Ha rivelato le bugie di guerra e i crimini dell'esercito USA e rischia fino a 175 anni di carcere

Assange potrà essere estradato negli Usa: PeaceLink esprime indignazione e grave preoccupazione

La sua azione è ormai passata alla storia per il grande contributo fornito alla libertà di stampa. E' momento buio per il diritto all'informazione perché chiunque potrà da oggi essere perseguitato per aver rivelato la verità, che è la prima vittima di ogni guerra.
17 giugno 2022
Associazione PeaceLink

Logo del gruppo FREE ASSANGE Italia

PeaceLink si associa a tutte le persone e le organizzazioni - come Amnesty International - che in questo momento esprimono sdegno verso la decisione, ma anche sostegno e solidarietà al fondatore di Wikileaks.

La ministra dell’Interno del Regno Unito, Priti Patel, ha autorizzato l’estradizione di Julian Assange negli Usa. “Questa decisione pone Assange in grande pericolo e invia un messaggio agghiacciante ai giornalisti in ogni parte del mondo”, ha dichiarato Agnés Callamard, segretaria generale di Amnesty International. 

Assange è accusato spionaggio. Ma la sua vera colpa è di aver rivelato le bugie di guerra e i crimini dell'esercito americano, fornendo un grande contributo alla libertà di informazione, così come fecero i giornalisti americani che rivelarono i crimini di guerra Usa nel Vietnam.

Si legge sull'ANSA: "Il cofondatore australiano di Wikileaks non verrà comunque consegnato agli Stati Uniti immediatamente. Ha infatti ancora 14 giorni di tempo per tentare un ultimo appello, contro l'adeguatezza del provvedimento ministeriale, di fronte alla giustizia britannica; e, nel caso di un rigetto (pressoché scontato), di provare a rivolgersi pure alla Corte Europea dei Diritti Umani di Strasburgo". Dal sito di "Italiani per Assange"

PeaceLink invita tutte le associazioni pacifiste a levare un coro di proteste verso questa grave violazione dei diritti fondamentali dell'uomo che ferisce e impaurisce tutti coloro che in guerra cercano di raccontare la verità, spesso venendo sospettati di spionaggio e di violazione del segreto militare.

Per il segretario generale della Fnsi (Federazione Nazionale Stampa Italiana), Raffaele Lorusso, «la decisione del governo di Londra di consentire l'estradizione di Julian Assange negli Usa è un attacco alla libertà di informare. Assange, che negli Stati Uniti rischia fino a 175 anni di carcere, ha semplicemente divulgato documenti relativi a questioni di grande interesse pubblico. È grave che la ministra dell'Interno britannica Priti Patel non ne abbia tenuto conto. La sua decisione - conclude Lorusso - rappresenta un precedente pericoloso e poco edificante per qualsiasi Paese che si professi democratico».

Articoli correlati

  • Julian, sei il mio eroe
    Editoriale
    Murales per Julian Assange

    Julian, sei il mio eroe

    Ti sei messo contro i potenti della terra, hai svelato al mondo verità scomode: sulla corruzione internazionale, sui crimini di guerra e molto altro. Perchè tu hai rivelato la verità al mondo e le persone che dovrebbero stare in galera sono i potenti che ti tengono prigioniero.
    16 settembre 2022 - Jorit
  • Are the US and the UK authoritarian regimes?  Julian Assange's supporters think so
    PeaceLink English
    Saving Assange is saving freedom of the press

    Are the US and the UK authoritarian regimes? Julian Assange's supporters think so

    A young Italian woman is the latest “street installation” activist to protest the media's silence regarding the inhumane treatment of Julian Assange by the UK and the U.S. Her installation in a square in Como lambastes the two self-styled democracies for acting exactly like authoritarian regimes.
    15 agosto 2022 - Patrick Boylan
  • Gli USA e l’UK regimi autoritari? Per i sostenitori di Julian Assange, sì
    CyberCultura
    Attivismo per salvare Assange e la libertà di stampa

    Gli USA e l’UK regimi autoritari? Per i sostenitori di Julian Assange, sì

    Una ragazza di Como rifiuta di essere complice del silenzio dei media sul trattamento disumano inflitto a Julian Assange da parte dell’UK e degli USA; mette in scena, in una piazza centrale della città, la sua protesta contro l’autoritarismo delle due se dicenti democrazie.
    14 agosto 2022 - Patrick Boylan
  • NO all’estradizione di Julian Assange
    Pace
    Presidio 16 maggio 2022 dalle ore 18 alle 20 in piazza Prampolini a Reggio Emilia

    NO all’estradizione di Julian Assange

    Alla vigilia della firma della Ministra dell’interno del governo inglese, Priti Patel, noi torniamo in piazza. Se l’ordine di estradizione verrà siglato, con quest’ultima firma diventerà esecutivo. Per Julian Assange sarà la fine. Verrà portato e rinchiuso a vita in un carcere statunitense
    16 maggio 2022 - Free Assange Reggio Emilia
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)