Dietro l'arresto di Assange

Perché Wikileaks costituisce un problema?

Vi proponiamo un breve filmato che spiega come la Cia compie la sua attività di spionaggio. Assange, fondatore di Wikileaks, ha da tempo documentato tutto ciò. Come pure ha documentato i crimini americani nelle ultime guerre.
13 aprile 2019
Redazione PeaceLink

Il regista americano Oliver Stone si è schierato con il fondatore  di Wikileaks Julian Assange.

Free Assange

Ha dichiarato su Twitter: "Julian Assange è colui che ha aiutato la verità a venire alla luce. Ha fatto un grande lavoro per conto dell'umanità, nonostante l'atteggiamento disumano verso di lui".


Assange è entrato in contrasto con la CIA per una serie di pubblicazioni, tra cui quelle che riguardavano le operazioni militari degli Stati Uniti in Afghanistan e in Iraq.

Sono stati documentati episodi che riguardano la morte dei civili.

Le operazioni Usa in Iraq, lo dicono i documenti con i dati sui morti dal 2004 fino al 2010 pubblicati da WikiLeaks, hanno provocato circa 66 mila vittime civili su 109 mila totali. Assange ha pubblicato informazioni sulle condizioni di detenzione disumane nella prigione americana di Guantanamo.

E' stato incriminato in Svezia per una vicenda a sfondo sessuale.

Il reato contestatogli sarebbe quello di aver avuto rapporti sessuali non protetti, seppur consenzienti. Secondo la stampa svedese, la poliziotta che ha raccolto la testimonianza avrebbe incitare la donna a denunciare Assange dopo averle spiegato che per la giustizia locale rifiutarsi di usare il preservativo durante un rapporto si configura come stupro. «È ora di sgonfiare quel pallone gonfiato ed esageratamente osannato di Julian Assange» aveva dichiarato la poliziotta sulla sua pagina Facebook. Una seconda donna alla fine della deposizione si è rifiutata di firmare le dichiarazioni trascritte.

Molti hanno infine sollevato dubbi sulla natura del provvedimento, mettendo in rilievo la coincidenza temporale con la pubblicazione da parte di Wikileaks di documenti diplomatici statunitensi compromettenti.

Articoli correlati

  • "Una rara buona notizia per Julian Assange"
    MediaWatch
    PeaceLink sostiene la campagna per la liberazione del fondatore di Wikileaks

    "Una rara buona notizia per Julian Assange"

    Amnesty International valuta positivamente la decisione dell’Alta corte di Londra di garantire a Julian Assange la possibilità di appellarsi contro l’estradizione negli Usa. Wikileaks ha rivelato i crimini di guerra Usa e il movimento pacifista deve oggi sostenere la causa di Assange.
    21 maggio 2024 - Redazione PeaceLink
  • Lunedì prossimo il verdetto sul caso Julian Assange. Tutti gli occhi puntati su Londra.
    MediaWatch
    Una luce di speranza per il co-fondatore di WikiLeaks?

    Lunedì prossimo il verdetto sul caso Julian Assange. Tutti gli occhi puntati su Londra.

    Appuntamenti a Roma e a Milano per seguire l’udienza in diretta e per sentire i commenti a caldo sul verdetto dell'Alta Corte di Londra. Malgrado i suoi problemi di salute, Assange conta di essere presente in aula.
    18 maggio 2024 - Patrick Boylan
  • Il Giorno X per Julian Assange, più volte rinviato, arriva il 20 maggio
    MediaWatch
    SOS ("MayDay") di Stella Assange

    Il Giorno X per Julian Assange, più volte rinviato, arriva il 20 maggio

    “Lanciamo l'allarme per il 20 maggio, data della nuova udienza per Julian Assange.” Così ha postato su Instagram sua moglie, chiedendo ai suoi sostenitori nel mondo di raggiungerla davanti all’Alta Corte britannica a Londra la mattina del 20 oppure di manifestare ognuno nella propria città.
    16 maggio 2024 - Vincenzo Vita
  • “Stop the war on journalism: Free Julian Assange” al Festival del Giornalismo di Perugia
    MediaWatch
    Nonostante il boicottaggio ufficiale, del co-fondatore di WikiLeaks si parlerà a #ijf24

    “Stop the war on journalism: Free Julian Assange” al Festival del Giornalismo di Perugia

    “Stop the war on journalism: Free Julian Assange” è il titolo dei tre eventi “off” che gli Attivisti per Assange porteranno al Festival Internazionale del Giornalismo di Perugia (#ijf24), in programma nel capoluogo umbro dal 17 al 2 1 aprile.
    12 aprile 2024 - Patrick Boylan
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.7.15 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)