Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Il Summit di Pianosa "Insieme per la ricostruzione dell'Iraq"

A Pianosa il 19 e 20 agosto 2006, l'importante Summit ha visto insieme membri istituzionali e della Sanità italiana, e rappresentanti istituzionali del Parlamento regionale del Kurdistan e del governo centrale iracheno.
11 settembre 2006

Il logo del convegno "Insieme per la ricostruzione dell'Iraq"


"Uno dei più orribili crimini della storia, dopo il bombardamento atomico di Hiroshima e Nagasaki, è sicuramente il massacro della popolazione civile subìto il 16 marzo 1988 dalla città di Halabja, nel Kurdistan iracheno, da parte del regime di Saddam.".
Inizia così la dicitura esplicativa del volantino che descrive il convegno Insieme per la ricostruzione dell'Iraq svolto il 19 e 20 agosto 2006 all'isola di Pianosa.

La vedova Caponnetto nel suo intervento iniziale

Promotori del convegno, IPB-Italia e la "Mayors for Peace", le Fondazioni Caponnetto e Sandro Pertini, l'importante summit ha visto insieme membri istituzionali e della Sanità italiana - dal Ministero della Salute, dall'Istituto Mediterraneo di Ematologia, dal Comune di Firenze, tanto per dirne alcuni, oltre che i Sindaci di Marzabotto e Campi Bisenzio - e rappresentanti istituzionali del Parlamento regionale del Kurdistan e del governo centrale iracheno.


Da sinistra, Mathab Hussein (Parlamento del Kurdistan), Fawzia Al Attia (delegata Ministero degli Esteri iracheno), Elisabetta Baldi Caponnetto.

Non solo Halabja, e non solo aiuti alla popolazione curda: nei numerosi interventi sono stati focalizzati diversi punti di impegno per sostenere il difficile cammino dell'Iraq nella ricostruzione. L'emergenza principale è quella sanitaria, ma le diverse sessioni del summit hanno spaziato anche sui fronti della legalità, della soluzione del conflitto, della ricostruzione delle infrastrutture e lo sviluppo economico, della ricerca di soluzioni per garantire nuovamente la convivenza civile nella ricerca di regole certe e pari opportunità di genere.


A conclusione dei lavori sono state individuate le seguenti 5 priorità (vedasi per i dettagli il documento finale):

1) Soluzione del conflitto/Educazione alla Pace
2) Cooperazione per la salute e servizi socio-sanitari
3) Politiche per la legalità e la democrazia
4) Politiche riguardanti la condizione femminile e le pari opportunità
5) Politiche per lo sviluppo economico

Il presente documento, nella stesura finale condivisa da tutti i partecipanti, sarà presentato a:

* Governo Italiano e Governo Iracheno. In particolare ai Ministri degli Affari Esteri, Salute, Pari Opportunità, Attività Produttive, Pubblica Istruzione.
* Tutti i Sindaci italiani e iracheni aderenti alla Campagna "Mayors for Peace".

Note: Vedi anche:
Il documento finale prodotto
Alcune immagini dell'evento

Articoli correlati

  • Comunicato in difesa del popolo kurdo e dei valori dell’Occidente
    Conflitti
    Da UDIK – Unione Donne Italiane e Kurde

    Comunicato in difesa del popolo kurdo e dei valori dell’Occidente

    Cedendo al ricatto della Turchia, la Nato ha aperto le sue porte alla Finlandia e alla Svezia e le ha chiuse alle leggi e ai trattati europei, alla giustizia, ai diritti umani e ai valori fondanti delle democrazie dell’Occidente.
    5 luglio 2022 - UDIK – Unione Donne Italiane e Kurde
  • Un capro espiatorio per la "democrazia" occidentale
    Conflitti
    Ed ecco rimosso il veto di Erdogan all'ingresso nella NATO dei due Paesi baltici!

    Un capro espiatorio per la "democrazia" occidentale

    La NATO ha aperto la porta a Svezia e Finlandia, chiudendo la porta della giustizia e dei diritti ai Kurdi; questo comportamento ha dato via libera e garanzie ad Erdogan per giustificare ogni sua azione militare in Rojawa contro i partigiani kurdi e la politica interna in Turchia.
    4 luglio 2022 - Gulala Salih
  • Webinar di formazione per Kurdistan Save the Children e Chatr Center
    Sociale

    Webinar di formazione per Kurdistan Save the Children e Chatr Center

    Offerto dal Centro Internazionale Loris Malaguzzi un corso online in diretta per le associazioni di solidarietà ai bambini curdi
    2 luglio 2021 - Gulala Salih
  • "Ma cosa c'entri col 25 aprile?"
    Pace
    Da una donna, italiana "con il cuore". Una riflessione.

    "Ma cosa c'entri col 25 aprile?"

    Se non ci fosse stato il 25 aprile, io non sarei qui ora, non avrei potuto avere l’accoglienza che mi è stata data e godere di questa libertà e democrazia di cui beneficiamo tutti, anche tu che mi poni tale domanda!
    24 aprile 2021 - Gulala Salih
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)