Sociale

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Abruzzo, non è la 'ndrangheta che mancava, è la coscienza diffusa che manca

    Abruzzo, non è la 'ndrangheta che mancava, è la coscienza diffusa che manca

    La recente scoperta di una vera e propria rete ‘ndranghetista, che ha cercato di dominare e opprimere la città di Francavilla e il circondario, è l’ultima (in ordine di tempo) dimostrazione che l’Abruzzo “isola felice” (come già scritto mesi fa) esiste solo nelle menti ipocrite di chi non vuol vedere, di chi vuol cullarsi in una pax borghese e disinteressata alle sorti comuni. La realtà dell’Abruzzo è questa da tantissimi anni.
    4 marzo 2017 - Alessio Di Florio
  • Cara Pina ...

    Cara Pina ...

    Un ricordo di Pina Maisano, la vedova dell’imprenditore Libero Grassi assassinato dalla mafia nel 1991 per essersi ribellato al racket, scomparsa il 7 giugno scorso
    18 giugno 2016 - Arianna Tascone
  • Pippo e Peppino sono vivi, i morti sono altri
    Un 5 gennaio nasceva Peppino Impastato, un 5 gennaio la mafia assassinava Pippo Fava

    Pippo e Peppino sono vivi, i morti sono altri

    La “commemor-azione”, il ricordare proseguendo sul cammino su cui ci hanno preceduto, è l’unica rispettosa e degna. Oggi come tutto l’anno Peppino e Pippo non devono essere santi per laici altari ma “fuoco che deve arderci dentro”.
    5 gennaio 2016 - Alessio Di Florio
  • La notte di Milazzo, dove l'uomo è più pericoloso delle fiamme

    La notte di Milazzo, dove l'uomo è più pericoloso delle fiamme

    Il grave incidente nella raffineria di Milazzo nella notte tra il 26 e il 27 settembre: tra sviste, incompetenze e false rassicurazioni che danno solo la certezza di mettere a rischio la salute e l'ambiente.
    27 settembre 2014 - Luciano Manna
Inviate messaggi di sostegno scrivendo a sindaco.crocetta@comune.gela.cl.it

PeaceLink esprime solidarietà al sindaco di Gela Rosario Crocetta

La mafia lo vuole uccidere, per questo è importante stringersi attorno a lui, simbolo di una politica che non patteggia con i "signori del pizzo"
24 aprile 2009 - Alessandro Marescotti

Carissimo Sindaco,
Il sindaco di Gela Rosario Crocetta


da poche ore la notizia è pubblica: la mafia voleva e vuole ucciderti.

Conosciamo il tuo impegno e ti consideriamo un simbolo per tutti i sindaci che non vogliono scendere a patti con il potere mafioso.

Per questo ti esprimiamo la nostra più viva solidarietà.

Alessandro Marescotti
Presidente di PeaceLink - Telematica per la Pace
c.p. 2009
74100 Taranto
http://www.peacelink.it
cell. 3471463719

Note:

La notizia è questa: la Procura di Caltanissetta ha scoperto che Rosario Crocetta, Sindaco di Gela, è uno dei prossimi obiettivi del gruppo mafioso degli Emanuello. La sua "colpa" sarebbe quella di collaborare con la Polizia nel combattere il racket delle estorsioni. Sono stati arrestati due esponenti degli Emanuello: Maurizio Saverio La Rosa, 40 anni, e Maurizio Trubia, 41 anni. L'accusa è di associazione armata e avrebbero preteso il "pizzo" da società siciliane che vincevano appalti pubblici nel nord, in particolare nella zona di Milano. Un imprenditore, che ha denunciato il "pizzo", ha collaborato alle indagini. Fondamentali le tanto vituperate intercettazioni telefoniche.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)