Inquinamento e fabbrica

Medicina Democratica: "Promuovere i processi e starvi come parte civile"

Medicina Democratica continuerà in questa attività a sostegno del diritto a ricevere giustizia da parte di migliaia di lavoratori morti o danneggiati.
18 ottobre 2008
Medicina Democratica (www.medicinademocratica.org)

PROMUOVERE I PROCESSI E STARVI COME PARTE CIVILE: UNA SCELTA VALIDA
PER IL MOVIMENTO A SOSTEGNO DELLE ESIGENZE DI GIUSTIZIA DEI LAVORATORI
E DI VERITA' SUI CRIMINI DA LAVORO
Un casco da operaio

I processi penali e civili conseguenti ad esposti e denunce di Medicina Democratica per la tutela del diritto alla salute dei lavoratori in tante parti d'Italia (Venezia, Manfredonia, Brindisi, Milano ecc) nonchè la presenza come parte civile negli stessi (ultima quella al processo per i fatti delittuosi alla Thyssen Krupp di Torino) hanno rappresentato e rappresentano uno strumento valido per far emergere, attraverso l'attività peritale frutto del sapere dei lavoratori e dei tecnici democratici, verità che altrimenti resterebbero sepolte. Medicina Democratica continuerà in questa attività a sostegno del diritto a ricevere giustizia da parte di migliaia di lavoratori morti o danneggiati. E lo farà fino in fondo essendo indisponibile a patteggiamenti perchè non intende lucrare sui diritti dei lavoratori.

E' quanto sta emergendo dal dibattito in corso a Brindisi al Congresso Nazionale del Movimento.

Sempre su questo tema si è denunciato l'attacco ai lavoratori che proviene dal disegno di legge 1441-quater dell'attuale Governo che mira ad impedire al giudice ogni valutazione di merito nel giudizi per licenziamento annullando così rilevanza del diritto costituzionale al lavoro. Ciò che si vuole far valere è il dettato del contratto, anche solo individuale, che così diventa più importante delle leggi e della stessa Costituzione.

Un attacco questo al diritto al lavoro su cui MD denuncia un silenzio assordante.

Articoli correlati

  • ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini
    Ecologia
    Il 22 maggio manifestazione in piazza contro il dissequestro degli impianti siderurgici

    ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini

    Le quattro condanne di oggi verso l'Italia sono la plastica evidenziazione di tutte le inadempienze dei governi che si sono succeduti. Le quattro condanne di oggi della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo (CEDU) confermano Taranto come "zona di sacrificio" dei diritti umani.
    5 maggio 2022 - Associazione PeaceLink
  • Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute
    Ecologia
    Dichiarazioni forti in materia di diritti

    Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute

    Il Presidente del Tar di Lecce, Antonia Pasca, ha parlato dell'Ilva all'inaugurazione dell’anno giudiziario. Nel 2021 il Tar confermò invece l’ordinanza di chiusura dell'area a caldo del sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci.
  • Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale
    Citizen science
    Raffronto fra la mortalità dei quartieri più inquinanti di Taranto e la mortalità regionale

    Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale

    Dal 2011 al 2019 in totale vi sono 1075 morti in eccesso di cui 803 statisticamente significativi.
    L'eccesso di mortalità medio annuo è di 119 morti di cui 89 statisticamente significativi.
    L'intervallo di confidenza considerato è del 90%.
    13 maggio 2021 - Redazione PeaceLink
  • Pace
    Ci costituiamo in base all'art. 11 della nostra Carta Costituzionale: "L'Italia ripudia la guerra"

    Documento del Comitato per la Pace di Taranto

    Sabato 26 febbraio saremo in presidio a Taranto esprimendo la nostra preoccupazione per l'escalation militare. Chiediamo all'Italia e all’Europa di adoperarsi diplomaticamente per evitare il conflitto. Diciamo no all'estensione della Nato all'Ucraina e a nuove armi nucleari Usa in Europa.
    21 febbraio 2022 - Comitato per la Pace di Taranto
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)