Lettera a Repubblica

Non esiste nessuna direttiva UE che obbliga a versare il 2% del proprio PIL alla Nato

Fact-checking su un articolo di Furio Colombo dal titolo "Incoerenza dei nuovi pacifisti" in cui si legge: "Il governo italiano, per una direttiva dell’Unione Europea, ha deciso un aumento di spesa militare italiana del 2 per cento".
10 agosto 2022
Carlo Gubitosa

Gentile redazione de "La Repubblica",

nell'edizione del primo agosto del vostro quotidiano è visibile tra gli articoli richiamati in prima pagina un articolo di Furio Colombo dal titolo "Incoerenza dei nuovi pacifisti" nel quale è contenuta la seguente affermazione:

"Il governo italiano, per una direttiva dell’Unione Europea, ha deciso un aumento di spesa militare italiana del 2 per cento".

Potete verificare facilmente che tale informazione è oggettivamente falsa e che non esiste nessuna direttiva UE che obbliga gli stati membri dell'Unione Europea a versare il 2% del proprio PIL alla Nato, anche perché la difesa nazionale non rientra nelle materie per le quali è stata fatta una cessione di sovranità a livello europeo.

Esistono solo accordi informali e non vincolanti presi in un vertice NATO del 2014 (e non in sede UE) per aumentare AL 2% (e non DEL 2%) la spesa militare degli stati membri della NATO.

Si tratta di accordi che non sono vincolanti come le direttive UE, accordi che l'Italia nella sua sovranità economica può decidere di ignorare, proprio come sono stati ignorati dal 2014 ad oggi.

Viceversa, se ogni impegno preso in un vertice internazionale è moralmente vincolante per i sottoscrittori anche senza obblighi legali formali, la logica e la cronologica suggeriscono che l'urgenza sarebbe quella di adempiere gli accordi presi in sede ONU negli anni 70 per destinare il 7 per mille del PIL ai progetti di cooperazione allo sviluppo con i paesi impoveriti, ignorati per mezzo secolo in Italia e in gran parte d'Europa, con la lodevole eccezione di Olanda, Danimarca, Lussemburgo, Svezia e Norvegia. Fake news



Da pacifista accusato di "incoerenza" nell'articolo di Colombo, ma comunque allergico alla menzogna, vi chiedo una cortese quanto doverosa rettifica di questa affermazione non corrispondente al vero, che danneggia sia i vostri lettori che la reputazione della vostra storica e prestigiosa testata, senza che ce ne sia il bisogno.

Cordiali e amichevoli saluti.


Ing. Carlo Gubitosa

Articoli correlati

  • Grati a Mikhail Gorbaciov
    Editoriale
    Ricevette il Nobel per la Pace nel 1990, la sua eredità è più che mai attuale

    Grati a Mikhail Gorbaciov

    E' morto l'uomo che seppe fare il primo passo verso il disarmo nucleare interpretando lo spirito di dialogo e distensione che aveva animato il movimento pacifista degli anni Ottanta. Il mondo nel 1983 era arrivato sull'orlo della guerra nucleare con l'esercitazione Able Arcer
    31 agosto 2022 - Alessandro Marescotti
  • Nobel e intellettuali partigiani della pace, ieri e oggi
    Disarmo
    Rivista.eco rilancia l'appello dei 50 Premi Nobel per la riduzione delle spese militari nel mondo

    Nobel e intellettuali partigiani della pace, ieri e oggi

    Un appello di oltre 50 premi Nobel e diversi presidenti di accademie della scienza nazionali per la riduzione della spesa militare che, a livello globale, è quasi raddoppiata dal 2000 ad oggi, arrivando a sfiorare i duemila miliardi di dollari statunitensi l’anno
    21 dicembre 2021 - Laura Tussi
  • Il diritto alla pace e al disarmo
    Disarmo
    In Italia e Germania: bombe nucleari B61-12 Nato nelle basi militari di Ghedi, Aviano e Buchel

    Il diritto alla pace e al disarmo

    Verso un coordinamento antinucleare europeo. L'obiettivo è di inserire la valutazione delle attività militari e belliche - e quindi il disarmo come soluzione al grave inquinamento da esse prodotte - negli accordi di Parigi sul clima.
    10 dicembre 2021 - Laura Tussi
  • I partigiani della pace
    Storia della Pace
    Un soggetto politico, strumento di partecipazione, informazione politica e culturale per i popoli

    I partigiani della pace

    Alcuni dei fondatori di questo movimento furono Picasso, Einstein, Neruda e tra gli italiani Nenni, Vittorini, Guttuso, Quasimodo, Ginzburg, Einaudi e molti altri
    8 dicembre 2021 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)