Migranti

Lista Diritti Globali

Archivio pubblico

Campagna di sensibilizzazione sull'informazione sociale

Forum Sociale Mediterraneo: prosegue la campagna contro la censura di Mare Nostrum

In queste ore presente al Forum Sociale Mediterraneo di Barcellona, Stefano Mencherini prosegue la lotta contro la censura e a favore della libertà d'informazione
19 giugno 2005
Stefano Mencherini (giornalista indipendente e regista RAI)

Negli ultimi giorni anche Articolo21 e Melting Pot hanno abbandonato la Campagna di sensibilizzazione sociale e la raccolta di firme e pensieri a sostegno della lotta contro la censura su Mare Nostrum.
In queste ore sono a Barcellona dove, in occasione del I Forum Sociale del Mediterraneo, ho rilanciato la denuncia contro la disinformazione dilagante e le violazioni dei diritti umani, civili e sociali dei migranti che stanno avvenendo in Italia anche mentre state leggendo. Spero che da oltreconfine possa rimbalzare forte e chiara questa denuncia e che i media europei e internazionali possano aiutare il giornalismo italiano a ritrovare la propria schiena e a tenerla dritta.
Sono venuto a conoscenza della revoca degli arresti domiciliari a don Cesare Lodeserto, destinatario di numerosi procedimenti penali in corso. Credo che la magistratura salentina abbia agito secondo la legge e la propria coscienza, in attesa che i gravissimi reati di cui è accusato Lodeserto possano essere pagati secondo la giustizia terrena.
Spero che l'arcivescovo di Lecce, Mons Ruppi, presidente della CEI pugliese, sostenitore dell'opera "eroica" del proprio segretario particolare, Cesare Lodeserto, si ravveda e compia atto di profondo ravvedimento, come la religione cattolica prevede.
Proseguono in Italia e in Europa le proiezioni di Mare Nostrum che denudano la vergogna italiana. In attesa dell'11 luglio, quando i "presidenti dei diritti umani", i governatori di diverse regioni italiane convocati da Niki Vendola, possano riunirsi a Bari e insieme ad associazioni, migranti, giornalisti, preti e suore di autentica carità impegnatisi in questi anni a fianco degli ultimi, parlare e avere l'autorevolezza necessaria per battersi per la chiusura delle Guantanamo italiane e "buttare ai pesci" la razzista e xenofoba legge Bossi-Fini-Mantovano.

Stefano Mencherini al 13° giorno di digiuno per la libertà d'informazione e contro le censure

Note: Per aderire all'appello:
http://italy.peacelink.org/migranti/articles/art_11214.html

Per info su Mare Nostrum e sulle censure subite: http://www.stefanomencherini.org

Articoli correlati

  • Francesca Borri fermata all'areoporto del Cairo
    MediaWatch
    Ha collaborato con PeaceLink, seguendo le vicende di Taranto e dell'ILVA

    Francesca Borri fermata all'areoporto del Cairo

    Il fermo non ha alcuna motivazione. Le è stato tolto il cellulare rendendo impossibile contattarla. PeaceLink ritiene quest'azione un evidente abuso di potere e auspica che al più presto la situazione venga risolta consentendole di svolgere liberamente la sua attività di giornalista.
    11 ottobre 2019 - Redazione PeaceLink
  • Left. Mai più, la vergogna italiana dei lager per immigrati
    Migranti

    Left. Mai più, la vergogna italiana dei lager per immigrati

    Un libro in edicola con Left sulla storia rimossa dei Cpt/Cie/Cpr dalla Turco-Napolitano ad oggi
    11 ottobre 2019 - Alessio Di Florio
  • Dino Frisullo e lo…deserto
    Migranti

    Dino Frisullo e lo…deserto

    Dalla cronaca locale vastese lo spunto per ricordare l'ultima grande denuncia di Dino Frisullo contro il cpt Regina Pacis di Lecce
    9 giugno 2018 - Alessio Di Florio
  • No ad ogni rigurgito xenofobo e anti-migranti. Non sono nemici e non minacciano nessuno né tolgono diritti
    PeaceLink Abruzzo

    No ad ogni rigurgito xenofobo e anti-migranti. Non sono nemici e non minacciano nessuno né tolgono diritti

    Davanti al dramma di chi cerca di giungere in Europa per fuggire da guerre, miseria, persecuzioni politiche e al fallimento delle attuali politiche sulle migrazioni, l’azione comune deve essere quella per costruire Comunità civili, solidali e accoglienti in Italia e in tutta Europa. Comunità dove non si spendano immensi patrimoni solo per salvare le banche e comprare armi ma basate sull’equità economica e sul riconoscimento dei diritti di tutti, come richiesto anche dalla Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo e da altre convenzioni internazionali.
    28 aprile 2015 - Alessio Di Florio
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.27 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)