Non ci sono notizie di Florence Aubenas e della sua guida

27 maggio 2005

“Il contesto in Iraq è molto difficile” dove sono gli ostaggi Florence Aubenas (giornalista francese) e Hussein Hanoun (la sua guida iracheno), ma “abbiamo la speranza di liberargli come l’abbiamo fatto per i giornalisti Christian Chesnot e Georges Malbrunot” ha dichiarato Michel Barnier capo della diplomazia francese.

“Malgrado questo conteso, continuiamo a lavorare” “tornando a Parigi, avrò una riunione con il mio gabinetto come ogni giorno” ha precisato il ministro.

Christian Chesnot (RFI, radio francese), e Georges Malbrunot (le Figaro, giornale francese) rapiti il 20 Augusto, sono stati liberati lo scorso 21 Dicembre.

Come segno di solidarietà, all’occasione dei 150 giorni di detenzione in Iraq di Florence Aubenas e della sua guida, 150 navi prenderanno il mare da Marsiglia (sud delle Francia) il 5 Giugno.

Note: Tradotto da Charlotte Bonin per www.peacelink.it
Il testo è liberamente utilizzabile per scopi non commerciali citando la fonte, l'autore e il traduttore.

Articoli correlati

  • Riunite con i loro bambini “futuri terroristi”, le donne yazidi vengono ripudiate
    Pace
    Confine Iraq-Siria

    Riunite con i loro bambini “futuri terroristi”, le donne yazidi vengono ripudiate

    Gli anziani yazidi rinnegano i figli delle ex schiave dello Stato islamico, costringendole a scegliere tra i loro bambini e la loro comunità
    9 aprile 2021 - Martin Chulov e Nechirvan Mando ad Arbil
  • Un viaggio di pace
    Pace
    Nel Kurdistan iracheno il momento finale del viaggio di Papa Francesco

    Un viaggio di pace

    I Curdi e il Kurdistan, grazie alla loro accoglienza al Papa, hanno confermato, come sempre, di essere un popolo di pace e terra di accoglienza, fratellanza e convivenza tra culture, religioni ed etnie diverse, se questa terra viene lasciata e tenuta lontana dagli interessi politici ed economici.
    7 marzo 2021 - Gulala Salih
  • Iraq, la rivolta continua
    Conflitti
    La situazione attuale

    Iraq, la rivolta continua

    Dopo la pandemia, il crollo del prezzo del petrolio e la nomina, frutto del compromesso tra USA e Iran, di al-Kadhimi come primo ministro, cosa è cambiato?
    19 ottobre 2020 - Valeria Poletti
  • Da piazza Tahir all'Italia: la guerra porta solo altra guerra
    Pace
    Foto dalle piazze pacifiste italiane

    Da piazza Tahir all'Italia: la guerra porta solo altra guerra

    Il 25 gennaio in oltre 50 città italiane associazioni, movimenti e cittadini hanno organizzato eventi aderendo all'appello Spegniamo la guerra, accendiamo la Pace. PeaceLink pubblica le foto di alcune piazze. E alla vigilia è stata diffusa un'importante lettera dalla società civile irachena
    27 gennaio 2020
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)