Referendum costituzionale

Giù le mani dal voto sovrano

Il leader dell'Unione Romano Prodi si lascia andare a discutibili dichiarazioni sul voto referendario. Attenzione!
30 giugno 2006

Alla fine la Costituzione è salva. Un'ampia maggioranza dell'elettorato ha scelto di votare NO al referendum confermativo dello scorso fine settimana, respingendo quindi l'attacco lanciato alla Carta Costituzionale. A risultato appena acquisito, lunedì sera, il presidente del Consiglio Romano Prodi si è lasciato andare a dichiarazioni trionfalistiche. Dichiarazioni confermate anche il giorno dopo. Sostanzialmente il leader del centro-sinistra ha affermato che, con il NO al referendum, l'Unione aveva realizzato un vero e proprio cappotto nei confronti della Cdl, battendola per la terza volta consecutiva(elezioni politiche, elezioni amministrative e referendum appunto). Ha assimilato il NO di domenica scorsa ad un appoggio al suo governo. Non è stato e non può essere così invece!.
La Costituzione italiana, è stato ricordato in questi mesi tantissime volte, è sorta dalla sintesi delle istanze liberali, socialiste e cattoliche delle varie anime della Resistenza antifascista. Essa è patrimonio di tutti gli italiani che si rispecchiano nei suoi valori ed ideali. Averla difesa e salvata dalla devastazione della riforma del precedente governo è stata la motivazione che ha portato gli elettori alle urne. Tutti gli elettori che si sono sentiti minacciati, non soltanto quelli del centro-sinistra!.
Non è quindi, e non potrebbe essere altrimenti, di proprietà di alcuna parte politica. Parte politica che, è bene ricordarlo, è scesa in campo soltanto a poche settimane dal voto. Soltanto l'impegno costante della società civile, associazioni, movimenti, singoli cittadini, giuristi, ha permesso che questi mesi non passassero invano. Nel frattempo l'Unione si attardava tra manuali cencelli e propagande amministrative.
A urne appena chiuse esponenti dell'Unione hanno affermato che ora è possibile un dialogo con l'opposizione per aggiornare la Costituzione. Gli elettori hanno appena ribadito l'attualità e la validità della Carta Costituzionale che subito la loro voce viene prontamente disattesa! Perché quel dialogo, tanto sbandierato, non potrebbe che avvenire con coloro che sono stati gli artefici della devastante riforma appena rigettata. Mentre l'attuale maggioranza, coloro che questa offerta di dialogo pongono, sono e restano gli stessi della Bicamerale. Era il 1997 e, davanti ad una crostata, si decise tutti insieme di porre mano alla Carta Costituzionale. Tentativo del quale, anni dopo, rimarrà soltanto una caotica e malfatta riforma amministrativa ...
E' questa la stessa maggioranza che in quegli anni aprì i Centri di permanenza temporanea, luoghi inumani di detenzione per i migranti. La Costituzione italiana parla espressamente di diritto di asilo, un diritto ripetutamente calpestato in Italia. Ad oggi manca ancora una legge che questo diritto tuteli. Mentre i Cpt restano aperti. Luoghi dove i fondamentali diritti umani e civili non esistono. Carceri nate per motivi amministrativi. Vulnus totale del diritto.
Nel 1999 furono sempre loro ad appoggiare la guerra statunitense contro la Serbia. Guerra che avvenne in violazione dell'articolo 11 della Costituzione. Ma non fu l'unico articolo violato], perché tutto avvenne senza che il Parlamento fosse anche soltato informato delle decisioni del governo.
Come perentoriamente affermato su "La nonviolenza è in cammino" n 1319(http://lists.peacelink.it/nonviolenza/2006/06/msg00008.html) da Severino Vardacampi la parola No significa No e null'altro. Non esistono margini per giochetti di prestigio o inciuci, l'italiano è chiaro e netto. E l'ampia maggioranza di lunedì rende questa parolina ancora più incisiva.
Si rassegni Prodi. Non ci sono connessioni tra il voto di domenica scorsa e il suo governo. Il primo è stato alto esercizio civile dei cittadini italiani. Nulla può avere in comune col sostegno ad una coalizione che, invece, la Costituzione non sempre l'ha adeguatamente tutelata.

Articoli correlati

  • Le dieci ragioni del nostro NO in difesa della Costituzione
    Sociale
    Referendum costituzionale sul taglio dei parlamentari del 20 e 21 settembre

    Le dieci ragioni del nostro NO in difesa della Costituzione

    Non crediamo nei finti risparmi che nascondono gli enormi sprechi della spesa militare e del finanziamento delle milizie libiche per deportare migranti
    7 settembre 2020
  • Il taglio dei parlamentari: un vulnus per la democrazia
    Sociale
    Nel linguaggio giuridico un "vulnus" è l'offesa di un diritto

    Il taglio dei parlamentari: un vulnus per la democrazia

    Occorre domandarsi se un risparmio di spesa incerto, e scarsamente incidente sui costi della politica, costituisca un vantaggio tanto significativo da giustificare gli effetti distorsivi che la riforma rischia di determinare sulla democrazia, sulla rappresentanza politica e sul pluralismo.
    5 settembre 2020 - Area democratica per la giustizia
  • Referendum costituzionale in materia di riduzione del numero dei parlamentari
    Sociale
    Una richiesta alle persone amiche

    Referendum costituzionale in materia di riduzione del numero dei parlamentari

    Vorrei chiedervi di fare cinque cose che mi sembrano necessarie ed urgenti per contrastare la disinformazione e la manipolazione che probabilmente determinerebbero l'esito del referendum in assenza di un'azione di documentazione e coscientizzazione.
    3 settembre 2020 - Peppe Sini
  • Referendum costituzionale, è il tempo delle scelte
    Sociale
    Riduzione da 630 a 400 deputati e da 315 a 200 senatori

    Referendum costituzionale, è il tempo delle scelte

    Dobbiamo chiederci: avere meno rappresentanti ci consentirà di far sentire meglio la nostra voce quando chiederemo giustizia sociale, investimenti, distribuzione equa delle risorse, un lavoro e una vita decente per tutti?
    25 agosto 2020 - Domenico Gallo
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)