MediaWatch

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Noi analizziamo l'inquinamento e tu puoi aiutarci
    Basilicata

    Noi analizziamo l'inquinamento e tu puoi aiutarci

    Il tuo 5x1000 per Cova Contro
    27 aprile 2018 - Cova Contro
  • "L'Italia espelle diplomatici russi in servile ossequio alla fedeltà atlantica e sulla base di fake news!"
    Dal comunicato della Rete NoWar:

    "L'Italia espelle diplomatici russi in servile ossequio alla fedeltà atlantica e sulla base di fake news!"

    Con l'affare Skripal, la Gran Bretagna aizza la Guerra Fredda. Orchestra una grossolana montatura contro la Russia e poi, all'unisono, quasi tutti i paesi della NATO espellono “per solidarietà” oltre 100 diplomatici russi. Eppure la GB ha emesso un verdetto senza prove, senza inchiesta indipendente, senza far vedere i rilievi del laboratorio. Un linciaggio bell'e buono.
    31 marzo 2018 - Rete NoWar - Roma
  • Lo stato di salute della Puglia

    Analisi delle cause di decesso in Puglia

    Gli open data ed l'elaborazione statistica statistica hanno consentito questi risultati
    23 marzo 2018 - Antonello Russo
  • Approvata il 4 luglio 2017

    Puglia, mozione per il disarmo nucleare

    Il Consiglio Regionale della Puglia impegnano il Presidente della Regione e la Giunta regionale a richiedere al Governo nazionale di rispettare il Trattato di non proliferazione delle armi nucleari e, attenendosi a quanto da esso stabilito, a porre in essere iniziative finalizzate alla rimozione da parte degli Stati Uniti d’America di qualsiasi arma nucleare dal territorio italiano e alla loro rinuncia a installarvi i nuovi ordigni B61-12 e qualsivoglia altra arma nucleare.
BERLUSCONISMO

L'immaginazione contro il potere

Tv e sms Dove nasce la ribellione al grande show messo in scena dal Cavaliere
7 gennaio 2005 - Vincenzo Susca (Dottorando in Scienze sociali e Scienze della comunicazioone nelle università di Parigi-5 La Sorbonne e di Roma «La Sapienza».)
Fonte: Il Manifesto (http://www.ilmanifesto.it)

I segnali della crisi del berlusconismo sono rumorosi. Il re è nudo e il suo corpo non riesce più a contenere le soggettività che aveva lasciato identificare e bagnato nel suo schermo plastico; esse si ritorcono contro la maschera del Cavaliere, reo di aver promesso senza aver mantenuto, di essersi travestito da ciò che non era: il barbaro della società dello spettacolo. Ormai è chiaro, il presidente non è il garante né del consumo mondano, né di nessuna libertà e neanche delle buone cose di pessimo gusto alle quali parte del vissuto collettivo è affezionato. La comunicazione è stata la grande arma di Berlusconi, non tanto per il modo in cui ha saputo utilizzarla, quanto per il fatto di essere riuscito a identificarsi in essa - a «essere comunicazione» - e a prestarsi da simulacro dell'immaginario collettivo. Ma al di là di ciò che pensa e sostiene caparbiamente larga parte dell'intellighenzia italiana, con in testa Giovanni Sartori, la comunicazione non produce così facilmente «videocrazie». Può consegnare lo scettro del potere, è vero, ma in maniera transitoria e velocemente revocabile. Contattare il pubblico, simularlo o sedurlo non basta a governare. Agitare i sogni collettivi è il dispositivo che più di ogni altro garantisce il consenso; allorché si stimolano nel corpo sociale oniriche vibrazioni collettive un fil rouge inizia a legare il sovrano al suo pubblico, a fonderli nella stessa persona collettiva. E poi? Qui sorge il problema. Su questo terreno si consuma la crisi del berlusconismo e si intravedono le forme del suo superamento. Il grande show messo in scena dal Cavaliere con la complicità oggettiva dei suoi avversari è stato progressivamente svelato per ciò che è: una finzione elaborata a fini personali. I consumatori e spettatori della postmodernità rivelano la saggezza dionisiaca inscritta nel proprio dna in molteplici occasioni, dai taroccamenti su Internet degli spot di Berlusconi alla puntata di Domenica In in cui essi hanno sorprendentemente detto «basta» al presidente del consiglio. In maniera ancora più audace e divertente, la vicenda beffarda del treppiede ha confermato la sedimentazione di uno spirito antiberlusconiano all'interno del corpo sociale. Dopo il fattaccio si è dipanato tramite sms un vorticoso flusso di scherzi e ridicolizzazioni del Cavaliere. Berlusconi ha scelto come vettore della propria mitologia lo schermo televisivo, sino a confondersi con le sue star e merci. Ma la crisi della televisione come cuore del sistema mediale e la conseguente diffusione sociale dei nuovi media digitali e reticolari portano con sé un cambio di paradigma culturale e politico ancor prima che tecnologico. Esso prevede e contiene il superamento del berlusconismo e la sua trasformazione in una rovina della modernità.

