Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Diritti Umani

La lotta per i diritti umani nel mondo
66 Articoli - pagina 1 2 3 4 ... 7
  • Le Donne nordafricane rivendicano libertà,  diritti e  dignità

    Le Donne nordafricane rivendicano libertà, diritti e dignità

    Le rivolte popolari in Tunisia ed Egitto sembrano aver preparato il terreno per un’ondata di attivismo femminile in Africa, con una nuova richiesta di libertà e dignità.
    16 agosto 2011 - Fatma Naib
  • Il dissidente cinese Liao Yiwu
    “Vivevo come un cane”

    Il dissidente cinese Liao Yiwu

    È stato incarcerato per 4 anni, è stato torturato –lo scrittore cinese Liao Yiwu si è ora rifugiato in Germania. Poco dopo il suo arrivo a Berlino, SPIEGEL ONLINE ha conversato con il dissidente sulle sue terribili esperienze in prigione e sulla politica cinese di Angela Merkel.
    14 luglio 2011 - Ivan Flammia
  • Profughi in Puglia: dove portare i beni di prima necessità
    Di cosa hanno bisogno

    Profughi in Puglia: dove portare i beni di prima necessità

    Cominciata la trasferta dei profughi in Puglia. Ecco cosa serve e le associazioni che si occupano della raccolta
    1 aprile 2011 - Teresa Manuzzi
  • Cuciono in Eritrea le camicie di Armani, “volontari” obbligati dalla dittatura di Isayas

    Nella triste graduatoria del rispetto dei diritti umani, il regime contende l’ultimo posto alla Corea del Nord. Ma gli affari italiani e il governo ne provano rispetto. Abbracci dei ministri del dittatore ai ministri di Roma e collaborazioni sempre più intense tra i nostri imprenditori e i gerarchi del lavoro forzato. L’ebbrezza di produzione a costo quasi zero ha un fascino irresistibile: da Paolo Berlusconi ai grandi cotonieri, ma anche società ambigue della Campania. Lo scandalo del convegno pro Eritrea all’università di Napoli sta facendo scoppiare il bubbone
    15 novembre 2010 - Dania Avallone
  • Colpevole di solidarietà: il caso Dhafir
    E' in carcere negli Stati Uniti per un crimine che non gli è mai stato imputato da una corte di giustizia

    Colpevole di solidarietà: il caso Dhafir

    Il dottor Rafil Dhafir è uno dei tanti musulmani impegnati nella solidarietà che, dopo i fatti dell’11 settembre 2001, sono stati accusati di terrorismo dal governo americano. Il suo caso è emblematico e poco noto in Italia. Condannato senza prove a 22 anni di carcere per riciclaggio e finanziamento ad attività terroristiche, i suoi veri crimini sono stati l’aver alzato la voce contro le sanzioni ONU all’Iraq volute da USA e Gran Bretagna e l’aver mandato aiuti umanitari ai civili iracheni durante l’embargo.
    11 ottobre 2010 - Antonella Recchia
  • Cooperazione all'ombra del muro

    Cooperazione all'ombra del muro

    Esperienze di dialogo, pace e promozione dei diritti umani in Cisgiordania.
    Al via un ciclo d’incontri organizzato dall’associazione barese Kenda onlus
    8 ottobre 2010 - Teresa Manuzzi
  • Nove milioni di morti evitabili
    Firma la Petizione!

    Nove milioni di morti evitabili

    Milioni di donne e bambini possono essere salvati dalla mortalità materna e infantile, se i leader mondiali che si incontreranno a New York rispetteranno le promesse fatte e aumenteranno i loro aiuti per la salute materna. Chiediamo loro di agire ora!
    10 settembre 2010 - Avaaz.org
  • Robert Fisk: la prova vivente del genocidio armeno

    Robert Fisk: la prova vivente del genocidio armeno

    Gli Stati Uniti vogliono negare che il massacro di un milione e mezzo di armeni da parte dei turchi sia stato un genocidio. Ma la prova è qui, in un orfanotrofio di collina vicino Beirut
    21 marzo 2010 - Robert Fisk
  • Manifesto di liberazione delle donne in Iran

    Manifesto di liberazione delle donne in Iran

    L'appello in dieci punti di Equal Rights Now (Organizzazione contro la discriminazione femminile in Iran)
    29 gennaio 2010 - Ivan Flammia
  • L’ umanizzazione del regime necessita la riscrittura delle sue leggi elettorali dopo il rovesciamento dell’attuale regime

    I riformisti in Iran a un bivio

    La spinta grandiosa al cambiamento sociale è stata incanalata sin dal primo giorno dei governi degli Ayatollah ma, come un fiume che abbia scavato in profondità, è riemersa oggi contro il regime della repubblica islamica.
    4 gennaio 2010 - Mohsen Hamzehian
pagina 3 di 7 | precedente - successiva
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.34 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)