MediaWatch

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

Doveri dei giornalisti in rapporto al diritto di cronaca (in particolare giudiziaria) e di critica.

14 dicembre 2004 - Franco Abruzzo

Csm. Incontro di studi sul tema

"Magistratura e mass media"

Roma, 9-11 dicembre 2004

Doveri dei giornalisti in rapporto al diritto di cronaca (in particolare giudiziaria) e di critica.

Ricerca di Franco Abruzzo

(presidente dell'Ordine dei Giornalisti della Lombardia e docente di Diritto dell'informazione

all'Università degli Studi di Milano Bicocca e all'Università Iulm di Milano).

1. Premessa. Il rispetto della dignità della persona umana fondamento della nostra Costituzione. L'interesse dello Stato all'integrità morale della persona. Il concetto (giuridico) di giornalismo.

2. I padri costituenti e i limiti del diritto di cronaca nella legge sulla stampa del 1948.

3. Diritto di cronaca, diritto dei cittadini all'informazione e Corte costituzionale.

4. La professione giornalistica, come quella degli avvocati e dei medici, è nella Costituzione.

5. Il "decalogo" della Cassazione sui limiti del diritto di cronaca.

6. Il diritto di cronaca (e di critica) ancorato a "notizie vere". La cronaca giudiziaria e il limite del rispetto del principio della presunzione di non colpevolezza (o di innocenza).

7. Diffamazione e responsabilità civile di editore, direttore e articolista.

8. La riforma del reato di diffamazione a mezzo stampa. L'interdizione dalla professione.

9. Diffamazione online: la Cassazione ribalta le regole. Competente il tribunale in cui risiede il presunto danneggiato.

10. Privacy. Analisi del Codice deontologico.

11. Segreto professionale. Con le sentenze Goodwin e Roemen la Corte di Strasburgo impone l'alt alle perquisizioni nelle redazioni a tutela delle fonti dei giornalisti. Pm e giudici italiani devono indagare solo sui loro collaboratori (che "spifferano" le notizie) e non su chi riceve l'informazione.

12. Conclusioni. Il monito di Walter Tobagi contro la "superinformazione" e i "Comitati di Giustizia e Stampa" di Adolfo Beria di Argentine. Il giornalista (come l'avvocato) parte nel procedimento penale.

-----

Appendice 1/Adolfo Beria di Argentine/"L'interdizione professionale è contro la Costituzione". (Corriere della Sera, 12 aprile 1986).

Appendice 2/La legge sulla stampa con le modifiche introdotte dalla Camera nella seduta del 26 ottobre 2004.

Appendice 3/Documento del "Garante della privacy" su diritto di cronaca e rispetto della persona. Alcuni chiarimenti in risposta ai quesiti posti dall'Ordine nazionale dei giornalisti.

Appendice 4/ Gli articoli del Dlgs n. 196/2003 relative al giornalismo e il Codice di deontologia della privacy (Gazzetta ufficiale 3 agosto 1998).

Note:

http://www.francoabruzzo.it/

Allegati

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)