Comunicato stampa della Jef Europe

Serbia e Kosovo insieme nella UE, ma in quale UE?

24 febbraio 2008
Fonte: GfeAction.eu - Traduzione di Massimo Contri

Il 17 febbraio 2008 un nuovo Stato è nato nel continente europeo. Questa nascita però non è stata celebrata da tutti, provocando profonde spaccature all'interno della Nazioni Unite e dell’Unione europea.

"In questo momento critico per la regione dei Balcani, la JEF Europe invita i giovani di Belgrado e Pristina ad agire come esempio per i governi ed i politici . I giovani del Kosovo e della Serbia appartengono alla nostra stessa generazione europea e la JEF creerà progetti comuni e opportunità per il dialogo e la cooperazione reciproca "- afferma Samuele Pii, Presidente della JEF Europe (organizzazione europea della Gioventù Federalista Europea).

indipendenza del Kosovo "La dichiarazione unilaterale di indipendenza del Kosovo provocherà ulteriori instabilità nella regione dei Balcani e anche nei paesi di tutto il mondo dove minoranze nazionali richiedono il diritto di autodeterminazione. L'UE ha fallito il difficile compito di assumere una posizione comune, e i suoi Stati membri stanno andando ciascuno per la propria strada "- ha espresso Andjelija Arandjelovic, Vice-Presidente delal JEF-Serbia.

"L'indipendenza è il primo passo verso l'adesione all'Unione europea e la possibilità per tutte le minoranze del Kosovo di beneficiare dell’integrazione europea. La scelta di una bandiera moderna piuttosto che di una bandiera etnica è il miglior esempio di come risolvere i problemi della regione.
Noi abbiamo l'ambizione di diventare membri dell'Unione europea insieme con tutte le altre nazioni della regione dei Balcani "- ha dichiarato Fehmi Hajra, Presidente JEF-Kosovo.

Nonostante le molte differenze di opinione e di tensioni, la Serbia e il Kosovo stanno guardando verso la stessa direzione - l'adesione all'UE. La JEF ritiene che in un mondo globalizzato non è possibile garantire la sicurezza, la prosperità economica e il rispetto dei diritti umani per i cittadini europei, senza il sostegno della comunità internazionale e dell'Unione europea.

"La questione è: in quale UE si uniscono i paesi dei Balcani? Un'Unione europea con un vero governo federale in grado di agire, o una UE che invece si muove in modo ambiguo?

La JEF accoglie con favore l'adozione del Trattato di Lisbona, ma crediamo fortemente che il nuovo Trattato non risolverà questo dilemma. I nostri rappresentanti eletti hanno la responsabilità di trovare soluzioni ai problemi globali e di unire il continente europeo. Le sfide globali sono lì, e ora
è giunto il momento di affrontarle! "- Ha proseguito Samuele Pii, Presidente JEF Europe.

L'indipendenza del Kosovo dimostra come sia debole e divisa la politica estera dell'Unione europea, ancora una volta incapace di prendere una posizione unita e decisiva. Il Trattato di Lisbona, una volta ratificato, potrebbe anche offrire una soluzione istituzionale per un'Europa a 27, ma sarà sicuramente inadeguato per un'Europa a 35. Con l'infrastruttura di Lisbona, l'Unione europea non avrà i mezzi necessari per aprire le porte ad altri stati membri. È compito del Parlamento europeo di elaborare proposte istituzionali per il futuro dell’Europa, e la JEF è pronta a lavorare con quei deputati che saranno disposti a mantenere i valori e gli obiettivi dell’'integrazione europea, senza costruire una “Europa fortezza“.

"A seguito della ratifica di Lisbona, dobbiamo essere preparati a diversi scenari. Siamo pronti ad accettare il fatto che con le nuove regole nel Parlamento europeo, i paesi dell'ex Iugoslavia , Croazia, Kosovo, Montenegro, Serbia, ecc, abbiano una rappresentanza più ampia rispetto agli stati europei di media dimensione? Questo è solo un esempio – conclude Samuele Pii -per dimostrare che, dopo Lisbona, l'UE avrà ancora bisogno di una riforma istituzionale radicale. E 'il momento di parlare del futuro dell’Europa in tutta onesta”.

Articoli correlati

  • Paesaggi Kosovari, 1998-2018
    Pace
    Il patrimonio culturale come risorsa di progresso e opportunità per la pace

    Paesaggi Kosovari, 1998-2018

    Progetto PRO.ME.T.E.O.
    Libro di Gianmarco Pisa. Recensione di Laura Tussi. Edizioni Multimage
    20 settembre 2019 - Laura Tussi
  • La svolta euro ambientalista del governo giallo rosso non basta
    Europace
    Sul governo M5S, PD, Leu

    La svolta euro ambientalista del governo giallo rosso non basta

    Il segretario del PD Nicola Zingaretti ha chiesto discontinuità rispetto al governo precedente. Discontinuità che non ha avuto sul nome del presidente del Consiglio ma l'ha ottenuta su due punti che sono di fondamentale importanza per il nostro futuro: l'Europa e i cambiamenti climatici.
    5 settembre 2019 - Nicola Vallinoto
  • Un governo per gestire le emergenze climatica e democratica
    Editoriale
    Sulla crisi di governo

    Un governo per gestire le emergenze climatica e democratica

    Chiunque si assumerà la responsabilità di governare il Bel Paese dovrà fare i conti con le richieste del movimento sui cambiamenti climatici promosso da Greta Thumberg e con l’esigenza di invertire il ruolo egemonico dell’economia rispetto alla politica.
    16 agosto 2019 - Nicola Vallinoto
  • Il governo italiano non può condannare a morte i naufraghi. Un appello
    Migranti
    Scrivi anche tu ai parlamentari italiani!

    Il governo italiano non può condannare a morte i naufraghi. Un appello

    Il governo italiano con il cosiddetto "decreto sicurezza della razza bis" intende impedire ai soccorritori volontari di salvare vite umane nel Mediterraneo.Questo significa condannare a morte i naufraghi, vittime inermi ed innocenti di una insensata, scellerata violenza.
    21 luglio 2019 - Peppe Sini
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.29 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)