Media brasiliani contro i Senza-terra

Grande stampa e network tv li presentano sempre come ultra-radicali e pericolosi per la legge e l'ordine
18 aprile 2004
Luiz Magalhães
Fonte: Il Manifesto

L'Mst ha lanciato durante il Forum sociale mondiale del 2003 a Porto Alegre il suo giornale, Brasil de fato . Un settimanale a carattere nazionale che vuole essere il tentativo di rompere l'assedio dei grandi media scritti e tv del Brasile rispetto alla riforma agraria e allo stesso Movimento dei Senza-terra. In effetti la storia dei rapporti dei media brasiliani con l'Mst, nei suoi 20 anni di vita, è sempre stata conflittuale. A parte qualche sporadico momento di grazia. Come fra la fine del `96 e l'inizio del `97 quando la Rete Globo programmò nell'orario di maggiore audience la tele-novela « O Rei do gado » in cui i senza-terra erano presentati sotto buona luce (ma Patricia Pilar, una stella famosa del video, era la protagonista nel ruolo di un umile contadina...). Al di là di queste eccezioni sporadiche (in genere legate ai peggiori massacri, come quello di Eldorado de Carajas del '96) i media brasiliani hanno sempre trattato l'Mst come un movimento ultra-radicale e pericoloso per la legge e l'ordine: la riforma agraria è un obiettivo giusto, purché sia perseguito all'interno della legalità e con mezzi pacifici. Così le occupazioni di terre, nei media, diventavano invariabilmente «invasioni violente» e violazioni della sacra proprietà privata. Che i Senza-terra esprimessero poi opzioni politiche, in genere per il Pt, veniva criticato: la politica deve restare fuori dal problema della riforma agraria. A partire dal `98, terza sconfitta della candidatura presidenziale di Lula e seconda vittoria del neo-liberista Cardoso, i media hanno indurito il gioco. Fino a estremi ridicoli, come quando il settimanale Veja , nel 2000, pubblicò un reportage dal titolo «La tattica del caos» (e un altro diceva: «La sinistra rabbiosa»), condannado senza appello la strategia dell'Mst e presentando un fotomomtaggio in cui la faccia di Stedile si sovrapponeva a quella di James Bond. Dopo la conversione verso il centro del Pt e di Lula, specialmente visibile nella campagna elettorale del 2002, il modo dei grandi media di trattare l'Mst cambiò. E cominciarono titoli e pezzi sul «pericolo» che l'accoppiata Pt-Mst arrivasse al potere (specie dopo l'occupazione nel 2002 della fazenda del presidente Cardoso). Si sprecarono le inchieste sui difficili rapporti interni fra il partito e il movimento, cercando ogni pretesto per seminare zizzania. Il «moderato» Lula contro il « baderneiro » (casinista, più o meno) Stedile.

La musica continuò sullo stesso tono dopo la vittoria elettorale di Lula nell'ottobre 2002. E da un anno in qua i grandi media fanno a gara per combattere i pur timidissimi accenni di riforma agraria. Il ministro dello sviluppo agricolo, Miguel Rossetto, ad esempio, considerato contiguo all'Mst, subisce continue aggressioni a mezzo stampa mentre giornali e tv cercano di impedire in qualunque modo che gente vicina al Movimento assuma incarichi nel governo, perché persone «di parte» non possono occuparsi della riforma (mentre tutti sono stati entusiasti per la nomina del banchiere della Bank Boston, Henrique Meirelles, a capo della Banca centrale). Sono quotidiani anche i tentativi da parte dei media di istigare i leader dell'Mst a criticare il governo. E viceversa. Grandi media e grandi latifondisti uniti nella lotta.

Articoli correlati

  • Nota del Movimento Internazionale delle Vittime della Vale
    Legami di ferro
    Crolla diga di rifiuti minerari a Brumadinho

    Nota del Movimento Internazionale delle Vittime della Vale

    Indignazione per la nuova tragedia in Brasile, a soli tre anni dal crollo della diga di Mariana
    28 gennaio 2019 - Beatrice Ruscio
  • Il Brasile che verrà
    Latina
    Il 1 gennaio Jair Bolsonaro si insedia al Planalto

    Il Brasile che verrà

    L’odio del presidente contro indigeni e contadini e il suo disprezzo per i diritti civili, sociali e politici fanno temere il peggio per il paese
    30 dicembre 2018 - David Lifodi
  • Verità e giustizia per Marielle Franco
    Latina
    A 9 mesi dal suo omicidio lo Stato brasiliano continua a tacere

    Verità e giustizia per Marielle Franco

    Alla fiera Più libri più liberi di Roma la coraggiosa denuncia di Monica Tereza Benicio, compagna della donna, e della giornalista Fernanda Chaves
    12 dicembre 2018 - David Lifodi
  • Brasile: l’uomo nero ad un passo dal Planalto
    Latina
    Bolsonaro si presenta al ballottaggio del 28 ottobre con quasi il 20% dei consensi in più del petista Fernando Haddad

    Brasile: l’uomo nero ad un passo dal Planalto

    Festeggiano la bancada ruralista, i produttori delle armi e le elites bianche del paese. Per sovvertire i risultati del primo turno la strada è tutta in salita
    8 ottobre 2018 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.10 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)