FSE ATENE: scontri davanti al Cpt, 25 fermati

Venerdì 5 maggio 2006 la Polizia contro i manifestanti. Dopo un’ora e mezzo il rilascio
5 maggio 2006
Gioia Salvatori

Volevano vedere cosa succede dentro quel centro di raccolta di Atene, più volte denunciato da associazioni per soprusi contro gli immigrati. Così una delegazione di circa cinquanta attivisti appartenenti a diverse associazioni e gruppi politici, durante il secondo giorno del quarto social forum europeo di Atene, si è diretta davanti al commissariato di polizia di agios panteleimonas nel centro di Atene. Entrano quattro o cinque delegati, altri rimangono fuori per una cinquantina di minuti poi provano a entrare. La reazione della polizia è immediata e una trentina di manifestanti viene spinta dentro un furgone della polizia. Nei tafferugli Vittorio, un attivista italiano di Ya Basta, associazione che non ha partecipato al quarto forum sociale europeo, riporta contusioni a un braccio. Un attivista greco dell’autonomus playground ne esce con un’escoriazione al mento. Il primo, più tardi in conferenza stampa, dedicherà la manifestazione a tutti gli immigrati che subiscono violenze nei centri di raccolta e detenzione preventiva d’Europa.

Tra i fermati anche un europarlamentare greco e il suo collega italiano, Giusto Catania, che dall’interno del furgone ha subito chiamato l’ambasciata per denunciare l’accaduto. Dopo un’ora e mezzo i 25 sono stati rilasciati e Catania (Prc), ha chiesto al governo greco di rendere accessibili i Cpt.

Saputo dell’azione delle forze dell’ordine, dagli impianti olimpionici di Atene, dove era in corso da due giorni il quarto social forum europeo, sono partiti tre pullman pieni di attivisti. Sotto il commissariato poco prima di pranzo c’erano trecento persone e i fermati sono usciti dal furgone tra gli applausi del popolo pacifista e anti-razzista.

Articoli correlati

  • "Noi risponderemo NO"
    Cultura
    Ricordando una canzone di Luigi Tenco

    "Noi risponderemo NO"

    Noi riteniamo che tutti gli uomini siano uguali e siano titolari di diritti umani, al di là del colore della pelle e della nazionalità. Ai nostalgici della razza noi risponderemo NO
    13 febbraio 2019 - Alessandro Marescotti
  • "L'Abisso" di Davide Enia e il dovere di vivere
    Cultura

    "L'Abisso" di Davide Enia e il dovere di vivere

    Lo spettacolo la cui prima durante la festa di RADIO 3 "Materadio" emozionò il pubblico di Piazza San Francesco continua a commuovere
    31 gennaio 2019 - Lidia Giannotti
  • Zanotelli: «I nostri nipoti diranno di noi quello che noi diciamo dei nazisti»
    Alex Zanotelli
    Altri 117 migranti sono stati inghiottiti il 18 gennaio nel Mediterraneo

    Zanotelli: «I nostri nipoti diranno di noi quello che noi diciamo dei nazisti»

    Padre Alex Zanotelli, missionario comboniano, commenta l'ultimo naufragio di migranti. Fra le vittime un bimbo di 10 mesi. Intanto gli attivisti di Sea Watch hanno portato in salvo 47 migranti
    20 gennaio 2019 - Redazione PeaceLink
  • Il mondo all’incontrario
    Migranti
    Sotto processo l'accoglienza dei migranti a Riace

    Il mondo all’incontrario

    Oggi ci sono tutte le premesse per trasformare la vicenda giudiziaria di Mimmo Lucano in una riedizione del processo a Danilo Dolci, arrestato mentre guidava alcuni braccianti a lavorare in una strada abbandonata all’incuria, o del processo contro don Milani accusato di disobbedienza militare.
    18 dicembre 2018 - Comune-info
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.10 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)