E' accaduto oggi a Taranto. Il padre di uno dei due operai: "Mi sento solo e sconfitto"

Quando la difesa del copyright è più importante della vita di due operai

Per la morte di due operai solo un anno di reclusione ad alcuni dirigenti (e l'assoluzione al presidente dell'azienda). Ma se copi un programma per computer potrebbe scattare invece una condanna fino a tre anni di reclusione!
17 ottobre 2008

Chi ha scritto le norme per la tutela del copyright
Un pretore particolarmente severo potrebbe in teoria condannare un ragazzo che duplica un programma informatico ad una pena superiore rispetto a chi viene condannato per la morte di operai e per aver omesso le misure di sicurezza in fabbrica.

Colpa del magistrato?
No: colpa di una parte della classe politica che ha vergognosamente manipolato la legislazione. Era al governo il centrosinistra quando tutto questo è accaduto.

Parliamo della legge 248/2000 ("Nuove norme di tutela del diritto d'autore") approvata il 18 agosto 2000 quando la maggioranza degli italiani erano in vacanza.

Ma ripercorriamo brevemente quell'estate di assurda legislazione. A fronte di questo grande favore alla lobby del copyright, troviamo per fortuna un intervento contrario del verde Paolo Cento in Parlamento che adombra “una pressione non legittima esercitata nei confronti dei parlamentari”. E poi, ecco un’altra voce fuori dal coro, una donna parlamentare (Tiziana Parenti) al momento del voto dichiara in aula: “Ritengo che sia insopportabile ed inammissibile il fatto che siamo coartati a scrivere cose aberranti come quelle contenute nella proposta di legge, solo perché pressati da gruppi di interesse!”

Ma chi è l'estensore della legge?
Si chiama Mauro Masi.
E' ovviamente un tecnico, non un parlamentare. A dimostrazione che la volontà di legiferare nasce spesso "fuori" dal parlamento.

Ma chi è il prof. Mauro Masi? Si legge su www.governo.it: "Nel maggio del 2006 è nominato Capo di Gabinetto del Vice Presidente del Consiglio dei Ministri On. Massimo D'Alema". Nel dicembre 2002, come Commissario Straordinario della SIAE, viene stato eletto Presidente di "FastTrack", un'alleanza tra le società che producono il 60% dei diritti d'autore incassati nel mondo. Tale alleanza ha come scopo il coordinamento internazionale della gestione del diritto d'autore. Dopo essere stato Capo di Gabinetto di D’Alema, Mauro Masi nel maggio del 2008 è stato nominato Segretario Generale della Presidenza del Consiglio dei Ministri dal Presidente On. Silvio Berlusconi.

Alessandro Marescotti
Presidente di PeaceLink
Ci stringiamo attorno al dolore del padre di Paolo Franco che, dopo la
sentenza di assoluzione di Emilio Riva, ha dichiarato si sentirsi
sconfitto e solo.

Ad Angelo Franco vogliamo dire che non è solo.
La sua lotta ha interpretato un bisogno di giustizia di tanti cittadini.
Vogliamo dirgli con senso senso di umana vicinanza che la rivendicazione
di un lavoro e un futuro sicuro non sarà fermata,
Il bisogno di giustizia non può essere permanentemente sconfitto e questo
processo costituisce in ogni caso una importante testimonianza di
coraggio.

Alzando la testa, Angelo Franco ha insegnato a tutti noi che non bisogna
mai chinarla, neppure di fronte a chi è ricco e potente.

E' scandaloso tuttavia constatare che in Italia per la morte di due operai
venga inflitto un anno di reclusione ad alcuni dirigenti mentre per la
copia non autorizzata di un programma per computer potrebbe scattare una
condanna fino a tre anni di reclusione.

Per il Comitato per Taranto

Michele Carone
Peppe Cicala
Lea Cifarelli
Nevio Conte
Teresa D'Assisi
Paola Dauria
Salvatore De Rosa
Giulio Farella
Anna Ersilia Gigante
Maria Lo Savio
Rosanna Losco
Lucrezia Maggi
Alessandro Marescotti
Ubaldo Molinari (Comitato tarantino del forum pugliese acqua bene comune)
Cristiana Mutti
Luigi Oliva
Antonietta Podda
Massimo Ruggieri
Giovanni Settanni
Silvio Spizzirri
Maria Teresa Tarallo
Infortunio sul lavoro


Note: Per altre info:

Il processo concluso oggi
http://comitatopertaranto.blogspot.com/2008/10/briciole-di-pena.html
http://lists.peacelink.it/news/2008/10/msg00025.html

La storia del processo e la pena che era stata richiesta dal PM
http://www.tarantosociale.org/tarantosociale/a/27265.html

Il sito dell'associazione fondata dal papà di Paolo Franco
http://www2.csvtaranto.org/associazione12giugno/index.html

Infine segnaliamo questo sito
http://www.cadutisullavoro.it

Articoli correlati

  • Cittadinanza globale a partire da Taranto
    Cittadinanza
    Taranto un esempio educativo virtuoso e virtuale

    Cittadinanza globale a partire da Taranto

    A Cortona nel 2008 l’esperienza fondante di un summit sulla cittadinanza attiva e globale
    22 ottobre 2020 - Laura Tussi
  • Luciana Castellina e gli ambientalisti di Taranto "poco consapevoli" sull'ILVA
    Laboratorio di scrittura
    In risposta ad un appello su Sbilanciamoci

    Luciana Castellina e gli ambientalisti di Taranto "poco consapevoli" sull'ILVA

    Si parla di "giustificata resistenza dei lavoratori (il “meglio morti per cancro che di fame” degli operai Italsider di Taranto) a chi – ambientalisti poco consapevoli – insistono per drastiche chiusure di stabilimenti senza preoccuparsi per le conseguenze sociali che possono derivarne”.
    20 ottobre 2020 - Alessandro Marescotti
  • Ambiente: a Taranto flash mob davanti Comune, 'Città CoWind'
    Ecologia
    ILVA, flash mob indetto dal Comitato cittadino per l’ambiente e la salute

    Ambiente: a Taranto flash mob davanti Comune, 'Città CoWind'

    “La città del CoWind”, è la scritta che campeggia su uno dei cartelli del flash mob davanti al Municipio di Taranto. Per il Covid 19 le finestre delle scuole devono rimanere aperte. Ma le autorità sanitarie raccomandano nei Wind Days, di tenerle chiuse
    17 ottobre 2020 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • ArcelorMittal: flash mob contro fabbrica sabato a Taranto
    Taranto Sociale
    I cittadini protesteranno perché il sindaco Rinaldo Melucci non risponde

    ArcelorMittal: flash mob contro fabbrica sabato a Taranto

    Il Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto: "Si chiede ancora una volta che il sindaco dichiari l'incompatibilità dell’area a caldo dell’Ilva con la salute pubblica. Ricordiamo che l'area a caldo dell'Ilva venne già dichiarata fuorilegge fin dal 2012 dalla Magistratura".
    15 ottobre 2020 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)