MediaWatch

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • Conto Corrente Bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Per guadagnare un milione ci vuole una vita.

    Ma quanto costa il Bilancio Pubblico !

    Per il Bilancio dello Stato bisogna spendere tanti di quei miliardi che è difficile comprendere di quanti soldi stiamo parlando. Proviamo a capirlo con qualche esempio.
    19 marzo 2012 - Ernesto Celestini
  • Non  “Ci piace vincere facile! ” ?
    Ci piacerebbe tanto vincere facile ma sbattiamo sempre contro un muro di gomma che manipola l’opinione pubblica

    Non “Ci piace vincere facile! ” ?

    Siamo in tanti ad essere pronti a mandare lettere al Presidente del Consiglio e al Parlamento per gridare la nostra rabbia e protestare per la volontà sempre uguale, dei vari governi che si susseguono, per non cambiare niente dell’antica usanza di far pagare più tasse a chi lavora evitando sempre i sacrifici ai nobili e agli squali.
    4 dicembre 2011 - Ernesto Celestini
  • Una scorciatoia (illusoria) tira l'altra. Il marketing virale è già un flop?

    L'idea era affascinante: sfruttare l'effetto «passaparola» per veicolare messaggi pubblicitari con poco sforzo e basso budget. Ma pubblico e abitudini variano più velocemente, spiazzando spesso la programmazione del marketing
    13 settembre 2007 - Serena Patierno
  • Per chi adora le catene di s. Antonio

    Dedicato a tutti gli adulti contemporanei pseudo-intellettuali neuro-ipocondriaci (ovverosia, tutti noi)...
    29 maggio 2007 - Giacomo Alessandroni
editoriale

Dalle Ande alle Alpi, basta una parola

27 luglio 2006
Fonte: Il Manifesto (http://www.ilmanifesto.it)

Quechua: chiedete a un ragazzino d'oggi di che cosa si tratti e facilmente vi risponderà che è una marca di abbigliamento sportivo. Molti racconteranno anche di aver visto uno spot televisivo in cui una tendina viene lanciata in aria e voilà, si apre completa in 2 secondi. La società in questione ha sede ai piedi del monte Bianco e produce scarpe, zaini, sacchi a pelo, di tutto un po' per l'alpinismo, l'arrampicata e lo snowboard. Come altre aziende di sport, tipo Billabong, Patagonia, Napapijri, hanno scelto un nome evocativo e il brand, si sa, spesso è già la metà dell'opera.
Tutto bene? Ma Quechua non era forse, e prima, il nome storico di un linguaggio del Perù fin dal 2600 avanti Cristo? Non era il parlato ufficiale degli Inca di Cusco? Non è tuttora una lingua, parente della lingua Aymara, con cui condivide un terzo del vocabolario? Al Quechua siamo debitori di molte parole entrate nella lingua comune di tutto il mondo, come coca, condor, guano, llama, pampa. Tuttora è lingua ufficiale in Peru e Bolivia, malgrado la prevalenza dello spagnolo, ma è diffusa anche in Argentina, Brasile, Ecuador, Cile. Insomma un patrimonio culturale dell'umanità, che oltre a tutto non ha nulla a che fare con le Alpi né con lo snowboard. Semplicemente suonava bene e brand è diventato, debitamente registrato, sì che se un legittimo parlante Quechua volesse registrare il dominio Internet www.quechua.com gli sarebbe impedito essendo già registrato. Per fortuna invece esiste, e prospera, www.quechuanetwork.org, organizzazione non profit dedicata alla cultura andina, che offre anche un ottimo dizionario inglese-quechua-inglese. Altrettanto impossibile sarebbe per un'azienda artigiana peruviana vendere dei poncho da montagna con su la scritta Quechua, cadendo nella violazione di un brand internazionalmente registrato. Questa piccola storia ci fa notare l'asimmetria nella protezione dei beni intellettuali: se da un lato i paesi del nord del mondo sono molto severi nel pretendere da quelli in via di sviluppo una rigida protezione di marchi, brevetti e copyright, tuttavia nessuna tutela viene riconosciuta ai saperi e alle culture dei popoli meno ricchi. Un vestito di Armani può essere protetto come opera dell'ingegno, ma una bombetta peruviana o il nome di un linguaggio possono essere trasformati in proprietà privata dal primo occidentale che abbia fiuto per gli affari e buoni avvocati.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)