Digital divide

Ecuador, cellulare per tutti

29 novembre 2007
Marina Rossi
Fonte: Il Manifesto (http://www.ilmanifesto.it)

Anche il cellulare è un diritto, almeno in Ecuador. E proprio la repubblica sudamericana è stata la prima ad ammettere pubblicamente questa necessità di natura sociale - prima ancora che tecnologica - e a richiedere alle aziende private un'opera concreta di finanziamento, cioè la creazione di un fondo finalizzato all'acquisto di cellulari a basso costo da donare alle persone più povere del paese. Il segretario nazionale delle telecomunicazioni ha chiamato in causa gli operatori mobili dell'Ecuador, invitandoli a versare l'un per cento dei propri guadagni nel fondo e a ridimensionare le tariffe telefoniche, per garantire ai cittadini migliori servizi a un minor costo. Proprio in questo periodo il governo dell'Ecuador deve rinnovare le concessioni agli operatori mobili, il cui mercato è guidato principalmente dal duopolio composto da Porta, proprietà di America Movil, e Movistar di Telefònica, che insieme raggiungono il 96 per cento del totale nazionale. I termini sono chiari e le aziende di telecomunicazioni non sembrano avere alcuna possibilità di manovra: il Presidente dell'Ecuador Rafael Correa ha infatti specificato che, nel caso non venga raggiunto un accordo, gli operatori sono invitati ad andarsene dal paese, senza appello. Il fondo è quindi solo una parte della manovra governativa che non vuole porre il cellulare davanti ad altri bisogni, ma che cerca di piegare il mercato alle necessità dell'Ecuador. E non è la prima battaglia che Correa intraprende in nome delle tecnologie aperte: in passato si era schierato per la diffusione del free software, abbandonando le licenze commerciali nelle pubbliche amministrazioni locali, in favore dell'open source.

Articoli correlati

  • Ecuador: vittoria indigena, ma Lasso resta in sella
    Latina
    Lo sciopero conclusosi il 30 giugno ha sancito risultati significativi per le comunità indigene,

    Ecuador: vittoria indigena, ma Lasso resta in sella

    Tuttavia il presidente è rimasto al suo posto e la sensazione prevalente è che le turbolenze politiche nel paese non siano concluse
    6 luglio 2022 - David Lifodi
  • Ecuador: lo sciopero a oltranza contro Guillermo Lasso
    Latina
    Prosegue dal 13 giugno la mobilitazione della Conaie

    Ecuador: lo sciopero a oltranza contro Guillermo Lasso

    Dopo tre settimane Palacio de Carondelet aumenta la repressione contro i movimenti sociali che, lo scorso 1° luglio, sono riusciti a veder riconosciute parte delle loro richieste.
    1 luglio 2022 - David Lifodi
  • Ecuador: Guillermo Lasso presidente a sorpresa, ma non troppo
    Latina
    Al ballottaggio il candidato della destra approfitta delle divisioni interne a sinistre e indigeni

    Ecuador: Guillermo Lasso presidente a sorpresa, ma non troppo

    Il magnate ha beneficiato delle fake news del suo stratega della comunicazione, Durán Barba, per rimontare Andrés Arauz, favorito dopo il primo turno, per conquistare Palacio de Carondelet
    12 aprile 2021 - David Lifodi
  • Preso d'assalto il Campidoglio: le app li hanno rintracciati.
    CyberCultura
    Come i nostri cellulari ci sottopongono alla sorveglianza continua

    Preso d'assalto il Campidoglio: le app li hanno rintracciati.

    Due giornalisti sono riusciti a identificare non solo molti assalitori del Campidoglio americano, ma anche chiunque era nei paraggi, grazie ai dati, niente affatto anonimi, trasmessi in automatico dai loro telefonini. Siamo tutti pedinati.
    16 febbraio 2021 - Charlie Warzel & Stuart A. Thompson
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)