Migranti

Lista Diritti Globali

Archivio pubblico

Campagna di sensibilizzazione sull'informazione sociale

Papa Benedetto ascolta la voce degli ultimi ...

Quella pubblicata è una newsletter che Mencherini ha spedito domenica 28 maggio a circa 400 persone che soltanto in questi ultimi giorni glii hanno richiesto via mail una copia dvd o vhs di Mare nostrum, e alle 13 organizzazioni cheglii hanno proposto di proiettarlo nei prossimi mesi (Ong, associazioni, insegnanti e partiti).
2 giugno 2005
Stefano Mencherini (giornalista indipendente e regista RAI)

Cari amici,

ho scelto di tenervi informati sullo svolgimento della situazione di Mare Nostrum perché sarete voi a giudicare quel lavoro, non altri. Le censure sono continuate fino a stamattina. Né carta stampata né telegiornali hanno scritto nulla su quello che sta accadendo. Solo l'agenzia Ansa, la più autorevole nel Paese ( associazione di tutti gli editori) ha seguito con interesse la vicenda, facendo soltanto uno scivolone ieri, relegando l' agenzia a margine nella rete pugliese quindi di fatto annullandola. Perché i colleghi sanno bene che i tigì e la stampa pugliese sul sottoscritto non vergano una riga da mesi. Solo per dire che la situazione è ancora più dura di ogni previsione. Intanto oggi sono andato a nome di tutti quelli che hanno firmato su PeaceLink, Articolo21 e Melting Pot, a posare, grazie alle indicazioni di una dirigente della Prefettura vaticana, un dono per il Papa sul tavolo della sagrestia papale (dietro al palco dove ha celebrato la messa domenicale in chiusura del Congresso Eucaristico della Cei).

L' ho posato come promesso, il vhs di Mare Nostrum, accanto al regalo della Regione Puglia con la lettera scritta a mano che è sintetizzata qui sotto. Andiamo avanti, certo. Quindi penso che chiederò nelle prossime ore anche a tutti coloro che hanno sottoscritto la Campagna di informazione sociale dei tre siti, di denunciare penalmente insieme a me il ministro dell'Interno Pisanu e il sottosegretario gli Interni Mantovano per, rispettivamente, le deportazioni alla Libia già condannate dalla Corte europea e il caso della Fondazione Regina Pacis di Lecce. La censura preventiva con gli ingressi negati all'informazione da oltre due anni nei Centri di Permanenza Temporanea (CPT).
Aspetto che continuiate a darci una mano e vi chiedo ancora un po' di pazienza: sto cercando di nuovo un distributore e pare che nelle prossime settimane potrebbe esserci qualche novità per l'homevideo. Grazie e a presto

Note: Per aderire all'appello:
http://italy.peacelink.org/migranti/articles/art_11214.html

Articoli correlati

  • Francesca Borri fermata all'areoporto del Cairo
    MediaWatch
    Ha collaborato con PeaceLink, seguendo le vicende di Taranto e dell'ILVA

    Francesca Borri fermata all'areoporto del Cairo

    Il fermo non ha alcuna motivazione. Le è stato tolto il cellulare rendendo impossibile contattarla. PeaceLink ritiene quest'azione un evidente abuso di potere e auspica che al più presto la situazione venga risolta consentendole di svolgere liberamente la sua attività di giornalista.
    11 ottobre 2019 - Redazione PeaceLink
  • Left. Mai più, la vergogna italiana dei lager per immigrati
    Migranti

    Left. Mai più, la vergogna italiana dei lager per immigrati

    Un libro in edicola con Left sulla storia rimossa dei Cpt/Cie/Cpr dalla Turco-Napolitano ad oggi
    11 ottobre 2019 - Alessio Di Florio
  • Dino Frisullo e lo…deserto
    Migranti

    Dino Frisullo e lo…deserto

    Dalla cronaca locale vastese lo spunto per ricordare l'ultima grande denuncia di Dino Frisullo contro il cpt Regina Pacis di Lecce
    9 giugno 2018 - Alessio Di Florio
  • No ad ogni rigurgito xenofobo e anti-migranti. Non sono nemici e non minacciano nessuno né tolgono diritti
    PeaceLink Abruzzo

    No ad ogni rigurgito xenofobo e anti-migranti. Non sono nemici e non minacciano nessuno né tolgono diritti

    Davanti al dramma di chi cerca di giungere in Europa per fuggire da guerre, miseria, persecuzioni politiche e al fallimento delle attuali politiche sulle migrazioni, l’azione comune deve essere quella per costruire Comunità civili, solidali e accoglienti in Italia e in tutta Europa. Comunità dove non si spendano immensi patrimoni solo per salvare le banche e comprare armi ma basate sull’equità economica e sul riconoscimento dei diritti di tutti, come richiesto anche dalla Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo e da altre convenzioni internazionali.
    28 aprile 2015 - Alessio Di Florio
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.27 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)