Pace

RSS logo

Mailing-list Pace

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Pace

...

Articoli correlati

  • Rispedirli nei Paesi di origine?
    Gli slogan di Salvini

    Rispedirli nei Paesi di origine?

    Solo pochi giorni fa abbiamo potuto raccogliere, nel centro medico di Lampedusa, le testimonianze di persone che erano riuscite a fuggire dai lager libici. Testimonianze da far accapponare la pelle.
    12 giugno 2018 - Pietro Bartolo
  • Il volto del neo ministro della Difesa Elisabetta Trenta: dalla guerra per esportare la democrazia agli affari privati nelle zone occupate

    Il volto del neo ministro della Difesa Elisabetta Trenta: dalla guerra per esportare la democrazia agli affari privati nelle zone occupate

    vista la sua lunga esperienza nei paesi in cui abbiamo “esportato la democrazia” con la guerra, il riferimento alla democrazia partecipata assomiglia più ad un suo uso strumentale per ottenere una legittimazione puramente esteriore o ad un consenso artificiale
    6 giugno 2018 - Rossana De Simone
  • Il nostro vicino nucleare

    Il nostro vicino nucleare

    La così detta Françafrique è ancora oggi il pilastro del neocolonialismo francese e della sua stessa grandezza economico/militare
    11 maggio 2018 - Rossana De Simone
  • PsyOps
    I retroscena della guerra

    PsyOps

    Si chiamano Psychological Operations (PsyOps) e servono a manipolare l'opinione pubblica. I principali obiettivi delle PsyOPs oggi sono (paradossalmente) proprio i pacifisti. Come reagire? Diventanto esperti di fact checking, entrando nel vivo delle informazioni militari per verificarle con sistematicità, con metodo e con una buona dose di dubbio.
    10 maggio 2018 - Alessandro Marescotti
Il rapporto di MSF

L'emergenza Zimbabwe, al limite dell'assurdo

Tra crisi politica ed economica, l'epidemia di colera non smette di mietere vittime in questo Paese dell'Africa Meridionale, incastrato tra Mozambico, Botswana, Zambia e Sudafrica. Il rapporto di Medici Senza Frontiere evidenzia la cruda realtà di un Paese messo in ginocchio su tutti i fronti, comandato da un uomo che invece di affrontare la situazione critica ha appena festeggiato il suo compleanno con un super-party
1 marzo 2009 - Silvia Piovesan
Fonte: www.medicisenzafrontiere.it - 17 febbraio 2009

4000 nuovi casi di colera solo nella prima settimana di Febbraio 2009. 2000 pazienti ricoverati a settimana per colera, solo nell'ospedale della capitale Harare. Un adulto su 5 HIV-positivo. Speranza di vita di 34 anni per una donna e 37 per un uomo. Inflazione vicina al 1600%. Disoccupazione che si attesta all'80%. Cambio enormemente sopravvalutato (il dollaro dello Zimbabwe è a quota 250 sul mercato ufficiale, ma viene scambiato 1 a 5000 sul mercato nero), con rischio di ulteriore inflazione... Tre milioni di persone fuggite in Sudafrica. Questi i numeri scoraggianti dello Zimbabwe, che si trova nel bel mezzo di una situazione che non accenna a migliorare, aggravata sul piano umanitario dall'infuriare di un'epidemia di colera. Il rapporto emesso a metà Febbraio da MSF denuncia proprio la situazione d'emergenza in cui si trova il Paese, e purtroppo riporta poche buone notizie (tra queste, il fatto che 40.000 pazienti sono stati curati dall'inizio dell'epidemia di colera, ovvero Agosto 2008). Per il resto, collasso del sistema sanitario, colera, AIDS, malnutrizione e fuga della popolazione si intrecciano e si innestano in un quadro economico-politico generale già molto disastrato, portando lo Zimbabwe in una situazione che va al di là dell'immaginabile e che rischia di essere fatale senza un intervento proattivo della comunità internazionale. Serve una risposta coordinata e forte, che finora è venuta a mancare.
In sé, già un'epidemia di colera, malattia completamente curabile ma molto contagiosa, nel pieno del ventunesimo secolo, fa pensare. E fanno pensare ancora di più le ultime cifre diffuse al riguardo dall'Organizzazione Mondiale della Sanità: 83.036 le persone già contagiate, 3.868 i morti. La situazione è gravissima, perchè mancano posti letto, mancano infermieri (la paga di un infermiere è così bassa in Zimbabwe che non è nemmeno sufficiente a coprire il costo del trasporto per raggiungere il posto di lavoro) e medici, mancano ospedali e strutture sanitarie accessibili anche alla popolazione rurale. Il contagio si sta infatti diffondendo anche nelle campagne, dove le cure fanno più fatica ad arrivare e gli standard sono meno rigorosi. A indebolire ulteriormente il sistema sanitario, si aggiunge un vecchio -ma mai sconfitto- problema africano, ovvero il virus dell'HIV, che continua a mietere vittime.
MSF chiede nel suo rapporto, oltre che un'azione congiunta della comunità internazionale, un'apertura da parte del governo: questo, quasi fosse ignaro della crisi che il suo Paese sta vivendo, rende difficile l'operare pratico delle organizzazioni umanitarie. Mugabe, il presidente dello Zimbabwe, al suo party faraonico
Cade “a pennello” e fa intristire, a questo proposito, la notizia delle ultime ore riguardo al party che ha dato Mugabe, presidente dello Zimbabwe, per festeggiare i suoi 85 anni: torta di 85 chili, 80 vacche macellate, una “colletta forzata” di 250.000 dollari da parte della popolazione. Proprio come se nulla fosse.

Note:

Rapporto scaricabile da www.medicisenzafrontiere.it

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)