MediaWatch

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

Digital divide

Ecuador, cellulare per tutti

29 novembre 2007 - Marina Rossi
Fonte: Il Manifesto (http://www.ilmanifesto.it)

Anche il cellulare è un diritto, almeno in Ecuador. E proprio la repubblica sudamericana è stata la prima ad ammettere pubblicamente questa necessità di natura sociale - prima ancora che tecnologica - e a richiedere alle aziende private un'opera concreta di finanziamento, cioè la creazione di un fondo finalizzato all'acquisto di cellulari a basso costo da donare alle persone più povere del paese. Il segretario nazionale delle telecomunicazioni ha chiamato in causa gli operatori mobili dell'Ecuador, invitandoli a versare l'un per cento dei propri guadagni nel fondo e a ridimensionare le tariffe telefoniche, per garantire ai cittadini migliori servizi a un minor costo. Proprio in questo periodo il governo dell'Ecuador deve rinnovare le concessioni agli operatori mobili, il cui mercato è guidato principalmente dal duopolio composto da Porta, proprietà di America Movil, e Movistar di Telefònica, che insieme raggiungono il 96 per cento del totale nazionale. I termini sono chiari e le aziende di telecomunicazioni non sembrano avere alcuna possibilità di manovra: il Presidente dell'Ecuador Rafael Correa ha infatti specificato che, nel caso non venga raggiunto un accordo, gli operatori sono invitati ad andarsene dal paese, senza appello. Il fondo è quindi solo una parte della manovra governativa che non vuole porre il cellulare davanti ad altri bisogni, ma che cerca di piegare il mercato alle necessità dell'Ecuador. E non è la prima battaglia che Correa intraprende in nome delle tecnologie aperte: in passato si era schierato per la diffusione del free software, abbandonando le licenze commerciali nelle pubbliche amministrazioni locali, in favore dell'open source.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)