Pippo Mezzapesa vince il Nastro d’Argento con “settanTA”

Il “Nastro d’Argento” 2014 per il miglior cortometraggio è stato assegnato al regista bitontino Pippo Mezzapesa per il corto “settanTA” che parla del quartiere Tamburi di Taranto
18 marzo 2014
Teresa Manuzzi

Pippo Mezzapesa

 Il "Nastro d'Argento" 2014 per il miglior cortometraggio è stato assegnato al regista bitontino (provincia di Bari) Pippo Mezzapesa per il corto "settanTA" dal "Sindacato Nazionale Giornalisti Cinematografici". "settanTA" è un cortometraggio realizzato per Repubblica.it che, attraverso l'uso della narrazione tipica del documentario, ci accompagna tra i palazzi del quartiere Tamburi di Taranto, a due passi dall'acciaieria più grande d'Europa: l'ILVA. Qui, tra i palazzi le cui facciate sono arrossate dalla polvere di ferro proveniente dai parchi minerari a cielo aperto, si discute di politica, di salute, di lavoro e di ambiente.

 

Oltre a parlare si cerca anche di sopravvivere, per questo Enzo ha organizzato una lotteria. Enzo riempie delle ceste con prodotti alimentari, vende vari biglietti ed estrae il numero vincente. Il fortunato vince "una spesa" e lui mette in tasca i soldi guadagnati dalla vendita dei biglietti. Nel video però ci sono delle presenze invisibili, il vento e il suono della sirena della fabbrica. Il vento forte che agita il mare e che gonfia i nuvoloni dei fumi provenienti dall'acciaeria, lo stesso vento che trasporta la polvere di ferro, spesso copre il suono delle parole dei protagonisti. Il chiacchiericcio degli abitanti è più volte sovrastrato anche dal suono acuto della sirena dell'Ilva.

 

Prendono vita così due monologhi posti l'uno vicino all'altro, monologhi che non interagiscono, non si ascoltano e non comunicano tra loro. Da un lato l'Ilva, fumosa, silenziosa e imponente, dall'altra i tarantini esasperati ed impotenti, condannati a vivere in quel posto dal bisogno. Nella scena finale proprio il silenzio complice viene condannato una volta per tutte con l'inquadratura di una targa che campeggia da anni su di un palazzo del quartiere Tamburi: "Veniamo sepolti da polveri di minerale e soffocati da esalazioni di gas proveniente dalla zona industriale dell’ILVA, per tutto questo gli stessi maledicono, coloro che possono fare e non fanno nulla per riparare”.

Articoli correlati

  • Dopo la sentenza Ilva, parla la città di Taranto
    Processo Ilva
    Taranto da ascoltare

    Dopo la sentenza Ilva, parla la città di Taranto

    Ascoltiamola questa città, seria, coraggiosa e competente, sempre più equilibrata di chi ha spacciato per razionale l'intollerabile (interviste di "RadioVera" del 4 giugno)
    6 giugno 2021 - Lidia Giannotti
  • Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale
    Citizen science
    Raffronto fra la mortalità dei quartieri più inquinanti di Taranto e la mortalità regionale

    Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale

    Dal 2011 al 2019 in totale vi sono 1075 morti in eccesso di cui 803 statisticamente significativi.
    L'eccesso di mortalità medio annuo è di 119 morti di cui 89 statisticamente significativi.
    L'intervallo di confidenza considerato è del 90%.
    13 maggio 2021 - Redazione PeaceLink
  • Osservatorio mortalità a Taranto
    Citizen science
    Citizen science

    Osservatorio mortalità a Taranto

    Pubblichiamo un foglio elettronico con i dati disponibili alla data odierna. L'osservatorio mortalità è uno strumento utile e importante per tenere sotto controllo la situazione in aree particolarmente inquinate
    13 aprile 2017 - Alessandro Marescotti
  • Egregio Presidente Giuseppe Conte, adesso dovrebbe bastare, non crede?
    Taranto Sociale
    Appello inviato ogni sabato dall'8 giugno 2020

    Egregio Presidente Giuseppe Conte, adesso dovrebbe bastare, non crede?

    Taranto chiede alle istituzioni soluzioni concrete al problema inquinamento e lo fa con determinazione. Questo appello è stato sottoscritto già da oltre settemila tarantini e non solo e sarà inviato con le nuove sottoscrizioni ogni sabato fino ad ottenere risultati verificabili.
    8 gennaio 2021 - Fulvia Gravame
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)