Latina

Messico: migranti in condizioni spaventose

Comunicato Stampa Amnesty International
23 maggio 2011
Amnesty International
Fonte: Amnesty International
http://www.amnesty.it/messico-migranti-in-condizioni-spaventose - 23 maggio 2011

Migrante salta da un vagone, stato del Chiapas, Messico - Copyright Hauke Lorenz Martedì 17 maggio, la polizia del Chiapas, sud del Messico, ha intercettato due camion che trasportavano 513 migranti, incluse 32 donne e quatto bambini, provenienti dall'America Centrale, dai Caribi e dall'Asia. I migranti erano stipati nei rimorchi in condizioni squallide, il che sottolinea ancora una volta la mancanza di un'adeguata protezione delle migliaia di persone che cercano di attraversare il paese ogni anno.

La procura di stato ha annunciato che sei persone, compresi i conducenti, sono state arrestate perché sospettate di tratta di persone.

"Sebbene sia positivo che le autorità messicane abbiano intercettato questi camion e avviato un'indagine, le terribili condizioni che i migranti devono sopportare mettono in evidenza la vulnerabilità di decine di migliaia di migranti irregolari che attraversano il Messico ogni anno" - ha dichiarato Susan Lee, direttrice del Programma Americhe di Amnesty International.

"Le autorità messicane devono fare di più per proteggere le tante persone che affrontano uno dei viaggi più pericolosi al mondo nella speranza di trovare una vita migliore".

Secondo fonti ufficiali, i migranti dovevano arrivare negli Usa, dove ciascuno aveva accettato di pagare 7000 dollari al loro presunto trafficante.

I migranti hanno sofferto per la mancanza di aria e acqua durante il viaggio, viste le condizioni di sovraffollamento dei camion che trasportano rispettivamente 240  e 273 persone.

Decine di migliaia di migranti irregolari attraversano il Messico ogni anno e subiscono diverse violazioni dei diritti umani da parte di bande criminali organizzate, inclusi sequestri, minacce e aggressioni.

Secondo Amnesty International, molti subiscono abusi anche da parte delle autorità messicane, compresi l'uso eccessivo della forza e le detenzioni arbitrarie. Non avendo uno status legale, è molto difficile per i migranti ottenere che le loro denunce siano effettivamente esaminate e raramente i responsabili delle violazioni vengono chiamati a risponderne.

L'organizzazione per i diritti umani ha sollecitato le autorità messicane federali a predisporre un'unità per coordinare azioni allo scopo di proteggere i migranti irregolari in Messico e portare di fronte alla giustizia i responsabili delle violazioni dei diritti umani.

"I migranti irregolari devono essere in grado di denunciare le violazioni senza paura di essere espulsi o rimpatriati, le autorità messicane dovrebbero raccogliere e pubblicare dati ufficiali precisi riguardanti le violazioni dei diritti umani dei migranti, incluse le morti violente e le denunce di persone scomparse. Solo con uno sforzo serio e coordinato le autorità messicane potranno proteggere i migranti dalle tante minacce che devono affrontare" - ha concluso Lee.

Articoli correlati

  • No al finanziamento della cooperazione con il Governo libico e la sua cosiddetta Guardia Costiera
    Migranti
    Appello ai parlamentari italiani

    No al finanziamento della cooperazione con il Governo libico e la sua cosiddetta Guardia Costiera

    Ci opponiamo ai crimini contro l’umanità che vengono quotidianamente perpetrati sia nel deserto al confine Sud, che nei lager e nella cosiddetta SAR libica, ormai documentati dalla stampa e dalle stesse Nazioni Unite.
    10 giugno 2021 - Mani Rosse Antirazziste
  • La Palestina deve vivere
    Palestina
    Di chi sono le responsabilità?

    La Palestina deve vivere

    Le risoluzioni ONU in merito sono sempre state disattese e l’opinione pubblica è sempre più omertosa sulla questione palestinese anche perché vige il ricatto subdolo della retorica perversa di potere vantata e perpetrata dal governo di Israele
    17 maggio 2021 - Laura Tussi
  • Per una nuova cultura di pace
    Pace
    La cultura di pace del XXI secolo si riassume nel motto “Prima l’umanità, prima le persone”

    Per una nuova cultura di pace

    Noi tutti amici della nonviolenza e del disarmo ci rendiamo sempre più conto di appartenere a un’unica razza e famiglia umana come sostenevano Einstein e il pacifista nonviolento Vittorio Arrigoni, barbaramente assassinato a Gaza in Palestina
    14 maggio 2021 - Laura Tussi
  • Gli zapatisti in viaggio verso l’Europa
    Latina
    Per la prima volta l’Ezln esce dal territorio messicano

    Gli zapatisti in viaggio verso l’Europa

    L’Escuadron 421 (4 donne, 2 uomini ed una donna trans) sbarcherà nel vecchio continente a metà giugno, presumibilmente sulle coste della Galizia. Gli zapatisti hanno fatto sapere che il loro viaggio servirà per parlare della loro resistenza.
    5 maggio 2021 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)