PeaceLink

Lista News

Archivio pubblico

Le cose fatte e da fare

Pagina web della Campagna Guantanamo

L'obiettivo della campagna è quello di chiedere la chiusura della prigione americana di Guantanamo. La campagna si rivolge al presidente del Consiglio Mario Draghi e ai parlamentari italiani ed europei perché facciano pressione sul governo USA e lo richiamino al rispetto dei diritti umani.
15 settembre 2021
Campagna Guantanamo

Dal 31 agosto 2021 è partita la Campagna Guantanamo.

Campagna Guantanamo

Essa si rivolge al presidente del Consiglio Mario Draghi e ai parlamentari italiani ed europei perché facciano pressione sul governo USA e lo richiamino al rispetto dei diritti umani.

L'obiettivo della campagna è quello di chiedere la chiusura della prigione americana di Guantanamo. Ma anche di perseguire i responsabili delle torture e delle violazioni dei diritti umani compiute.

La campagna stabilisce rapporti di collaborazione con altre campagne simili, come quella per la liberazione di Assange o per la tutela di altre persone perseguitate dal governo americano per aver rivelato informazioni relative alle violazioni dei diritti umani compiute dagli Stati Uniti nella cosiddetta "lotta al terrore" e nelle azioni di guerra che ne sono derivate. 

Questa è la lettera a presidente del Consiglio Mario Draghi che ognuno può firmare

Queste sono le adesioni alla Campagna da parte di singole persone e di associazioni

Queste sono le slides della Campagna

Questo è il dossier della Campagna

Questo è il planning della Campagna

Per prendere contatto con la Campagna Guantanamo scrivere a:

Alessandro Marescotti

a.marescotti@peacelink.org

Questo è lo spot della Campagna

Note: QUESTO E' UN MODELLO DI LETTERA DA INVIARE AI PARLAMENTARI

Gentile onorevole/senatore,
mi chiamo *** *** e collaboro con la Campagna Guantanamo.

Dall'inizio di settembre abbiamo avviato la Campagna Guantanamo per fare pressione sul Governo italiano affinché chieda a Joe Biden la chiusura del carcere americano di Guantanamo e il rispetto delle norme internazionali a tutela dei prigionieri. I reclusi non sono classificati dal governo USA come prigionieri di guerra né come imputati di reati ordinari; vengono torturati e trattenuti a tempo indeterminato in assenza di un processo equo e senza cure mediche adeguate.

Qui sotto può leggere la lettera che abbiamo già inviato al presidente del Consiglio Mario Draghi:

LINK www.peacelink.it/guantanamo

La lettera è stata firmata da oltre ottocento persone e cinquanta associazioni.

Ci rivolgiamo a lei perché vorremmo che il Parlamento italiano si attivasse a tutela dei diritti umani e chiedesse agli Stati Uniti la chiusura del carcere di Guantanamo mediante i canali che l'Italia dispone per comunicare con il Presidente Joe Biden.


Grazie per l'attenzione

*** ***
attivista della Campagna Guantanamo
e-mail: ***@***

Articoli correlati

  • Nel nostro morbido bozzolo di indifferenza e di ignavia
    Laboratorio di scrittura
    A settecento anni dalla morte di Dante

    Nel nostro morbido bozzolo di indifferenza e di ignavia

    Viviamo in una zona di confort irreale, come se esistessimo solo noi. Non conosciamo gli eroi del nostro tempo, sono perseguitati e non li sosteniamo. Da questa letargica indifferenza ci risvegliamo quando la TV ci fa sentire in colpa e magari organizza un nuovo criminale "intervento umanitario".
    15 settembre 2021 - Alessandro Marescotti
  • «Abbiamo ucciso persone che non c’entravano nulla con l’11 settembre»
    MediaWatch
    Droni, l’ex analista Usa che ha svelato i danni collaterali

    «Abbiamo ucciso persone che non c’entravano nulla con l’11 settembre»

    Un caso di coscienza. Daniel Hale, figlio di un battista della Virginia, è stato condannato a quattro anni di reclusione per aver rivelato informazioni segrete sulle operazioni anti terrorismo durante l’amministrazione Obama. «Non un giorno senza rimorso»
    15 settembre 2021 - Redazione PeaceLink
  • Il drone americano ha colpito l'auto ma non c'era nessun terrorista, solo civili innocenti
    Conflitti
    Il video analizzato dal New York Times tocca l'illegalità delle uccisioni con i droni

    Il drone americano ha colpito l'auto ma non c'era nessun terrorista, solo civili innocenti

    Centrata in pieno l'auto del presunto attentatore dell'Isis ma in realtà era guidata da Zemari Ahmadi, un ingegnere che trasportava taniche d'acqua e collaborava con un gruppo di aiuto americano. Ci sono sette bambini fra i dieci civili uccisi a Kabul il 29 agosto dal drone USA.
    14 settembre 2021 - Redazione PeaceLink
  • Perché la maggioranza degli afghani ha preferito i Talebani agli occidentali?
    Editoriale
    Questo video mostra l’uccisione spietata di un civile disarmato afghano

    Perché la maggioranza degli afghani ha preferito i Talebani agli occidentali?

    Il noto programma TV australiano “Four Corners”, simile a “Report” e “Presa Diretta” in Italia, ha ritrasmesso il video di un soldato australiano mentre uccide un civile afghano a sangue freddo. Si riaccende la polemica intorno alle “forze speciali” e a come vengono addestrate.
    13 settembre 2021 - Patrick Boylan
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)