sono stati in grado di offrire loro la possibilità di scegliere.
    26 dicembre 2013 - Teresa Manuzzi

La vita e' bella!

Vince il potere dell'arte sull'arte del potere
23 marzo 1999 - Alessandro Marescotti

Roberto Benigni Benigni miglior attore, "La vita e' bella" miglior film straniero. Due Oscar a Benigni e uno a Piovani per la miglior colonna sonora. Da Los Angeles arriva il riconoscimento ad una parte dell'Italia, quella non compromessa con l'arroganza del potere e che fa anzi lo sberleffo ai prepotenti. Ritorna alla mente il Nobel per la Letteratura a Dario Fo. Quante volte avranno detto a Benigni o a Fo: "Voi con quelle battute non farete mai strada nella vita!"

"Ai miei genitori che mi hanno dato il dono della poverta'", ha esclamato Roberto Benigni dedicando la sua vittoria agli umili e agli offesi dalla violenza del nazifascismo, al popolo italiano, ai nostri padri e nonni perseguitati e braccati negli anni bui in camicia nera.

"Nella tradizione dei giullari medioevali ha fustigato il potere e restituito dignita' agli ultimi", ha scritto la giuria di Stoccolma scegliendo Dario Fo. Quanta somiglianza con il riconoscimento a Roberto Benigni! Tutti e due attori di piazza e di strada, espressione della gente di popolo che non si e' fatta "omologare", direbbe Pasolini, e che ha mantenuto una propria dignitosa identita' e opposizione al potere dei ricchi e dei prepotenti.

Quel Potere che non ci piace, quello che ha tolto per tante volte la parola a Benigni e a Fo, ora deve ridargliela e anche noi ci sentiamo piu' felici perche' ancora una volta il potere dell'arte restituisce cio' che l'arte del potere ha tentato di sottrarre a noi tutti: la bellezza della vita.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.13 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)