MediaWatch

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • Conto Corrente Bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace
    Jalal Talabani non è stato soltanto, fino al 2014, il Presidente della Repubblica dell’Iraq. E’ stato il garante istituzionale di un Paese nato esattamente un secolo fa.

    Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace

    E’ trascorsa una settimana dal Referendum - così a lungo atteso - per l’indipendenza del Kurdistan Iracheno. Oggi la notizia della morte di Jalal Talabani. I due eventi, casualmente così ravvicinati, sembrano concatenarsi in una sequenza simbolica di passaggio di testimone.
    4 ottobre 2017 - Andrea Misuri
  • Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Ma si riuscirà mai, per dirla con don Lorenzo Milani, a far strada agli impoveriti senza farsi strada? Portare al centro della politica gli ultimi, gli emarginati, gli impoveriti, i lavoratori, chi lotta contro le ingiustizie, le mafie, la disumanità e la barbarie delle guerre, facendo quanti più passi indietro perché siano loro a farne almeno una volta, almeno uno, avanti? Ma non sarebbe quasi ora di domandarsi, anche se non so quanti hanno fratelli che sono figli unici, se siamo ancora convinti che esistono gli sfruttati, i malpagati, i frustati, i calpestati e gli odiati e la vicinanza/distanza da loro?
    2 giugno 2017 - Alessio Di Florio
  • Che cosa era la guerra?
    A ogni incontro, Gulala riporta una frase esplicativa nella sua semplicità, della poetessa americana Eve Merriam: “Io sogno di dare alla luce un bambino che chieda: Mamma, che cosa era la guerra?”

    Che cosa era la guerra?

    Brevi note dopo la cena-incontro solidale che da Campi Bisenzio ha dato voce a chi dall'Italia lavora per Kurdistan Save the Children. Un progetto che prosegue, un ponte reciproco con la regione tormentata del Nord Iraq.
    6 marzo 2017 - Andrea Misuri
  • E' morto Fidel Castro

    E' morto Fidel Castro

    26 novembre 2016 - Marinella Correggia

Iraq e ostaggi, l'informazione embedded

La gestione delle infomazioni e delle bugie, del dolore e delle speranze, sul caso degli ostaggi italiani in Iraq, resterà un caso esemplare. Un caso davvero da studiare
22 aprile 2004 - Riccardo Bonacina
Fonte: Vita online - http://www.vita.it - 21 aprile 2004

Quanti silenzi sotto le tante, troppe, parole. Quante informazioni negate nel profluvio di informazioni. Non solo, è osceno il connubbio televisione e guerra, spettacolo e guerra (come ha notato l'Osservatore Romano); peggio: è menzognero. La gestione delle infomazioni e delle bugie, del dolore e delle speranze, sul caso degli ostaggi italiani in Iraq, resterà un caso esemplare. Davvero da studiare.

Quante domande senza risposta a 12 giorni dalla prima notizia di un sequestro di italiani in Iraq che risale al 9 aprile, fonte Reuters.

Mettiamone qualcuna in fila. Il 9 aprile è stato sequestrato qualche cittadino italiano oppure no? Addirittura il collaboratore della Reuters (secondo il Tg5) ne avrebbe riconosciuto uno tra i quattro ostaggi mostrati poi nel video di Al Jazeera. È vero oppure no che il governo sarebbe intervenuto, in quelle stesse giornate, per la liberazione di due agenti dei servizi presi in ostaggio e quindi liberati? A oggi il governo non ha ancora risposto.

E Fabrizio Quattrocchi, Agliana, Stefio e Cupertino sono stati davvero rapiti tutti insieme, e nello stesso luogo? Quando sono davvero partiti da Baghdad? Davvero si sono mossi insieme? C'è chi giura che siano partiti da Bagdad sabato 10 aprile, altri domenica 11, altri ancora, e sono i più, lunedì 12. Ma ciascun testimone si riferisce a uno o a un altro del gruppo, nessuno parla del gruppo.

Da quanto erano in Iraq? Sembrava da pochi giorni, ma poi le tv ci hanno mostrato un video con Quattrocchi in Iraq, del 7 marzo scorso. E cosa esattamente facevano?

Cosa effettivamente fa la Dts Llc Security, registrata dal reclutatore dei 4 italiani Paolo Simeone in Nevada, e il cui rappresentante locale in Usa è solo un prestanome per 160 società (nota Repubblica sabato 17 aprile)?

Mille le domande anche sul tragico epilogo nella serata del 14 aprile con l'assassinio di Fabrizio Quattrocchi comunicato in diretta durante una pazzesca puntata di Porta a Porta dal vicedirettore di Libero alle ore 00.30, due ore e 24 minuti dopo che l'informazione è stata ricevuta dall'ambasciatore italiano a Doha, due ore e 20 minuti dopo che la notizia è giunta al Ministro Frattini. E perché lo stesso ministro durante la stessa trasmissione intorno alle 22,45 commenta l'annuncio di Al Jazeera sull'esecuzione di un ostaggio italiano con la frase: "Non abbiamo altri elementi"?

Come mai in quello studio erano presenti il fratello di Umberto Cupertino, la sorella di Maurizio Agliana e il padre di Salvatore Stefio, collegato da Palermo, ostaggi nelle mani dei terroristi? È solo un caso, come sostiene Vespa, che mancassero proprio i familiari di Fabrizio Quattrocchi?

Ancora, come mai la notizia dell'avvenuto riconoscimento del corpo di Quattrocchi fatta dall'ambasciatore italiano a Doha qualche ora prima, avveniva proprio nel mentre di un break pubblicitario? Quando invece, è ormai appurato, anche per la testimonianza di Imad el Atrache, vice capo esteri di Al Jazeera, la cassetta è stata ricevuta, in Qatar, due ore prima di dare la notizia, e l'hanno subito mostrato all'ambasciatore italiano in Qatar? Ovvero, la Farnesina sapeva ben prima delle 22…

Come mai, infine, un ministro della Repubblica non si è sino a oggi sentito in dovere di rispondere al comunicato di Bruno Vespa del 16 aprile e all'editoriale del vicedirettore di Libero del 17 aprile, in cui lo sbugiardano sostenendo che: “Durante l'intervallo pubblicitario di mezzanotte e mezza della puntata del 14 aprile, Frattini ha sostenuto di conoscere la notizia. E alla domanda posta da Vespa: ma i famigliari sono stati avvertiti? Il ministro ha annuito?”. Ma allora il ministro degli Esteri italiano è davvero un bugiardo?

Sono del resto risibili le spiegazioni fornite questo pomeriggio in Parlamento dal ministro Giovanardi, vedi articolo:clicca qui

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)