Un'avventura che non può finire.

Non ci ammazzeranno tutti

Il Movimento e il portale dei "Ragazzi di Locri" ha ancora 21 giorni di vita. Poi i conti in rosso ne decreteranno la chiusura. 21 giorni per salvare la speranza di noi tutti.
24 settembre 2008

Sono considerati folli, ma sono loro che cambiano il mondo. E' un verso di una poesia di Albert Einstein. E, come non considerare quella dei ragazzi di Locri, una follia. Vincere la cultura di morte, l'omertà, la corruzione tentacolare della 'ndrangheta con la forza della passione, della gioventù, dell'onesta di un gruppo di ragazze e ragazzi puliti e onesti. Hanno resistito a tutto in questi anni, alle minacce, ai tentativi arroganti della politica di cooptarli e di normalizzarli(ne abbiamo già parlato qualche dicembre fa). Ma loro, per riprendere uno slogan anarchico tanto bello quanto ribelle, "non saranno mai come vorranno loro". Un sogno che cammina sulle gambe di molti è una realtà che comincia. Una realtà dura, difficile. E le gambe, passo dopo passo, possono diventare deboli e stanche.

I ragazzi di Locri, il Movimento AmmazzateciTutti, è in difficoltà. La sfida all'impossibile che può essere possibile rischia di finire. Il 17 settembre in una lettera aperta pubblicata sul loro sito i ragazzi sono stati chiari: "rischia di chiudere entro un mese".

"...abbiamo fatto la scelta di essere come gli straccioni di Valmy, abbiamo scelto di combattere contro mostri pieni di soldi e di potere, anche indicandoli con nome e cognome, a nostro rischio e pericolo". Poche righe per ripercorrere anni di lotta e passione, speranza e libertà. Sulle pagine del loro sito così come nelle piazze e nelle strade della Locride i ragazzi hanno inchiodato istituzioni, affaristi, mafiosi ai loro crimini e al marciume del loro operato. Per essere liberi hanno scelto di non avere padroni o mecenati. E ora, dopo una serie di attacchi informatici che mettono a rischio anche il server che li ospita, i conti sono terribilmente in rosso. Se entro il 16 ottobre, terzo anniversario dell'assassinio di Fortugno, il Movimento non riuscirà a trovare 30000 euro saranno "costretti a staccarci la spina da soli, archiviando prematuramente questa bellissima esperienza. Con la morte nel cuore".

Sarebbe la fine di una grande speranza per la Calabria, questa terra "meravigliosa e disgraziata" (per riprendere le loro stesse parole). Una speranza che in questi anni è stata soffocata, giorno dopo giorno, dagli attacchi e dall'indifferenza criminali. Tanti, troppi hanno voluto accreditarsi come amici della Locride, per poi abbandonarla a riflettori spenti. Tanti hanno speculato sulla vicenda Fortugno e sulla mobilitazione spontanea e trasparente dei ragazzi e delle ragazze di Locri. Verrebbe voglia, con rabbia, indignazione, frustrazione, andare sotto le finestre di qualcuno per gridargli in faccia, per metterlo davanti alle proprie responsabilità. A partire da quei politici locali, con il tacito assenso dei loro capomandamenti nazionali, che hanno tentato di strumentalizzare e attaccato Aldo Pecora e tutto il Movimento.

Ma non c'è tempo. E quello che abbiamo non possiamo perderlo dietro a chi non merita neanche disprezzo. Il 2008 è un anno triste per l'impegno civile e sociale dell'Italia che r-esiste alle mafie e ai potentati. E' iniziato con il soffocamento di Casablanca, la rivista catanese fondata da Riccardo Orioles e uccisa dai debiti. Non permettiamo che si chiuda con la fine di AmmazzateciTutti. Chiunque può aiuti la Calabria, si schieri con la Locride. La solidarietà delle persone libere e oneste dimostri ad Aldo che "è ancora possibile organizzare la speranza", che non hanno fallito. Con loro falliremmo tutti noi.

Sul loro sito, in fondo alla lettera aperta a "chi ci vuole bene", sono indicate le coordinate bancarie e postali per effettuare una donazione libera a sostegno di AmmazzateciTutti.

Articoli correlati

  • Schede
    Breve scheda

    Raoul Follereau (1903- 1977)

    Fu promotore di un movimento di solidarietà con le vittime della lebbra e di lotta contro la lebbra. Incontrò i lebbrosi, li aiutò e per tutta la vita denunciò l'indifferenza nei confronti della loro condizione. Invitò i potenti della terra a convertire le spese militari per aiutare chi soffre
    Peppe Sini
  • Varese: progetto di assistenza sanitaria per immigrati
    Migranti
    L’ambulatorio è nato dall'impegno di un gruppo di volontari

    Varese: progetto di assistenza sanitaria per immigrati

    Sanità di Frontiera (SDF) è frutto di un' iniziativa autonoma di un  gruppo di volontari che, quando nel 2009 fu definito il "reato di clandestinità", immediatamente sorse dal nulla, sull'onda del forte sdegno provocato da questa aberrazione giuridica
    25 febbraio 2020 - Sanità di Frontiera
  • Da piazza Tahir all'Italia: la guerra porta solo altra guerra
    Pace
    Foto dalle piazze pacifiste italiane

    Da piazza Tahir all'Italia: la guerra porta solo altra guerra

    Il 25 gennaio in oltre 50 città italiane associazioni, movimenti e cittadini hanno organizzato eventi aderendo all'appello Spegniamo la guerra, accendiamo la Pace. PeaceLink pubblica le foto di alcune piazze. E alla vigilia è stata diffusa un'importante lettera dalla società civile irachena
    27 gennaio 2020
  • Spegniamo la guerra, accendiamo la Pace! Contro le guerre e le dittature a fianco dei popoli in lotta per i propri diritti
    Pace
    Sabato 25 gennaio 2020 giornata di mobilitazione internazionale per la pace

    Spegniamo la guerra, accendiamo la Pace! Contro le guerre e le dittature a fianco dei popoli in lotta per i propri diritti

    “La guerra è un male assoluto e va ‘ripudiata’, come recita la nostra Costituzione all’Art. 11: essa non deve più essere considerata una scelta possibile da parte della politica e della diplomazia”.
    15 gennaio 2020
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)