Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Servono sempre i poeti, nel turbinio drammatico delle vicende attuali? Hanno qualcosa da dire, poeti e poesie, anche sopra gli eventi terribili del nucleare - passato, presente e forse futuro?

Di pace, disarmo, e di poesia

Venerdì 29 agosto a Firenze, alla biblioteca delle Oblate, un incontro per ricordare le vittime dell'olocausto nucleare.
Ma non solo una conferenza: le testimonianze dell'orrore son passate anche attraverso il linguaggio sommesso ma profondo della poesia.
2 ottobre 2014

Incontro del 29 agosto 2014: alcune tra le tante gru di carta che ornano la biblioteca

Servono sempre i poeti, nel turbinio drammatico delle vicende attuali? Hanno qualcosa da dire, poeti e poesie, anche sopra gli eventi terribili del nucleare - passato, presente e forse futuro?

Una risposta eccola qua. Un incontro, tenuto - e non a caso - lo scorso 29 agosto 2014, che ha riunito voci autorevoli nello studio e la divulgazione delle conseguenze catastrofiche di un conflitto nucleare, e i versi, lontani ma vicinissimi, di poeti che la catastrofe segnò per sempre, nel corpo e nelle anime.

"AGOSTO 1945: La creatura che fu bella", dal titolo quasi nostalgico per quanto fu perduto all'improvviso. L'alternanza tra visioni tragiche, esposizioni rigorose del cosa fare e del perché agire con urgenza, e note in versi del dolore, dell'orrore, della perdita, da chi è sopravvissuto al passato olocausto.

Incontro del 29 agosto 2014: Lettura in originale giapponese e traduzione italiana da "Poesie sulla bomba atomica" di Sankichi Tôge (poeta, sopravvissuto al bombardamento di Hiroshima).

 

Perché il 29 agosto? Perché - seppure in sordina - orrori e dolori si sono ancora accumulati negli anni: ed è stato opportuno riflettere, ricordare e suggerire le possibili speranze, nella data cui cade la Giornata internazionale contro i test nucleari...

 

 

 

Ed ecco qui sotto il video dell'incontro.

A migliaia le gru di Sadako

E' il simbolo forse più conosciuto e più ricordato, da quel tragico 6 agosto di sessantanove anni fa. Sono le mille gru di carta che la ragazzina Sadako cercò di realizzare, in modo che potesse avverarsi il suo desiderio di vita nella guarigione, e la sua speranza che tutti i bambini del mondo non avessero più a soffrire per causa della Bomba.

Per l'occasione dell'incontro del 29 agosto fu diramato un appello - un passaparola nella Rete - indirizzato a chiunque ne volesse costruire.

Ne furono chieste almeno mille. Ne sono arrivate a migliaia, pacchi e pacchi di gru di carta inviate da ogni parte del mondo.

E' un segno che il desiderio di pace, e l'urgenza di stroncare l'incombente olocausto atomico, sono vivi dappertutto e in tantissimi cuori.


Note: Gli organizzatori della serata sono stati:

- "Scuola Toscana": http://www.scuola-toscana.it/serata-icanw.php
- IROHA associazione italo-giapponese: http://www.iroha.it/italiano/evento.php?n=114

Articoli correlati

  • "Gli esseri umani vivono sotto l'incubo di un uragano atomico"
    Storia della Pace
    Dall'enciclica "Pacem in terris" di papa Giovanni XIII

    "Gli esseri umani vivono sotto l'incubo di un uragano atomico"

    Il Papa scriveva nel 1963: "Giustizia, saggezza ed umanita' domandano che venga arrestata la corsa agli armamenti, si riducano simultaneamente e reciprocamente gli armamenti gia' esistenti, e si mettano al bando le armi nucleari".
    6 agosto 2021 - Redazione PeaceLink
  • Il nuovo Hibakusha
    Editoriale
    Ma la storia continua, come i danni e le sofferenze per tutti i test nucleari succeduti negli anni.

    Il nuovo Hibakusha

    Una piccola notizia che passa in secondo piano, mentre commemoriamo il bombardamento di Hiroshima il 6 agosto di 76 anni fa. Che però ribalta l’anniversario al di là del solo ricordo storico e lo riporta ancora una volta alla sua concretezza.
    6 agosto 2021 - Roberto Del Bianco
  • "Hiroshima, non dovevamo"
    Storia della Pace
    Analisi del libro del filosofo John Rawls

    "Hiroshima, non dovevamo"

    Il guaio grave e' che negli Stati Uniti ancora prevale la tesi ufficiale che giustifico' accanitamente le bombe di Hiroshima e Nagasaki. Clinton disse: "Truman ha fatto quel che si doveva fare". La maggioranza degli americani riteneva che gli Usa non dovessero presentare scuse al Giappone.
    6 agosto 2021 - Peppe Sini
  • Un minuto di silenzio contro le bombe atomiche
    Pace
    Comunicato del MIR nell’anniversario delle bombe atomiche su Hiroshima e Nagasaki

    Un minuto di silenzio contro le bombe atomiche

    Anche quest’anno tutti quanti ripetono: “Non deve mai più succedere”. Ma la minaccia atomica permane, perché ancora 13.000 testate nucleari sono pronte a distruggere le città come fu per Hiroshima e Nagasaki. Per questo sosteniamo il Trattato dell’ONU di proibizione delle armi nucleari (TPAN).
    6 agosto 2021 - Pierangelo Monti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)