Il Cavaliere è la perversione e insieme il compimento della distorta modernizzazione italiana. Una fase che si sta velocemente chiudendo proprio sulla scia dei sommovimenti tellurici agitati dagli immaginari che proliferano nelle viscere del vissuto collettivo, e che trovano nei nuovi media l'ambiente-corpo attraverso il quale rivelare le proprie sensibilità politiche. Si tratta del passaggio fatale dalla società dello spettacolo alla politicizzazione dello spettacolo e dei suoi pubblici. «Per regalarti un sogno a volte non servono una cinepresa, una telecamera, una macchina fotografica: basta un cavalletto!»; «Noi italiani abbiamo un serio problema: la pessima mira»; «Il 2005 inizia con il (trep)piede giusto!» : ecco la serie di slogan propagati subito dopo il fatto di piazza Navona. Non si tratta di istigazione alla violenza: siamo di fronte alla contestazione del berlusconismo attraverso le armi (non)politiche del ludico e dell'immaginario. L'immaginazione contro il potere. La protesta non si esprime nella cornice culturale del politico, la elude e raggira, vi si oppone senza iscriversi nel suo codice simbolico. I media hanno progressivamente liberato le sensibilità (ri)creative delle masse. Il tele-politico, entrato nella spirale del consumo, dopo aver sfruttato la sua parabola inebriante non ha potuto sottrarsi alla sua fase depressiva. La merce-Berlusconi è ormai vittima del destino di ogni oggetto, di ogni vedette che non ascende all'eternità della star - è consumata nel senso etimologico del termine: dissipare, distruggere. Game over.

Cosa sta sorgendo dalle polveri del berlusconismo? Suggerirei che l'avversario reale di Berlusconi non abita nei seggi del parlamento, non scrive libri, né impartisce lezioni all'università; frequenta invece i flussi immateriali delle comunicazioni, si insedia nei territori dove il ludico, l'affettivo e l'immaginario prevalgono sul politico, sui miti del progresso, della ragione astratta e del lavoro. Risposte efficaci al berlusconismo provengono da quanti stanno elaborando forme di vita al di là e al di qua del politico, dagli assembramenti emozionali che segnano le aggregazioni giovanili alle feste musicali, dalle comunità virtuali alle forme che Michel Maffesoli descrive come espressioni del nuovo «materialismo spirituale». Su questo terreno risiede la ribellione, pericolosa minaccia e al tempo stesso segno del rinnovamento delle nostre democrazie in crisi.

Ecco i segnali della comunicrazia nascente. Possiamo continuare a credere che la vicenda degli sms anti-berlusconi sia solo un giochino senza senso (politico). Rischieremmo tuttavia di far perdere alle sinistre un'altra occasione di agganciarsi e comprendere le forme di quello che Alberto Abruzzese chiama il «tempo nuovo». Dietro il «giochino», come ci insegna Caillois, si nasconde l'anima del sociale, il suo immaginario. Perché il corpo sociale sceglie come trasgressione del berlusconismo le battute degli sms e non gli slogan dei partiti dell'opposizione? Vogliamo ignorare questo dato, o è meglio comprenderlo? L'immaginario postmoderno porta con sé una volontà di potenza anti-politica perché propriamente politica. Chi fino a oggi è stato spettatore non si accontenta più di assistere allo show: vuole agire e veder riconosciuta la propria identità. Il pubblico non si accontenta del Grande Fratello e trasmigra velocemente dal trivio alla piazza. Il prossimo grande reality show inseguito dalle masse intelligenti (e non) è proprio lo spettacolo del potere. Con il Cavaliere si sta sgretolando l'asse più oscuro del moderno. Se la sinistra non vuole perdere le sfide della postmodernità e veder trionfare i populisti che presto si affacceranno nel cyberspazio deve comprendere il passaggio dalla democrazia alla comunicrazia: un sistema che riposa sugli immaginari delle comunità dal basso, sulla forza (ri)creativa della comunicazione orizzontale e glocale, sulle comunioni che continuamente si celebrano attorno ai feticci, ai simboli, agli affetti e ai giochi della vita quotidiana.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)