Latina

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • La vera storia della repubblica delle banane

    La vera storia della repubblica delle banane

    Recensione al libro di Francesco Serino (Mursia, 2017) dedicato al colpo di stato compiuto dalla Cia in Guatemala nel 1954 per rovesciare il presidente Árbenz
    18 giugno 2018 - David Lifodi
  • A 25 mesi dall’omicidio di Berta Cáceres i mandanti sono ancora liberi

    A 25 mesi dall’omicidio di Berta Cáceres i mandanti sono ancora liberi

    In giugno l’inizio del processo per le persone coinvolte nel crimine della dirigente indigena
    5 aprile 2018 - Giorgio Trucchi
  • Un libro di Davide Reina

    "Per un'economia giusta"

    L'autore dice basta allo sfruttamento incondizionato delle risorse, basta alla crescita continua, basta alla speculazione finanziaria, basta alla ricchezza esclusiva, basta i manager onnipotenti e iperpagati. E da specialista della materia propone la sua via d'uscita
  • Guatemala e Honduras scelgono Israele
    Il giornalista Maurice Lemoine spiega su Le monde diplomatique il sostegno dei due paesi centroamericani a Gerusalemme come capitale dello Stato ebraico

    Guatemala e Honduras scelgono Israele

    Fin dagli anni '70 i militari israeliani hanno appoggiato la repressione di indigeni maya e contadini in Guatemala
    10 gennaio 2018 - David Lifodi

A 10 anni dalla pubblicazione del rapporto della Commissione per il Chiarimento Storico il Guatemala aspetta ancora giustizia

25 febbraio 2009 - Franco Mazzarella
Fonte: Coordinamento America Latina
Sezione Italiana di Amnesty International - 25 febbraio 2009

Madre di un desaparecidos chiede giustizia Il 25 febbraio del 1999 venne pubblicato il rapporto della Commissione per il Chiarimento Storico (Comisión para el Esclarecimiento Histórico - CEH), istituita il 23 giugno 1994 nell’ambito delle negoziazioni tra l’Unità nazionale rivoluzionaria guatemalteca e il governo del Guatemala che si conclusero con la firma dell’ Accordo di pace finale (Acuerdo de paz firme y duradera) siglato il 29 dicembre 1996 a Oslo. Tale Accordo pose fine al conflitto interno che dal 1960 al 1996 provocò oltre 200 mila morti e quasi un milione di profughi.

Nel rapporto dal titolo “Guatemala: memoria del silenzio” (disponibile all’indirizzo http://shr.aaas.org/guatemala/ceh/report/spanish/) la Commissione parla di 669 massacri, di cui 625 attribuiti all’esercito e ai loro alleati che si sono resi responsabili di torture, stupri, esecuzioni extragiudiziarie e ogni genere di violenza sopratutto nei confronti della popolazione maya.

Ad oggi, i tribunali del Guatemala hanno emesso condanne solo per cinque casi di gravi violazioni dei diritti umani e tutti riguardavano militari di basso rango. Nessun alto ufficiale né alcuna autorità è mai comparsa di fronte a un tribunale per rispondere di tali crimini, tanto meno il generale Efraìn Rìos Montt a capo del governo dal 1982 al 1983, periodo in cui si è registrato il maggior numero di massacri.

A dieci anni dalla pubblicazione del rapporto “Guatemala: memoria del silenzio”, il paese aspetta ancora giustizia. Nonostante il Guatemala abbia ratificato i principali trattati in materia di diritti umani e nonostante la sua Costituzione all’articolo 46 preveda che “In materia di diritti umani, i trattati e le convenzioni accettate e ratificate da Guatemala prevalgono sul diritto interno”, un’infinità di cavilli legali impedisce che sia fatta giustizia per quanto concerne quella che è stata definita la sporca guerra.

In occasione del decimo anniversario della pubblicazione del rapporto, Amnesty International lancia un’azione internazionale per chiedere al governo del paese centroamericano di attuare le raccomandazioni in esso contenute e ancora disattese in materia di giustizia e risarcimento. Con questa azione l’organizzazione per la difesa dei diritti umani chiede che venga dato un nuovo impulso alle indagini giudiziarie per porre fine all’impunità. Si rivolge per questo al Procuratore generale affinché apra un’inchiesta sui motivi per cui le indagini sui crimini commessi non hanno portato ad alcun risultato. Si rivolge al Presidente della Repubblica Alvaro Colom affinché metta a disposizione della magistratura, come promesso proprio un anno fa, i documenti riservati che il Ministero della difesa ancora si rifiuta di rendere pubblici. Si rivolge, infine, al Presidente del congresso perché venga preso in esame, senza ulteriori ritardi, il disegno di legge fermo dal 2007 che prevede l’istituzione di una Commissione di inchiesta che si occupi di far luce sulle persone scomparse durante il conflitto interno, che si stima siano circa 45 mila.

Chi volesse aderire all’azione, facendo proprie le richieste di Amnesty International, può firmare l’appello on line all’indirizzo:
http://www.amnesty.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/1778

Note:

Franco Mazzarella
Coordinamento America Latina
Sezione Italiana di Amnesty International

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)