Sociale

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

AIFO: l'appello globale contro la discriminazione dei malati di lebbra

Un appello per porre fine allo stigma e alla discriminazione contro le persone affette dalla lebbra, lanciato da sette grandi personalità ai Capi di Stato e al mondo intero
27 gennaio 2006 - Davide Sacquegna

La lebbra è una delle malattie più antiche e più temute del mondo. Senza un rimedio efficace per gran parte della sua lunga storia, spesso ha causato terribili deformità. Si è anche pensato che fosse estremamente contagiosa. I pazienti erano abbandonati, costretti a vivere in isolamento e discriminati come proscritti. Nei primi anni 80, una cura efficace per la lebbra è diventata disponibile. La polichemioterapia ha trattato più di 14 milioni di persone ad oggi. Contrariamente alle credenze popolari, contrarre la lebbra è molto difficile. Con una diagnosi e un trattamento tempestivo, può essere curata dal punto di vista medico entro 6 o 12 mesi senza rischio di deformità.

Il terrore della lebbra rimane ancora profondamente radicato. Perdurano alcune convinzioni errate, che essa sia "altamente contagiosa", "incurabile", "ereditaria". Qualcuno la considera addirittura una "punizione divina".

L'ignoranza e l'incomprensione determinano pregiudizio e atteggiamenti discriminatori che rimangono fermamente radicati come costume e tradizione. Coseguentemente i pazienti, le persone curate e le loro famiglie soffrono lo stigma e la discriminazione. Questo limita le loro opportunità di educazione, impiego e matrimonio, e restinge il loro accesso ai servizi pubblici.

Timorosi che parlandone produrranno ulteriore discriminazione, per molti anni le persone affette da lebbra, comprese le loro famiglie, sono state condannate al silenzio. Tale silenzio rinforza lo stigma che li circonda.

Il mondo è rimasto indifferente alla loro condizione troppo a lungo.

L'articolo 1 della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani dichiara che "tutti gli esseri umani sono nati liberi ed eguali in dignità e diritti umani". Questo articolo, comunque è senza significato per le persone affette dalla lebbra, che continuano a soffrire la discriminazione.

Ci appelliamo alla Commissione delle Nazioni Unite sui Diritti Umani per porre questo argomento nella sua agenda, e chiediamo che esso ispiri principi e linee guida che i governi seguano per eliminare ogni discriminazione contro le persone colpite dalla lebbra.

Sollecitiamo ancora i governi a considerare seriamente questo tema e ad agire per migliorare la situazione presente con urgenza.

Infine, chiamiamo le persone di tutto il mondo a cambiare la loro percezione e costruire un ambiente in cui i malati di lebbra, le persone curate e le loro famiglie possano condurre vite normali, libere dallo stigma e dalla discriminazione.

29 gennaio 2006

Firme:

Jimmy Carter, ex Presidente degli Stati Uniti
Vaclav Havel, ex Presidente della Repubblica Ceca
Yohei Sasakawa, Presidente della Nippon Foundation
Elie Wiesel, Presidente della Fondazione Elie Wiesel, premio Nobel per la Pace
Dalai Lama, Premio Nobel per la Pace
Olusegun Obasanjo, Presidente della Repubblica Federale di Nigeria
Desmond Tutu, Arcivescovo emerito di Cape Town, Premio Nobel per la Pace

Note:

Per approfondimenti sulla Giornata mondiale dei malati di lebbra:
AIFO - Associazione Italiana Amici di Raoul Follereau
via Borselli 4-6, 40135 Bologna
tel. 051 4393211 - email redazione@aifo.it

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)