MediaWatch

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • Conto Corrente Bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Manovre militari alla Tripla Frontera
    L’addestramento degli eserciti di Stati Uniti, Brasile, Perù e Colombia guarda minacciosamente verso Caracas

    Manovre militari alla Tripla Frontera

    Il territorio latinoamericano fa gola a molti perché ricco di risorse naturali
    15 novembre 2017 - David Lifodi
  • Brasile: Temer dichiara guerra agli indios
    Il presidente brasiliano riduce i bilanci della Fundação Nacional do Índio per la gioia della bancada ruralista

    Brasile: Temer dichiara guerra agli indios

    Nei primi sei mesi del 2017 le violazioni dei diritti dei popoli indigeni sono ulteriormente cresciute
    4 ottobre 2017 - David Lifodi
  • Brasile: autogolpe della destra?
    Una parte dell’estabilishment scarica Temer per sostituirlo con un uomo più presentabile

    Brasile: autogolpe della destra?

    La sinistra chiede le elezioni dirette per ottobre 2017
    25 maggio 2017 - David Lifodi
  • Brasile: esecuzione in stile mafioso ai danni di  Waldomiro Costa Pereira
    L'ex dirigente dei Sem terra è stato ucciso in ospedale da cinque sicari ancora non identificati

    Brasile: esecuzione in stile mafioso ai danni di Waldomiro Costa Pereira

    Militante del Partido dos Trabalhadores, Costa Pereira era stato ferito in un agguato pochi giorni prima
    29 marzo 2017 - David Lifodi

Tv Brasile, nasce l'emittente dell'informazione pubblica

Voluta fortemente da Lula, la prima tv nazionale nata per contrastare la Globo rischia di non centrare l'obiettivo democratico a causa di un consiglio direttivo troppo governativo e poco «dal basso»
7 dicembre 2007 - Serena Corsi
Fonte: Il Manifesto (http://www.ilmanifesto.it)

La data di lancio ha finito per essere troppo anticipata, col palinsesto ancora per aria e il consiglio direttivo fresco di nomina, dopo trattative politiche durate mesi. Ma Lula e la sua equipe volevano che la nuova Tv Brasil, prima emittente nazionale pubblica nella storia del paese, nascesse il 2 dicembre, inizio dell'era digitale nel gigante sudamericano e non un giorno dopo. L'imperativo era che già dalle prime ore di domenica la nuova tv fosse in grado di trasmettere, oltre che sul digitale, in analogico negli stati di Rio de Janeiro, São Paulo, Brasilia e parte del settentrionale Maranhão.
Comprensibile la fretta; ci sono da recuperare decenni di ritardo sul monopolio dei privati. E poi, rinviando la messa in onda si sarebbero prolungate all'infinito le discussioni: dentro a Tv Brasil neri, mulatti e indigeni avrebbero avuto uno spazio adeguato? Ci sarà posto per la miriade di congregazioni e sette religiose al di fuori della chiesa cattolica? Chi supervisionerà l'etica, e l'oggettività delle informazioni? Qualcuno potrà imporre censura?
Comunque si venga a capo di queste questioni, l'intenzione di fondo è ineccepibile: mettere fine all'oligopolio incontrastato del gruppo Globo (che possiede diversi canali tv, 4 giornali, 15 riviste e il 24% di Sky Brasil) e i cui telegiornali somigliano per forma alla Cnn e per contenuti al nostro Tg4. L'assenza di una tv pubblica nazionale era ormai un'emergenza democratica in un paese in cui «perché lo dice la televisione» vale ancora più che altrove.
La tv in Brasile non solo è un mezzo di comunicazione di massa: è l'unico. Complice l'alto tasso di analfabetismo, libri, giornali e riviste hanno prezzi da beni di extra-lusso, al di fuori della portata della stragrande maggioranza dei brasiliani che, per informarsi in modo autonomo e consapevole, dovrebbe rinunciare a un pasto al giorno. Le telenovelas della Globo, in cui anche i ricchi piangono, ma solo i bianchi compaiono e solo le prostituite sono mulatte, sono l'unico punto di incontro di un paese immenso, in cui una ristrettissima elite di otto famiglie ha ereditato, dagli anni della dittatura, la torta mediatica con cui nutrire duecentocinquanta milioni di consumatori. Come dar torto a Roberto Marinho, fondatore e presidente della Globo fino alla sua morte (2003), che amava ripetere «io non racconto il potere. Io sono il potere»?. Contro il monopolio dell'informazione i movimenti sociali avevano indetto per il 5 ottobre scorso una giornata di boicottaggio ai media privati, chiedendo la revisione della politica sulla concessione delle licenze - un tasto dolente rispetto al quale il governo ha fatto orecchie da mercante (forse troppo vicina nel tempo, e troppo stigmatizzata dallo stesso Lula, la mancata concessione a Rctv nel Venezuela di Chavez).
Tv Brasil dovrebbe fare miracoli per ridurre il gap di potere, ma non è nata sotto i migliori auspici. Oltre alle critiche dell'opposizione, che si trovava a proprio agio nella retorica conservatrice della Globo e non vede motivo di usare fondi pubblici per creare un'altra tv, c´è la sinistra, di governo e non, delusa dalla lista di nomi che formeranno il consiglio direttivo (nominato all'80% dal presidente della Repubblica, con diritto di revoca). Ne sono stati esclusi rappresentanti di sindacati, movimenti sociali e in generale di quella composita società civile che in Brasile spesso fa le veci dello stato, e che nell'idea originale della tv - e, tuttora, secondo il ministro della cultura Gilberto Gil - avrebbe dovuto avere un posto in prima fila.
Nonostante avesse carta bianca sulle nomine, e malgrado mesi di «consultazioni dal basso» l'esecutivo ha finito per indorare la pillola all'opposizione accettando di creare un consiglio di notabili: giornalisti e personaggi pubblici di varia estrazione politica (fra i quali, purtroppo, spicca anche Delfim Netto, reciclato ex ministro del regime militare). Difficile che allora Tv Brasil non diventi un mezzo di propaganda quando il governo è avverso ai grandi media privati e, viceversa - peggio ancora - l'ennesimo luogo di concentrazione del potere quando governo ed elite economica tornino a coincidere.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)