A Firenze, a giugno, un convegno su "La comunicazione come antidoto alla violenza"

Dai problemi di comunicazione alla comunicazione come risorsa
29 marzo 2003
Università di Siena e Firenze

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE
Corso di Laurea in Media e Giornalismo
Corso di Laurea in Operatori per la pace

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA
Master in comunicazione
e relazioni interpersonali

LA COMUNICAZIONE COME ANTIDOTO ALLA VIOLENZA
Dai problemi di comunicazione alla comunicazione come risorsa

II Convegno interdisciplinare sulle politiche e le metodologie di prevenzione
e gestione costruttiva dei conflitti

Firenze, 13 - 14 giugno 2003
Call for PaperS

Presentazione del convegno
In questi tempi di guerra e di grande conflittualità etnica e sociale appare determinante incrementare la consapevolezza e la qualità della comunicazione nelle relazioni tra gli individui, tra i gruppi sociali, le culture, gli stati, in modo da spostare sempre più la polarizzazione delle relazioni umane da "conflitto e competizione" a "dialogo e cooperazione". Le scienze umane e sociali, attraverso un approccio interdisciplinare che riconosca la natura complessa dei fenomeni e l’interrelazione dei processi, possono svolgere in questo un ruolo centrale, sia sul piano della ricerca sia su quello della formazione.
Il convegno si propone di mettere a confronto modelli teorici, metodologie di intervento, ricerche ed esperienze riguardanti la genesi, dinamica, prevenzione e gestione costruttiva dei conflitti e della violenza a diversi livelli: dal macrosociale al mesosociale, fino al microsociale e all’intrapsichico. Come anticipa il titolo, il presupposto di fondo è che i conflitti degenerano e diventano distruttivi anche a causa di chiusure comunicative e di difficoltà nelle relazioni e pertanto aumentando le occasioni di comunicazione e migliorandone la qualità si può contribuire a gestirli in modo non distruttivo.
Alla I edizione del convegno - organizzata ad Arezzo il 17 e 18 maggio 2002 dal Master in Comunicazione e relazioni interpersonali della Università di Siena (coordinato dal Prof. Enrico Cheli) — hanno partecipato oltre 50 studiosi ed esperti, provenienti da campi disciplinari e professionali molto diversificati: sociologi, psicologi, antropologi, medici, avvocati, architetti, consulenti aziendali e formatori. Anche il pubblico, folto e qualificato, ha rispecchiato questa diversificazione. L’augurio è che anche la II edizione sia caratterizzata dalla stessa attenzione e impegno a comprendersi con cui tutti — relatori e pubblico — si sono posti in reciproca relazione: una dimostrazione vivente che le diversità, se affrontate con disponibilità e apertura, sono una fonte di arricchimento e non necessariamente di conflitto.

Comitato organizzatore:
Prof. Giovanni Bechelloni (Università di Firenze)
Prof. Enrico Cheli (Università di Siena)
Prof. Alberto L'Abate (Università di Firenze)

PROGRAMMA
Il convegno si articolerà in 1 sessione introduttiva e di scenario (venerdì mattina) e in 8 SESSIONI TEMATICHE (venerdì pomeriggio e sabato mattina e pomeriggio) di seguito elencate:

  • Prevaricazione e violenza nelle scuole (tra pari e tra docenti e allievi)
  • La violenza negli stadi e nello sport
  • Microconflittualità e violenza nei quartieri e nei paesi
  • La violenza nei media
  • Difesa, ordine pubblico e sicurezza oltre la violenza. Strategie di comunicazione e di intervento.
  • Conflitti costruttivi e distruttivi nella coppia e nella famiglia
  • Prevaricazione e violenza nelle organizzazioni e sul lavoro
  • La società multiculturale: dal conflitto distruttivo alla diversità come risorsa

Chi fosse interessato a partecipare con un proprio intervento ad una delle sezioni è pregato di preavvisare entro il 15 aprile inviando un abstract della relazione e un breve curriculum (file word max 15 righe + 5 di curr.) al recapito sotto indicato.

Segreteria Organizzativa:

Articoli correlati

  • Si può cambiare il mondo senza prendere il potere?
    Schede
    Un sociologo irlandese apre una riflessione su un’idea diversa di rivoluzione

    Si può cambiare il mondo senza prendere il potere?

    "Cambiare il mondo senza prendere il potere. Il significato della rivoluzione oggi" è un libro di John Holloway
    20 febbraio 2024 - Redazione PeaceLink
  • Honduras, paradiso femminicida
    Latina

    Honduras, paradiso femminicida

    Ancora un anno con quasi 400 donne assassinate
    4 dicembre 2023 - Giorgio Trucchi
  • Più armi non porteranno più pace
    Pace
    I cittadini europei e italiani cosa pensano dei disertori?

    Più armi non porteranno più pace

    Attraverso la nonviolenza possiamo trasformare i conflitti grandi e piccoli in equilibri inediti. Il Movimento Nonviolento chiede all'UE di creare corridoi umanitari per chi fugge dalla coscrizione obbligatoria, siamo pronti?
    25 settembre 2023 - Maria Pastore
  • Genova 2001, io non dimentico
    Cultura
    Carlo Giuliani sempre nel cuore

    Genova 2001, io non dimentico

    Da sempre vicina da Haidi, Giuliano ed Elena Giuliani
    Carlo per sempre nel mio cuore
    Scritto nel Giugno 2006
    Lo ripropongo ogni anno
    25 luglio 2023 - Adriana De Mitri
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.7.15 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)